Erogazione degli aiuti per la perdita di reddito delle imprese agricole


Il Sindaco di Monte Urano informa che la Giunta Regionale ha approvato la Delibera n. 264 del 06/03/2018 relativa ai criteri e alle procedure per l’erogazione degli aiuti per la perdita di reddito delle imprese agricole danneggiate dalla siccità primaverile-estiva 2017, pubblicata sul sito http://www.norme.marche.it/ . Le aziende agricole interessate possono presentare domande di aiuto entro e non oltre il 9/04/2018 attraverso la piattaforma SIAR (SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLTURA REGIONALE) tramite accesso al seguente indirizzo: htt://siar.regione.marche.it 

Fonte: Comune di Monte Urano

Emergenza Siccità

Il SIAR è un portale realizzato per supportare le attività di back office dei funzionari regionali e le attività di front office dei Centri di Assistenza Agricola (CAA)
inerenti agli interventi promossi, tramite la pubblicazione di bandi, dal servizio Agricoltura della Regione Marche. È il sistema che permette la presentazione elettronica delle domande di agevolazione e di contributi nel comparto agricolo rispondendo ai bandi attivi, pubblicati dalla Regione Marche e da gli altri enti pubblici istituzionali del territorio. Esso offre inoltre la possibilità per le aziende registrate di effettuare le seguenti pratiche online:

  • Presentazione della Notifica di Attività Biologica e dei Piani Annuali di Produzione.
  • Domanda di Assegnazione del Carburante Agricolo (UMA)
  • Domanda di iscrizione al Registro Operatori Agrituristici (EROA)

Il sistema, inoltre, permette all’amministrazione regionale di gestire e aggiornare una banca dati esaustiva di tutte le informazioni tecniche e amministrative
del settore agricolo riguardanti le imprese e la loro attività.

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

L’impianto di videosorveglianza monturanese: luci & ombre


Le proposte fatte dalla minoranza, molte vengono respinte, altre vengono approvate ma rimangono in cantiere, altre volte ancora richiedono tempi lunghi (volutamente lunghi) per la loro progettazione e realizzazione. È il caso dell’impianto di videosorveglianza per la sicurezza di Monte Urano proposto in Consiglio Comunale dall’opposizione nel 2015 ma che nel 2018 stenta ancora ad essere realizzato (forse non è neanche stato progettato?). Non sembra proprio un temporeggiamento tecnico ma bensì voluto dal Partito Democratico per presentarsi al meglio in vista delle prossime elezioni comunali (così come l’impianto di illuminazione a led lasciato a metà e non completato volutamente?). Troppo veloci quando si tratta di vendere, troppo lenti quando si tratta di costruire. Non è un fatto di problemi tecnici ma di strategie politiche.

I ladri nel frattempo non hanno temporeggiato e continuano a colpire il territorio. Quando i cittadini saranno belli incazzati e inizieranno ad insultare a destra e a manca su Sei monturanese se, arriverà il momento ideale per piazzare le telecamere ed “accontentare” la folla psicologica. La Smart City può attendere: le elezioni.

Politica Monte Urano

Vignetta Monte Urano Smart City

APPROFONDIMENTI TEMATICA: Cronache Fermane , Corriere Adriatico

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

La curva di Donna Serena lascia spazio alla tristezza


Donna Serena Monte UranoÈ l’ennesima conferma delle difficoltà del distretto calzaturiero, delle numerose aziende che fanno fatica ad andare avanti: altri 20 dipendenti lasciati a casa. Il calzaturificio Donna Serena è un’azienda storica del distretto fermano, produceva scarpe da donna, con due brand molto conosciuti sul mercato, Donna Serena e Angelo Giannini. A Monte Urano la grande curva è conosciuta come la curva di Donna Serena. L’addio di un “brand rosa”, da molti anni presente nel territorio monturanese conferma l’andamento della lenta ed inesorabile scomparsa delle piccole e medie imprese sempre più in sofferenza.

Manifatture Giannini Srl

Fonte: Portale dei Fallimenti di Fermo

Sono molte le ditte a conduzione familiare monturanesi operanti anche come terzisti che hanno tirato fino alla pensione e poi hanno chiuso immediatamente a causa di tasse troppo elevate al fronte di profitti sempre più risicati. È l’effetto delle grandi economie di scala e della globalizzazione che ha portato lo spostamento degli investimenti in queste attività verso l’asse orientale dove la manodopera a basso costo permette di ottenere vantaggi economici sui settori del calzaturiero e dell’abbigliamento, ovvero quelli a bassa specializzazione. Un andamento che si iniziava ad intravedere a fine anni 90′ quando diverse aziende del settore iniziarono ad espatriare attratte dal profitto, delocalizzando in Romania, Polonia, Bulgaria senza essere in qualche modo sfavorite/contrastate dallo Stato italiano. E la chiusura della conceria a Molini Girola dove i macchinari sono stati acquistati tutti dai cinesi come mi riferì personalmente il custode ne è uno dei tanti esempi del territorio. Hanno tradito il popolo italiano per fare i soldi facili, ma lo hanno fatto anche per sopravvivere ai segnali di insofferenza che si stavano avvertendo. La concorrenza sleale cinese mai ostacolata ha fatto il resto, mettendo in ginocchio l’intera filiera assaltata da milioni di occhi a mandorla arrivati in Italia non si sa come (eppure non si sente mai parlare dello straniero cinese, ve lo siete mai chiesti il perché?). La mafia cinese, a mio avviso, è una delle più potenti mafie straniere radicate in Italia e lo si può capire dal fatto che ci sia stato un enorme flusso demografico nascosto agli occhi di tutti. Lavorano nascosti sotto il tessuto sociale logorando l’economia locale, sfruttano la gallina dalle uova d’oro finché conviene e poi se ne vanno, proprio come fanno i parassiti nel mondo animale. Un invasione oscurata probabilmente come complici i politici comprati dall’affare made in China e dall’acquisto di debito pubblico.

Donna Serena Monte Urano Calzaturificio

Ora stiamo pagando tutti l’effetto domino degli ultimi 20/30 anni di incapacità varie e di investimenti mancati. Bisognava operare insieme, creare coesione, invece molti hanno pensato e preferito tirare avanti la loro piccola azienda senza avere una visione più ampia d’insieme. Certo a chiacchiere e col senno di poi tutto è facile, ma negli anni del boom c’erano le condizioni economiche per investire in tecnologia e perché no in nuovi settori. Possiamo apprendere come in generale il “risparmio” , “gli straordinari” e lo “sfruttamento” non abbiano portato ad alcun risultato nel lungo periodo come contributo alla società futura.

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Movimento 5 Stelle Monte Urano: riunione con i cittadini


Incontro con i cittadini di Giovedì 15/03/2018 presso la Sala Convegni del Comune di Monte Urano. Sono stati toccati insieme i temi sensibili del passato, del presente e del futuro.

Movimento 5 Stelle Monte Urano

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
I contenuti presenti non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.