Come inserire nei video le telemetrie del vostro GARMIN


Introduzione

In questo tutorial vedremo come inserire le telemetrie (velocità, mappa, altitudine, tempo, battito, potenza, ecc…) acquisite dai vari sensori (GPS, sensore ottico, accelerometro, ecc..) del proprio dispositivo Garmin o simile, in sovra impressione nei video registrati in contemporanea durante lo svolgimento di tali attività (giro in bici da corsa o MTB, escursione in montagna, passeggiata in moto, barca a vela, trail running, ecc…). Le avete sicuramente viste nelle gare di formula uno o nelle gare motociclistiche e riportano in sostanza i dati dei sensori acquisiti in tempo reale sullo schermo dove viene visualizzata la camera del pilota.

Garmin Virb Telemetria
Screenshot di un editing utilizzando Garmin Virb Edit

Video Tutorial 

Il video tutorial è diviso in due parti:

  • Parte 1: introduzione, materiale necessario, registrazione video
  • Parte 2: introduzione al software Garmin Virb Edit e sincronizzazione del video con i dati telemetrici

Software e Hardware necessari (caso costoso)

Garmin ha prodotto il software e l’hardware per fare video e telemetrie in automatico, ma questo richiede che voi acquistiate una Garmin Virb Action Cam che si aggira attorno ai 400€. Per baypassare tale spesa ci sono soluzioni alternative molto valide che adesso vi faremo vedere.

Software e Hardware necessari (caso gratuito)

Lo scopo di questo tutorial è naturalmente di farvi spendere meno soldi possibile. Vi elenchiamo quindi tutto ciò di cui avrete bisogno per realizzare homemade la vostra telemetria su video:

  1. Avere un computer per elaborare video e dati
  2. Avere un dispositivo Garmin per acquisire i dati e un’action cam o smartphone per registrare il video riferito alla traccia
  3. Scaricare gratuitamente il software Garmin Virb Edit qui per effettuare la sincronizzazione tra video e dati telemetrici
  4. Saper padroneggiare il software

Montaggio di dati e video

  1. Andate nel sito di Garmin Connect e scaricate la vostra traccia .GPX.
  2. Apriamo Virb Edit e clicchiamo su andiamo Crea Video
  3. Importiamo il video registrato durante l’attività svolta
  4. Andiamo sull’impostazione G-Metrix e importiamo la traccia .GPX scaricata al punto 1 (la traccia scaricata da Strava potrebbe creare rogne quindi usate Garmin)
  5. A questo punto abbiamo il video con i dati ma il problema è che telemetria e video non sono sincronizzati. Per tale motivo dobbiamo cliccare sul pulsante Sincronizzazione G-Metrix e si aprirà una doppia finestra dove andremo a selezionare il punto di partenza del video e il punto corrispondente sulla traccia GPS
  6. Scegliamo gli indicatori telemetrici da andare ad aggiungere sulla schermata video in G-Metrix
  7. Esportiamo il video finale

Se vuoi sbizzarrirti 

Per i più smanettoni l’idea non finisce qui ma si monta il video mixando con la traccia registrata da Relive in modo da avere una panoramica totale del percorso. Forte no? Ora tocca a voi! Lasciate un like all’articolo se vi è stato utile e ci vediamo alla prossima.
Google Play Store

Copyright©2019 Seremailragno.com by Michele Paoletti – michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

Unire più tracciati GPX separati in un unico file


Il problema

Può capitare di voler unire due o più tracce GPX in un unico file. Un esempio può essere la registrazione da due dispositivi differenti; può capitare infatti (a me succede spesso) di iniziare a registrare con il proprio sportwatch Garmin e a causa della batteria in esaurimento, stoppare l’attività in modo che venga salvata, e dover utilizzare magari Strava nel proprio smartphone. Per unire i due tracciati e renderli contigui in un unico file ci viene in aiuto un tool online di nome gpsvisualizer che permette di realizzare proprio l’operazione che stavamo cercando. Chiaramente se vogliamo un risultato pulito e congruo i tracciati dovranno essere contigui, ovvero appena ne stoppo uno su un dispositivo debbo iniziare a registrare immediatamente con l’altro.

Istruzioni rapide per l’uso

  1. Andate al sito web gpsvisualizer.com e scegliete i file .gpx da caricare (dopo averli scaricati dal Garmin e Strava o similari). Le opzioni sono cerchiate di rosso nella figura sottostante.
  2. Cliccare su show andvanced options. L’opzione è cerchiata in verde nella figura sottostante.
  3. Impostate su yes le opzioni di connessione dei segmenti e il merge (unione) delle tracce. Le opzioni sono cerchiate di blu nella figura sottostante.
  4. Cliccate sul pulsante convert. L’opzione è cerchiata in arancione nella figura sottostante.
  5. Verrà generato un file .gpx e un file .xml. Noi scarichiamo il file .gpx e lo carichiamo su Garmin o Strava.

unire-tracce-gps

Clicca qui per seguire l’edizione in Google News

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Orologi bidoni di fattura cinese e la tattica del fake marketing


