Mamma mi diceva sempre:”Se te caschi te ce rdaco sopra”


Noi siam cresciuti con questa frase che forse e’ del tutto scomparsa nel vocabolario odierno dei genitori ultra moderni.Una frase difficilmente interpretabile in tenera età dove ti domandi come sia possibile prenderle sopra,come sia possibile che oltre al danno si aggiunga la beffa.Eppure era cosi’.Intimiditi dai “te ce rdaco sopra”,noi giovani pargoli evitavamo di metterci in cattive acque onde evitare il danno e la beffa.Ma poi cresci.Cresci ancora.Il tuo spirito critico ha sempre più fame.I tuoi occhi sempre più sete.La tua educazione e’ sempre più giudice.E allora rimembri.Tornano in vita attimi,parole,sguardi,sberle,schiaffi,pizzicotti.E’ in quel preciso istante che subentra la consapevolezza.La consapevolezza che quella frase con assonanza negativa e’ stata altamente positiva e ci ha cresciuti.Noi siamo l’educazione che ci e’ stata impartita,siamo la pianta che e’ stata raddrizzata,siamo ciò che ci e’ stato insegnato.Anche io sono un “te ce rdaco sopra”,mi piace il rigore e il rispetto,l’educazione ferrea.Perché li vedi i figli dei “poru coccu de mamma” che sfasciano tutto,peccano,usano violenza inaudita e ne combinano di tutte perché la loro madre ignoranza li ha partoriti dal grembo della mancanza di rispetto.

image

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.