Rimozione dalla Ricerca Google ai sensi delle leggi sulla privacy europea


Qual’è il confine dell’informazione digitale? Dove inizia la privacy dell’individuo e/o di una collettività? Dove termina la libertà di espressione? Belle domande, difficili da rispondere data la complessità dell’argomento. Non siamo e non saremo certamente noi a trovare le giuste risposte, ma possiamo mostrarvi cosa accade dopo che qualcuno effettua una segnalazione.

Se ciò accade, vi arriva un’email (o al vostro webmaster) da parte del Google Search Console Team che vi segnala la rimozione nei risultati di ricerca della query (anonima per motivi sempre di privacy) associata all’articolo, nel nostro caso riguardante l’articolo scritto sul caso Melegatti:Notifica di rimozione dalla Ricerca Google

Per completezza questo è il Sito Web per chiedere l’eliminazione dei contenuti dal motore di ricerca: Google Webmaster Tool

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Melegatti: campagna pubblicitaria suicida? Due episodi di Suicide Marketing


Fondata nel 1894 a Verona da Domenico Melegatti ottenne il brevetto per l’invenzione del Pandoro.

Melegatti

Il “caso Melegatti” ha fatto ormai il giro del web (se ne è occupata anche la pagina Facebook Marketing Ignorante da cui abbiamo tratto diversi spunti). Tra commozione, patriottismo e supporto, gli italiani hanno acquistato pandori dell’azienda Veronese per “salvarla” dalla crisi. Un gesto eroico di quelli strappalacrime ideali per un servizio di Studio Aperto. Tra i motivi che si celano dietro la profonda crisi del brand Melegatti c’è sicuramente un dato di fatto: il pessimo marketing.

Per darvi un’idea vi riportiamo 2 episodi di “suicide marketing”:

1. Tone of voice da pagina trash (all’interno della copy strategy di una campagna pubblicitaria, il tone of voice esprime il tono che si vuole dare alla comunicazione) . “Toppano” completamente un post venendo accusati di omofobia e si ritrovano costretti a scrivere un post di scuse, scaricando, tra l’altro, le responsabilità su un’agenzia marketing esterna. Il post recitava: “Ama il tuo prossimo come te stesso… basta che sia figo e dell’altro sesso!”

Ama il tuo prossimo come te stesso Melegatti

Nel post di scuse è apparso il commento di un certo Giorgio Serafini, che elogiava il brand perché aveva avuto il coraggio di ammettere i propri errori. Peccato che Giorgio Serafini fosse il direttore marketing di Melegatti, cioè colui che aveva la responsabilità del post in questione; un po’ come battersi il cinque da soli.

Scuse Melegatti

2. Nel 2015 stabiliscono una partnership con l’ influencer del nulla Valerio Scanu e parte la produzione e la commercializzazione dell’imperdibile “Pandoro Valerio Scanu Limited Edition”, che chiaramente è un fallimento su tutta la linea..

Pandoro Melegatti Valerio Scanu

Tra l’altro la scelta della frase nel primo caso e la scelta del testimonial del secondo caso sono in netto contrasto tra di loro,insomma una vera campagna suicidio!

7 segnali di ansia prefestiva da shopping


1

1.Quando entri nell’ipermercato niente è più come prima,sono sorte dal nulla montagne di oggetti consumistici,vette di panettoni da far impallidire Reinhold Messner,palle di Natale di tutti i colori,pareti di televisori ultra 4k full hd 200hz (più diciture ha più è figo,più ti sale la voglia di comprarlo)

panettoni.jpg

2.Le cassiere hanno le facce corrugate da scassamento di coglioni,già in: “clima festivo degli altri e lavorativo loro”

stanca

3.Prima di entrare all’ipermercato trovi la classica coppia di benefattori con pettorina simil protezione civile che cerca di appiopparti dei portachiavi o delle penne a soli 5€.Chissà che coincidenza hanno sempre accento napoletano.Saranno forse gli stessi venditori di cocco del lido??Comunque oramai hai acquisito negli anni una certa abilità nello schivarli

2.jpg

4.La parte più difficile è il momento di pagare.Scegliere la cassa più veloce è un impresa.Dopo un rapido scanning con passo fulmineo ti avvicini a quella con meno fila ma nell’attesa,girando lo sguardo per scorgere qualche milf,scopri che le altre erano più veloci e quando sta per toccare a te ecco che sorge un problema col cliente,e la cassiera inizia a telefonare freneticamente come se fosse in un call center indiano

cassa.jpg

5.Lo sbalzo termico è inverno-estate 

sbalzo.jpg

6.Inizi ad incontrare gente che davi per spacciata:stanno comprando i regali di natale un mese prima.Cercano di colmare la loro ansia da prestazione con l’acquisto precoce.

Regali_di_Natale.jpg

7.Le femmine di alto borgo vanno a fare la spesa in minigonna e tacchi a spillo solo rigorosamente dopo essere uscite dal parrucchiere e aver speso la modica cifra di 40€ per la messa in piega.Ma io dico,andate la domenica a messa in moto!Se non avete capito perchè in moto è per fare la piega.

mini.jpg

Ora potete rilassarvi e mandare a fanculo il consumismo……andare a fare la spesa!!Ma prima un bel like se vi è piaciuto l’articolo.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.