Smart watch tattico

Ciao amici, oggi vi parliamo di “orologi fake” perché ci siamo rotti i coglioni delle prese in giro nel web ai danni di ignari consumatori. Ebbene dopo una decina di bombardamenti pubblicitari non ho resistito alla curiosità e ho cliccato per approfondire e studiare il marketing dell’orologio fake. Partiamo dall’inizio…

Il modello pubblicitario targettizzato

Perché sono bombardato dal fantomatico smartwatch tattico?? Perché rientro nel target da loro scelto: mi piacciono gli orologi smart. Come fanno a saperlo? Qui si apre un mondo di cui si è parlato molto ma abbastanza male. In internet tutti abbiamo una storia (cronologia varia, iscrizioni, siti e prodotti visualizzati, prodotti acquistati) che, teoricamente secondo un modello etico, dovrebbe rimanere riservata per ovvi motivi di privacy. Ma nel mondo capitalista del marketing spietato e della globalizzazione spinta dove i tuoi dati valgono molto di più rispetto al costo della gratuità del servizio a voi offerto (vedi Facebook, Whatsapp, Instagram, ecc..), la tua storia ha un prezzo e viene barattata in giro da apposite piattaforme pubblicitarie. Lo scandalo Facebook di qualche mese fa è la prova tangibile del mondo sommerso dei big data.

L’importanza del target

Perché è essenziale focalizzarsi sul target di destinazione? La risposta è banale: per centrare l’obiettivo con più facilità. La targettizzazione è uno degli elementi essenziali nella vendita sia online che nella vita reale. Se vuoi vendere un prodotto/servizio devi conoscere la fetta di mercato a cui rivolgerti e raggiungerla a dovere. Questo permette di ridurre i costi pubblicitari (minor persone da raggiungere=minor costo) e aumentare il cosiddetto tasso di conversione detto anche through rate poiché se un soggetto ha maggior interesse per un prodotto è molto più probabile che lo acquisti. Ossia il target è legata all’interesse e l’interesse è legato alla probabilità di acquisto a cui è connesso l’obiettivo principale di ogni venditore: massimizzare il profitto derivante dal guadagno economico.

Come riconoscere un fake online?

Vediamo alcuni punti fondamentali quasi sempre presenti non solo nel caso specifico del sito web strumentitattici.it che vende cineseria spacciata per orologi tattici professionali:

  1. Pubblicità ingannevole: parte tutto dalla pubblicità presente nei vari siti web che ospitano elementi pubblicitari
  2. Prezzi con sconto esorbitante: quando vedete 60%,70%,80% l’inganno è dietro l’angolo
  3. Spiegazioni tecniche assenti: tutto campato per aria senza una minima spiegazione tecnica
  4. Nome inglese accattivante: l’inglesismo una tecnica presente spesso per ingannare ed enfatizzare il nulla
  5. Una sola pagina web dedicata (landing page): è la classica paginetta creata ad hoc dove tu “atterri”, acquisti e te ne vai
  6. Nessuno ne parla: il prodotto è assente in forum, siti web di fama, blog di tecnologia, canali di youtuber
  7. Assenza di recensioni online: forse anche io mi vergognerei di recensire un prodotto del genere in quanto ammetterei di averlo acquistato e di essere stato un pollo spennato
  8. Chi ne parla è riconducibile a chi lo vende: siti tra loro collegati che si “autosupportano” per fregarti
  9. Link per acquistarlo estremamente visibili: parole giganti, scritte colorate, link ovunque
  10. Frasi cariche di fomentazione da far invidia agli americani: born to be strong, ma quanto cazzo siete ridicoli? Ahahahahha, pessimi proprio…
  11. Il tempo limitato: imperterrita la scritta “Solo questa settimana in offerta speciale!”,  lo slogan perfetto per farti acquistare subito il prodotto senza pensarci. La disattivazione della razionalità perché hai poco tempo è uno degli elementi di marketing più diffusi al mondo. Pochi prodotti, pochi posti, poco tempo, affrettati, ma non rompetemi i coglioni, io vado piano, ragiono e vi fotto!
  12. Dati sul venditore: quando c’è di mezzo la Cina la puzza è vicina. Un sito italiano con riferimenti cinesi puzza di sfritto a centinaia di kilometri, boia cane…  Strumenti Tattici MIXUP LIMITED Company Number: 68175821 Rm 1104 Crawford House, 70 Queen ‘s Rd. Central, Central, Hong Kong. Telephone: +852 2961-4689

Il traffico al sito è notevole piazzandosi quasi a 200.000 nel rank globale fornito da Alexa. Quanti utenti avete ingannato con le vostre fandonie??

Orologitattici statistiche

Aiutatemi a condividere l’articolo in modo tale da mettere in guardia gli acquirenti da questi ingannatori seriali da 4 soldi.

Orologio tattico recensioni

Clicca qui per seguire l’edizione in Google News Google News

Copyright©2018 https://seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.