Travel Blogger per un giorno a Porto Sant’Elpidio [parte 2]


Il fulcro centrale di tutto il discorso era scoprire il genere femminile a Pse (Porto Sant’Elpidio) godendosi ogni angolo selvaggio rimasto incontaminato[link parte 1]. Lo spirito di avanscoperta stava cedendo,mentre le gambe erano abbastanza allenate da incitare la parte razionale a non arrendersi e proseguire in avanti verso nuovi lidi ancora sconosciuti.

wp-1472482488482.jpg

I legni trasportati dalla forza mai arrendevole del mare avevano creato un paesaggio semi desertico come se quei grossi ceppi incastonati tra loro e diventati parte integrante della sabbia fossero stati dei grossi animali smembrati dalle iene,divenuti carcasse e lasciati in balia del nulla (di seguito piccolo spazio bianco per dare l’effetto del nulla).

In lontananza la piattaforma di petrolio creava un po’ di sconcerto,i miei occhi che volevano perdersi nell’infinità,della riga dell’orizzonte che separava il blu ad elevato contrasto dal blu chiaro,erano in realtà stoppati da quella diamine di costruzione artificiale rossa a testimoniare l’incapacità umana di conciliarsi e vivere in simbiosi con la natura.Almeno coloratela di blu per mimetizzarla suggeriva la parte più irrazionale di me,ma poi subito dopo la ragione la redarguì motivando il colore rosso per ovvie ragioni,non tanto ovvie alle capacità cognitive del cuore.Il sole era dietro le mie spalle,e tra me e le mie spalle tante belle nullità. Di tanto in tanto con lo sguardo periferico osservavo la mia ombra longilinea sulla battigia camminare libera e felice,mentre io faticavo con le mie nike running a rimanere in superficie affondando nel miscuglio di sassi e sabbia che sembravano voler intrappolarmi proprio come quei tronchi bagnati dall’acqua. Proseguendo verso nord il paesaggio era sempre più “nature” e qualche pescatore scapestrato con le reti verdi in mano faceva dei rituali strani a me ignoti chissà se per invocare gli Dei come nell’antichità,prostrarsi a loro per una pesca abbondante o per lanciare le reti in lontananza,fatto sta che proseguii dritto per la mia strada(ignota).

wp-1472482503507.jpg

Ero giunto al capolinea di Porto Sant’Elpidio (piccola parentesi,senza essere sconcertato dal fatto che Porto Sant’Elpidio non ha un porto,mi aveva sempre colpito,infatti la confondevo con Sant’Elpidio a mare che invece non ha un mare…bah) e scorgevo lo stadio di Civitanova.Le due città erano in realtà separate dal rigolo d’acqua del fiume che si riversava con molta calma in mare.Nessun ponticello di attraversata, nessun collegamento, ma una netta separazione naturale,come se l’uomo avesse volutamente abbandonato l’idea di unire le due città.

wp-1472482497611.jpg

L’imponente Monte Conero,sempre presente in lontananza timido osservatore silente e sempre più vicino ai miei sensori visivi,era in realtà ancora parecchio lontano alla mobilità delle mie gambe.Era giunto il momento di fare marcia indietro e ripercorrere a ritroso tutto il tragitto,il che era una cosa buona perché altrimenti avrei proseguito fino a sfinimento: quando le gambe sfidano la mente la mente sfida le gambe,e tutto viene portato al limite delle capacità psico-motorie.La presenza del genere femminile era assente anche qui e forse era questo il motivo di così tanta calma??Col sole sempre più basso e il passo sempre più spedito la via del ritorno diveniva una meta ambita dalla testa ai piedi passando per le rotule stanche,dato che la passeggiata aveva stimolato la vescica,la fame,la stanchezza,il rammarico,per non parlare della voglia di acqua fresca rigorosamente gassata con una fettina di limone.

precedente

Copyright©2016 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

Il covo dei serpenti


serpenti.jpg

Ho gli occhi pieni di serpi.
Mi annebbiano la vista.
Mi soffocano il respiro.
Mi scherniscono la fiducia.
Mi feriscono l’animo.
Mi iniettano veleno.
Mi urlano sibili assordanti.
Mi batte forte il cuore.
Mi sento lo stomaco in gola.
Mi schiaffeggio violentemente.
Non è un sogno.

Ho visto parlar male,alle spalle di un’amica(in sua assenza)e poi???ABBRACCIARLA.Come le chiamate??Persone??No,assolutamente no!!
Indipendentemente dal sesso,dalla ragione sociale,dall’età,dalla loro storia di merda,sono serpenti striscianti sulla vigliaccheria umana,deridono la vittima e scavalcano la propria dignità per far prevalere nel branco il loro ego di infima putridità.Sono come la melma,zozzi,sporchi,infanganti.
E così,ascoltando quasi incredulo,ti senti all’istante un fottuto topo caduto in trappola,osservando inerme quel comportamento difficile da definire per quanto scabroso,ti domandi se non abbiano fatto altrettanto in tua assenza.Allora rielabori tutto a ritroso,i falsi sorrisi,i falsi sguardi,il falso interesse,le false parole.Tutto falso.Tutto meramente architettato a dovere per fini di beffa e e di potere.Tutto diventa chiaro,tenti di fuggire,ma ormai è troppo tardi,sei finito per errore nel covo dei serpenti.

L’albero & l’uomo


Click play per ascoltare l’audio(da mobile potrebbe non visualizzare il player):

albero.jpg

Spaccato a metà si mette a nudo alla terra,vuole avvolgere e proteggere l’uomo al suo interno,quello stesso uomo che ogni giorno cerca di distruggerlo ed abbattere i suoi fratelli.Lui può resistere,lui ha radici grandi in grado di sostenerlo e sostenere quel fango nemico dell’uomo.

Foto scattata nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini