L’impianto di videosorveglianza monturanese: luci & ombre


Le proposte fatte dalla minoranza, molte vengono respinte, altre vengono approvate ma rimangono in cantiere, altre volte ancora richiedono tempi lunghi (volutamente lunghi) per la loro progettazione e realizzazione. È il caso dell’impianto di videosorveglianza per la sicurezza di Monte Urano proposto in Consiglio Comunale dall’opposizione nel 2015 ma che nel 2018 stenta ancora ad essere realizzato (forse non è neanche stato progettato?). Non sembra proprio un temporeggiamento tecnico ma bensì voluto dal Partito Democratico per presentarsi al meglio in vista delle prossime elezioni comunali (così come l’impianto di illuminazione a led lasciato a metà e non completato volutamente?). Troppo veloci quando si tratta di vendere, troppo lenti quando si tratta di costruire. Non è un fatto di problemi tecnici ma di strategie politiche.

I ladri nel frattempo non hanno temporeggiato e continuano a colpire il territorio. Quando i cittadini saranno belli incazzati e inizieranno ad insultare a destra e a manca su Sei monturanese se, arriverà il momento ideale per piazzare le telecamere ed “accontentare” la folla psicologica. La Smart City può attendere: le elezioni.

Politica Monte Urano

Vignetta Monte Urano Smart City

APPROFONDIMENTI TEMATICA: Cronache Fermane , Corriere Adriatico

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

Movimento 5 Stelle Monte Urano: riunione con i cittadini


Incontro con i cittadini di Giovedì 15/03/2018 presso la Sala Convegni del Comune di Monte Urano. Sono stati toccati insieme i temi sensibili del passato, del presente e del futuro.

Movimento 5 Stelle Monte Urano

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
I contenuti presenti non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Monte Urano: presentazione dei candidati M5S per i Collegi nella Regione Marche


Presentazione dei candidati a Monte Urano

I candidati per il Movimento 5 Stelle alle politiche del nostro collegio verranno a spiegare il programma ed a confrontarsi con tutti coloro che vorranno intervenire. Martedì alle ore 21.00 presso la sala riunioni del Comune di Monte Urano in corso Mazzini, 46. Sono complessivamente 21 le liste candidate nelle Marche per le elezioni politiche del 4 Marzo 2018.

Le Marche eleggeranno 24 parlamentari (16 deputati e 8 senatori).

Dei 16 deputati delle Marche:

  • 6 verranno eletti nei collegi uninominali
  • 10 verranno eletti nei collegi plurinominali

Degli 8 senatori delle Marche:

  • 3 verranno eletti nei collegi uninominali
  • 5 verranno eletti nei collegi plurinominali

Regione Marche Collegi

COLLEGI UNINOMINALI (sistema maggioritario)

  • 6 Collegi Uninominali alla Camera dei Deputati
  • 3 Collegi Uninominali al Senato.

Il “Rosatellum” bastona la Provincia di Fermo. Perché? Come si può vedere dalla tabella sotto mostrata (estratta dal Decreto legislativo 12 dicembre 2017, n. 189) esiste il Collegio Uninominale di nome Civitanova Marche che non è Provincia ma non esiste il Collegio Uninominale di nome Fermo che è invece Provincia (un chiaro equivoco vista la base logica utilizzata per nominare gli altri Collegi). Ecco quindi che i Comuni della Provincia di Fermo vengono divisi “dalla madre adottiva” (vista agli occhi dei politici come una “poco di buono”, di avere l’affidamento dei propri comuni) e accorpati a due Collegi Uninominali differenti, quello di Ascoli Piceno (la madre biologica) e quello di Civitanova Marche (“la madre acquisita”). Perché succedano queste cose è una domanda che esula dagli scopi della spiegazione anche perché non saprei rispondere. Creare confusione fa sempre bene, a chi come me vuole capirci qualcosa e annaspa tra leggi e “magheggi”. Probabilmente ci troviamo difronte al paradosso del gatto di Erwin Schrödinger.

Lista Candidati M5S alla Camera

  1. Roberto Cataldi (Collegio 1), avvocato.
  2. Mirella Emiliozzi (Collegio 2), insegnante ed ex consigliere comunale.
  3. Daniela Tisi (Collegio 3), direttrice della Rete Museale dei Sibillini.
  4. Patrizia Terzoni (Collegio 4).
  5. Maurizio Cattoi (Collegio 5), ex comandante provinciale del Corpo Forestale.
  6. Andrea Cecconi (Collegio 6).

