Qual’è la linea di demarcazione tra passione per la storia e apologia storica?


Mi domando: in questa immagine sto leggendo un libro di un personaggio storico o sto idolatrando il personaggio storico?Qual’è la linea di demarcazione tra passione storica e apologia storica?È l’esposizione pubblica a trasformare un collezionista appassionato in un fanatico fascista?Chi decide di cosa si tratta?Su quali basi si fa la distinzione?

La mia vita.jpg

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

La Grande Storia-Hitler e Mussolini.L’ascesa


adolf.jpg

“Hitler e Mussolini.L’ascesa”,di Jean-Cristophe Rosé e Nicola Bertini.Durante la prima metà del XX secolo due dittatori,Hitler e Mussolini,provocano il più grande disastro nella storia del genere umano:la seconda guerra mondiale.Nulla sarebbe stato possibile senza la loro complicità.Questo documentario racconta gli anni della loro ascesa,del consolidamento al potere fino allo scoppio del conflitto e alla dichiarazione di guerra di Mussolini.Lo psichiatra Vittorino Andreoli analizza i numerosi incontri tra i due dittatori, poi la loro amicizia vera o presunta e infine lo scontro;inevitabile,tenendo conto delle loro personalità,manie e ossessioni.Tutto questo raccontato attraverso straordinarie immagini a colori,originali dove possibile oppure ricolorate attraverso moderne tecniche digitali, soprattutto per quanto riguarda la storia del fascismo.Hitler e Mussolini.L’ascesa,è introdotto e commentato,come di consueto,da Paolo Mieli.

Benito Mussolini andò al potere nell’Ottobre del 1922,Adolf Hitler all’inizio del 1933,passarono 10 anni dalla conquista al potere dell’uno e dell’altro e durante quegli anni  Hitler ammirò Mussolini;poi però quando andò al potere diede luogo a un regime diverso da quello mussoliniano e le esperienze dei due presero a separarsi;a poco a poco quell’ammirazione iniziale di Hitler si trasformò in qualcosa di molto ma molto diverso.

(Paolo Mieli)

      (FONTE VIDEO:RAI REPLAY)

La Grande Storia-La caduta degli Dei


1.jpg
Una ragazza,stuprata e picchiata dai soldati dopo la sconfitta nazista.La sua colpa?Essere tedesca.

Il nazismo e l’esperienza della Germania nazista hanno inflitto all’Europa il più grande dolore del ‘900.Lo chiamo dolore ma dovrei dire atrocità,anzi atrocità su atrocità,e non finiremo mai di ricordare,non finiremo mai di ricordare abbastanza quanto quelle atrocità hanno provocato danno al nostro continente,quanto quelle immagini della Germania trionfante a vederle ci ricorda quello che venne dopo.Ma da storici è importante parlare anche di un’altra metà che fino ad oggi per motivi comprensibili abbiamo visto ben poco ed è la metà delle sofferenze che ha subito il popolo tedesco,quasi fosse stato interamente colpevole del nazismo dopo la fine della seconda guerra mondiale.

 (Paolo Mieli)

FONTI:RAI-REPLAY,LA-GRANDE-STORIA

Un documentario che fa riflettere,ieri come oggi.Le atrocità si sono spostate nei vari continenti ma sono rimaste le stesse.Storie tristi e rimaste nascoste.Storie di noi.Siamo vittime e carnefici della nostra stessa razza.Chi siamo veramente?Cosa abbiamo fatto?Perchè lo abbiamo fatto?Come è stato fatto?Quando fu fatto?Rispondere a queste domande è necessario affinchè la condizione dell’uomo possa progredire nella giusta direzione.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Stanotte a San Pietro [download]


Alberto Angela ci fa scoprire monumenti famosi come la cupola di San Pietro, la sublime Pietà, gli affreschi della Cappella Sistina e i giardini immersi nella quiete notturna.Ci porta sulle tracce dell’anziano Michelangelo e del giovane Raffaello, scoprendo anche luoghi normalmente chiusi al pubblico come l’archivio segreto, la gendarmeria, la caserma delle Guardie Svizzere. Ci racconta una lunga storia di potere, spiritualità e mecenatismo che ha conosciuto anche momenti drammatici. Grazie alle tecniche della polizia scientifica quasi in un moderno CSI Alberto Angela riuscirà a far rivivere la città dei Papi in una luce nuova.StanotteASanPietro.jpg

Volete scaricarvi la puntata e vedervela comodamente dove e quando volete??Nessun problema con 4 semplici mosse a portata di mouse:

  1. Andate sul video del sito di rai replay (link al video)
  2. Copiate l’URL (ovvero l’indirizzo web)
  3. Incollatelo al sito pastlink (link al sito)
  4. Salvate il video sul desktop (il formato è .mp4,la risoluzione 928×522 (16:9),lo spazio occupato 1.68 GB)

A seconda della vostra connessione internet impiegherete dai 10 ai 30 minuti per il download completo.In alternativa se avete installato un programma di torrent e volete una qualità ancora maggiore potete scaricare il file a questo link(fino a quando sarà disponibile,in questo caso il video in formato è codificato in H264 ad una risoluzione 1080p e occupa 3.06 GB).Buona visione

alberto angela.jpg
Una rivisitazione moderna su base Angela del Giudizio Universale di Michelangelo

 

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Il covo dei serpenti


serpenti.jpg

Ho gli occhi pieni di serpi.
Mi annebbiano la vista.
Mi soffocano il respiro.
Mi scherniscono la fiducia.
Mi feriscono l’animo.
Mi iniettano veleno.
Mi urlano sibili assordanti.
Mi batte forte il cuore.
Mi sento lo stomaco in gola.
Mi schiaffeggio violentemente.
Non è un sogno.

Ho visto parlar male,alle spalle di un’amica(in sua assenza)e poi???ABBRACCIARLA.Come le chiamate??Persone??No,assolutamente no!!
Indipendentemente dal sesso,dalla ragione sociale,dall’età,dalla loro storia di merda,sono serpenti striscianti sulla vigliaccheria umana,deridono la vittima e scavalcano la propria dignità per far prevalere nel branco il loro ego di infima putridità.Sono come la melma,zozzi,sporchi,infanganti.
E così,ascoltando quasi incredulo,ti senti all’istante un fottuto topo caduto in trappola,osservando inerme quel comportamento difficile da definire per quanto scabroso,ti domandi se non abbiano fatto altrettanto in tua assenza.Allora rielabori tutto a ritroso,i falsi sorrisi,i falsi sguardi,il falso interesse,le false parole.Tutto falso.Tutto meramente architettato a dovere per fini di beffa e e di potere.Tutto diventa chiaro,tenti di fuggire,ma ormai è troppo tardi,sei finito per errore nel covo dei serpenti.

La giornata della mezza memoria


rosa.jpgQuello che tutti dicono di dover ricordare e che fanno vedere in tv per me non è la vera memoria.E’ la memoria innestata.E’ la mezza memoria,è un lato della medaglia,un pezzo di storia,una narrazione senza vera indagine.Bisogna ricordare tutte le atrocità fatte e non solo quelle che fanno comodo.Visto che nessuno lo ricorda anzi non lo vuole rimembrare lo voglio ricordare io in questo piccolo articolo per rispetto a tutti i civili e non,uccisi,morti ammazzati da ciò che considero sul podio dei crimini umani più atroci mai commessi dall’uomo. La cosa peggiore è l’ipocrisia che si nasconde difronte alla morte,la mancanza di descrizione oggettiva e non soggettiva degli eventi.Di cosa sto parlando??Beh la data che ha cambiato una parte della storia: 6 agosto 1945. Il giorno in cui un “piccolo ragazzo” scese dal cielo per ammazzare quante più vite umane possibili,come fosse un angelo cacciato dal paradiso e mandato sulla terra da chissà quale divinità.Il “piccolo ragazzo” ovvero “little boy” era stato creato proprio per uno scopo:dimostrare al mondo chi comandava.Come sempre la dimostrazione di potere uccide più vittime innocenti di qualsiasi altra cosa e l’America necessitava di un evento intimidatorio nei confronti dell’altra grande potenza mondiale ovvero la Russia.Quindi non fu altro che un semplice esperimento nucleare con uno scopo ben preciso.Sperimentare sulle vite umane proprio come faceva Heinrich Himmler con gli ebrei nei campi di concentramento.Due storie parallele e ravvicinate di come la negazione,la tragedia,lo sterminio possano essere crudeli e malvagi.

little boy
Ricostruzione di little boy

Questo “piccolo ragazzo” caduto dal cielo avrebbe fatto uno sterminio in due fasi.

Fase 1: sterminio diretto.Una palla di fuoco con un diametro di circa 30 metri si formo’ in 0,1 millisecondi, una temperatura di 300.000 gradi centigradi e si estese ad un suo massimo in un secondo. Il fungo atomico si elevo’ a circa 17.000 metri di altezza.Il totale dell’energia sprigionata dalla bomba di Hiroshima fu pari a circa 15.000 tonnellate di TNT. Come un inferno risalito dalle viscere della terra per trasformare in cenere un’ intera città in pochi secondi.

Fase2: sterminio indiretto da radiazioni.Malformazioni genetiche,contaminazioni,morte su morte,sofferenza,gravi conseguenze psicofisiche.

14 15

Questo è quanto….questa è la mia memoria…per non dimenticare i più di 200.000 morti arsi vivi dall’America….perchè quelle due bombe non erano necessarie…perche’ tutto quello non doveva accadere ma accadde…la memoria va a queste vittime uccise due volte,dalla morte e dall’ipocrisia.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.