L’amore primordiale


Queste donne tentatrici,

si fanno avanti tra i nemici,

ti puntano negli occhi,

fino a quando non trabocchi,

ti prendono il cuore con le mani,

come monaci tibetani.

Pungono fredde i tuoi sentimenti,

e ti accendono i fari spenti,

fingono,giocano,

si divertono sghignazzando,

mentre il cuore al tuo interno

si sta lacerando.

È la triste ruota dell’amore,

ci si innamora di chi ci spezza il cuore.

Non c’e’ nulla di razionale,

è una legge universale.

Devo essere sincero,

annego nel pensiero,

dei valori primordiali,

profondi sensi,

naturali:

il bacio,l’abbraccio,il bisbiglio all’orecchio,

il battito del cuore petto contro petto.

Il difetto è nel parlare,

il diniego del silenzio,

perchè le parole più

felici,

sono quelle che non dici,

e l’amore primordiale

è in silenzio ad ascoltare.

(di Michele Paoletti)

 

amore.jpg

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

 

Annunci

Il Circo


Sento i barriti,
battiti impazzi,
queste urla di dolore,
nelle gabbie fan clamore,
bestie deboli e indifese,
urla,colpi e molte offese,
non portateci bambini,
sono esseri meschini.
(Il Circo,M.P.)

 

Piovono le bombe del primo maggio


guerra.jpg

Mentre controlli il tempo del primo maggio,

in Siria periscono con indomito coraggio.

Tutte queste bombe che piovono dal cielo,

sono l’orrore più crudele del mondo intero.

Siamo colpevoli,siamo assassini,

siamo “false persone per bene”,travestite da AGUZZINI.

Che colpa ne hanno tutti questi bambini??

Perchè questo oltraggio??

Sento il rumore delle bombe,

della mancanza di coraggio.

Sento dentro di me le bombe del primo maggio.

(PAUSA)

(Citando il 5 maggio)

Fu vera gloria?

Ai posteri l’ardua sentenza:nui

chiniam la fronte al Massimo

fattor, che volle in lui

del creator suo spirito

più vasta orma stampar.

Quando cala la notte


luna.jpg

Quando cala la notte,si accendono le luci,

il buio si fa spazio tra la luna e le stelle,

in lontananza si intravede una catena luminosa,

ma in alto sempre lei,imponente e maestosa.

Si erge la CHIESA.

L’architettura,l’arte,la poesia e i valori

si fondono insieme con gioie e dolori.

Tutto è in alto,traslato dall’IO

per ridurre le distanze

tra l’oblio e Dio.

(Michele Paoletti)

L’8 marzo poesia


Click play per ascoltare se visualizzi(da web) il player:

 

Mi sovvien qualche ricordo,della fanciulla età,

quando lo spavaldello di turno si alzava l’8 marzo

ad acquistar mazzetti di mimose,

per le gioveni donzelle.

Nella classe lesto entrava,

col petto in fuori e il sorrisetto di se sicuro,

distribuiva quel fiore giallo con fare prematuro.

I sorrisetti si sprecavan,ma comunque non gliela davan

(Poesia di Michele Paoletti)