Collegi Uninominali Marche

Lista Candidati M5S al Senato

  1. Donatella Agostinelli (Collegio Senato Marche Nord), portavoce del M5S presso la Camera dei Deputati nella 17° legislatura.
  2. Mauro Coltorti (Collegio Senato Marche Centro), professore ordinario di Geomorfologia all’Università di Siena.
  3. Giorgio Fede (Collegio Senato Marche Sud), geometra.

Collegi Uninominali Marche Senato

COLLEGI PLURINOMINALI (sistema proporzionale)

Lista Candidati M5S alla Camera

  1. Andrea Cecconi, Patrizia Terzoni, Roberto Rossini, Martina Parisse (Collegio Camera Marche Sud costituito dall’accorpamento dei Collegi 1,2,3)
  2. Rachele Silvestri, Paolo Giuliodori, Elena Andreanacci, Ercole Matalucci (Collegio Camera Marche Nord costituito dall’accorpamento dei Collegi 4,5,6)

Collegi Plurinominali Camera Marche

Lista Candidati M5S al Senato

  1. Donatella Agostinelli, Sergio Romagnoli, Rossella Accoto, Fabio Bottiglieri (è previsto un solo collegio plurinominale regionale da cui eleggere i 5 senatori). Per l’elezione del Senato della Repubblica, l’intero territorio della Regione Marche costituisce un’unica circoscrizione regionale. In base alla popolazione risultante dal censimento 2011 alla regione sono assegnati otto seggi, tre dei quali attribuiti in collegi uninominali.

SISTEMA MISTO

Un sistema elettorale che sfrutta il sistema proporzionale e il sistema maggioritario viene definito sistema misto. La nuova legge elettorale denominata “Rosatellum bis” (legge 3 novembre 2017, n. 165) è proprio un sistema misto: un terzo di deputati (1/3) e senatori è eletto in collegi uninominali (un solo candidato per partito/coalizione, il più votato è eletto), mentre i restanti due terzi (2/3) sono eletti con un sistema proporzionale di lista (il partito che ha più voti ottiene più seggi).

SISTEMA PROPORZIONALE

In base a questo sistema elettorale, i partiti politici ottengono un numero di posti in Parlamento – nel nostro caso alla Camera dei Deputati e al Senato – in proporzione al numero dei voti ricevuti. Il sistema proporzionale puro prevede che il territorio nazionale sia diviso in tanti collegi plurinominali, in ciascuno dei quali, cioè, vengono eletti più parlamentari. Ogni partito, elabora delle liste di candidati che possono essere tanti quanti sono i seggi in palio in quel collegio. Gli elettori votano per la lista e il partito politico ed i posti in palio in quel collegio vengono distribuiti in proporzione ai voti ottenuti da ciascuna formazione politica.

SISTEMA MAGGIORITARIO

Il sistema maggioritario attribuisce un premio di maggioranza al partito che ottiene la maggioranza relativa di voti, così da garantire la governabilità del Paese. In genere, il sistema maggioritario prevede collegi uninominali, cioè il territorio nazionale viene diviso in tante aree geografiche, chiamate collegi, tanti quanti sono i senatori o i deputati da eleggere. Ogni partito presenta un solo candidato e quello che riceve più voti è quello che ottiene il seggio. Questo sistema elettorale, a differenza del sistema proporzionale, garantisce una maggiore stabilità politica, ma va a penalizzare i partiti di piccole dimensioni, rischiando di minare, in alcuni casi, la base più pura del pluripartitismo su cui si basa la democrazia moderna.

Link all’evento Facebook

APPROFONDIMENTO: Collegi Elettorali Regione Marche

APPROFONDIMENTO LEGGE ELETTORALE

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Monte Urano: convegno su come promuovere l’economia locale oggi dopo averla respinta ieri


Movimento 5 stelle Monte Urano e i fatti

Ci domandiamo come mai il Partito Democratico monturanese abbia respinto la mozione presentata dal Movimento 5 Stelle in data 20/05/2015 con lo scopo di incentivare l’economia locale e oggi promuove un convegno intitolato “L’economia locale: tra timori di declino e prospettive di rilancio. Visto che dimenticare è diventato sport nazionale e la lista dei dimenticatori seriali è veramente lunga, riportiamo il “passato recente” nel “presente” dissotterrando mozioni respinte dagli stessi soggetti che oggi vogliono promuovere l’economia locale. Il progetto “Compra a Monte Urano”,proposto da Alessandro Quinzi e Danilo Santini del Movimento 5 Stelle proponeva un circuito tramite tessere personali per ottenere una scontistica minima del 2% sugli acquisti effettuati nel territorio monturanese. Lo scopo sarebbe stato quello di incentivare l’acquisto di beni e/o servizi in loco incrementando il benefit degli stessi cittadini monturanesi.

