La Grande Storia-La caduta degli Dei


1.jpg
Una ragazza,stuprata e picchiata dai soldati dopo la sconfitta nazista.La sua colpa?Essere tedesca.

Il nazismo e l’esperienza della Germania nazista hanno inflitto all’Europa il più grande dolore del ‘900.Lo chiamo dolore ma dovrei dire atrocità,anzi atrocità su atrocità,e non finiremo mai di ricordare,non finiremo mai di ricordare abbastanza quanto quelle atrocità hanno provocato danno al nostro continente,quanto quelle immagini della Germania trionfante a vederle ci ricorda quello che venne dopo.Ma da storici è importante parlare anche di un’altra metà che fino ad oggi per motivi comprensibili abbiamo visto ben poco ed è la metà delle sofferenze che ha subito il popolo tedesco,quasi fosse stato interamente colpevole del nazismo dopo la fine della seconda guerra mondiale.

 (Paolo Mieli)

FONTI:RAI-REPLAY,LA-GRANDE-STORIA

Un documentario che fa riflettere,ieri come oggi.Le atrocità si sono spostate nei vari continenti ma sono rimaste le stesse.Storie tristi e rimaste nascoste.Storie di noi.Siamo vittime e carnefici della nostra stessa razza.Chi siamo veramente?Cosa abbiamo fatto?Perchè lo abbiamo fatto?Come è stato fatto?Quando fu fatto?Rispondere a queste domande è necessario affinchè la condizione dell’uomo possa progredire nella giusta direzione.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

La perfezione fobica del ragno


ragno.jpg
Foto realizzata sul muro esterno di casa con un Asus laser 2

Perchè aver paura del ragno?Cosa evoca?L’aracnofobia (dall’etimologia aracne->ragno“, phobos->paura“) è un’irrazionale paura nei confronti dei ragni.Per quale motivo moltissime persone hanno paura di questo animale appartenente alla famiglia degli aracnidi?Paura,disgusto,disprezzo,ribrezzo,brividi,attacchi di panico,repulsione,perdita di controllo,questi sono gli effetti della semplice vista di un ragno la cui intensità varia a seconda di molti aspetti,vediamone alcuni:

  1. soggetto,alcune persone sono molto più sensibili di altre.C’è anche chi è insensibile e non ha nessuna paura.
  2. aspetto dell’animale,certe razze incutono maggior timore rispetto ad altre per via della loro conformazione tozza e in apparenza aggressiva.
  3. dimensione,più il ragno è grande e maggiore è la paura generata.
  4. posizione,anche la posizione non è da sottovalutare infatti se ce lo ritroviamo dove meno ce lo aspettiamo e magari nella nostra tana come la camera,l’effetto viene amplificato.
  5. velocità,anche in questo caso tale caratteristica rende il legame direttamente proporzionale alla paura generata.I ragni veloci sono per noi i più pericolosi da tenere sotto controllo da parte del nostro sistema sensoriale visivo.
  6.  distanza,rispetto al soggetto.Tenerli lontano a distanza di sicurezza fuori dal nostro spazio personale è una prerogativa valida anche per certe persone invadenti,quindi a maggior ragione per un ragno.
  7. ragnatela,è altamente resistente,il suo carico di rottura è confrontabile all’acciaio di alta qualità.La tela viene utilizzata per creare la loro tana e la zona di caccia preferita,ma anche per aggrovigliare le prede.Ve ne sono di diverse tipologie,tele giganti e fitte possono causare incubi e intrappolarci nel loro complesso aspetto (Approfondimento sulla rivista nature).
  8. esperienza tattica mortale,tecnica mista a rapidità,un connubio fatale per prede sfortunate.
  9. veleno,alcune specie sono velenose e possono provocare la morte.
  10. simmetria,ne esalta la perfezione.
  11. 8 zampe,le zampe vere e proprie dei ragni,dette anche zampe ambulatorie, sono quattro paia, articolate tutte sulle parti laterali del cefalotorace e sono atte in modo principale alla deambulazione.Si suddividono in sette distinti segmenti o articoli che, dal prossimale al distale, cioè dal punto d’innesto del cefalotorace all’artiglio terminale,sono così denominati: coxa,trocantere,femore,patella,tibia,metatarso, tarso che termina con l’artiglio.
  12. 8 o 6 ocelli(occhi), sono gli organi preposti alla visione.Nella maggior parte delle specie sono presenti in numero di otto, in alcune di sei.La disposizione varia a seconda della famiglia o genere di appartenenza,tanto da essere un utile indizio anche per la determinazione della specie.
  13. cultura popolare/cinematografica,questo aspetto gioca a nostro sfavore poichè la loro rappresentazione rimane con accezione negativa nell’immaginario collettivo ad esclusione della storia del supereroe spiderman.

IL RAGNO E’ ALTAMENTE TECNICO,PRECISO,RAPIDO,ATTENDISTA E IMPREVEDIBILE.CARATTERISTICHE CHE LO RENDONO UN PERFETTO ESEMPLARE NEL MONDO ANIMALE DELLA SOPRAVVIVENZA.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.