Mozione respinta

Aumentando il risparmio il cittadino avrebbe avuto una maggiore propensione al consumo attivando così un processo positivo a catena che avrebbe portato un introito economico per le casse comunali (facendo pagare ogni tessera 20€ e supponendo di venderne 2000€ il comune avrebbe incassato una cifra pari a 40.000€) ma anche un maggiore cash flow nel paese(per le aziende e per i consumatori direttamente e indirettamente anche per i lavoratori). Questa è storia molto recente, se proprio volete incentivare l’economia locale fareste bene ad approvare le proposte che si muovono in quella direzione o sbaglio?Personalmente a me sembra che i vostri convegni siano velati dalla propaganda politica per prendere voti piuttosto che per dare un aiuto concreto al cittadino. Potete fare politica e fare chiacchiere da bar, ma poi i fatti sono quelli che contano,e i fatti mostrano il contrario. È giusto che la gente lo sappia.

[Leggi la mozione Compra a Monte Urano-Movimento 5 Stelle,fonte: M5S]

E poi:

  • Agevolazioni per le ditte monturanesi che assumono cittadini monturanesi: BOCCIATO
  • Spazi da destinare a Start-Up: BOCCIATO
  • Agevolazioni per incentivare nuove attività nel centro storico: BOCCIATO

novità   Leggi come bruceranno migliaia di euro sotto Natale

Oggi è il 4 Dicembre è l’anniversario della vittoria su coloro che volevano distruggere,deturpare,stuprare la nostra COSTITUZIONE scritta dai padri costituenti.Oggi è il giorno in cui ricordiamo come a Monte Urano i giovani democratici organizzarono la colazione del SI credendo che con una pasta e cappuccino da Moulin Rouge si potessero comprare le idee delle persone.Oggi ricordiamo una vittoria di un popolo che non si è piegato alle oscenità della politica venduta alla finanza.Oggi è un gran giorno,è la dimostrazione che vincere è possibile anche se non è facile per niente.Oggi come ieri il popolo ha una grande responsabilità.La responsabilità di scegliere di interessarsi alla vita politica invece di guardare 22 coglioni strapagati che corrono dietro una sfera del cazzo e di 4 vacche a tette di fuori che offendono la dignità femminile dentro una casa chiusa chiamata Grande Fratello.Oggi è il giorno in cui i SIMPATICONI che portano per il culo scrivendo SVEGLIATEVI!!11!1 vadano a fare demagogia altrove,perché il loro destino da “leccatori seriali” è osceno ed io stesso mi vergogno per loro.Oggi ironia della sorte il PD Monturanese presenta un convegno su come incentivare l’economia locale,le stesse persone che hanno bocciato 2 anni prima il progetto del Movimento 5 Stelle sulle tessere sconto!Oggi posso dire che non sono tutti uguali,posso dire che esiste sempre una possibilità di scelta,anche se non è di moda esiste sempre un’alternativa.I poteri della politica deviata pilotata dall’alto vogliono affondare le speranze con la manipolazione che fa breccia in un popolo sempre più deviato dalle aberrazioni sociali,dalle bombe mediatiche di regime,dalle fake news e dal ritorno degli estremismi carichi di odio razziale.Questi “convegni” sono la maschera di una propaganda politica. Le marionette insediate nella Regione Marche si impegnano a muovere i fili e a far salire dal basso i nuovi adepti della casta.Era il momento di vomitare questo fiume di parole anche se so che rimarranno inascoltate vagheggianti nel vento,ma se c’è la possibilità che questi vocaboli possano risvegliare un giorno anche una sola coscienza è bene farlo. Nel sogno di un alba che verrà queste parole appesantite dalla società diventeranno sempre più invadenti nell’aria,come semi cadranno sulla terra fertile e germogliando daranno origine a una nuova vita…

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Consiglio comunale: ordine del giorno


Comunicazione ai cittadini del consiglio comunale e ordine del giorno n°6 del 29/11/2017 ore 21:15

Consiglio comunale Monte Urano.jpg

 

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.