Orologi bidoni di fattura cinese e la tattica del fake marketing


Smart watch tattico

Ciao amici, oggi vi parliamo di “orologi fake” perché ci siamo rotti i coglioni delle prese in giro nel web ai danni di ignari consumatori. Ebbene dopo una decina di bombardamenti pubblicitari non ho resistito alla curiosità e ho cliccato per approfondire e studiare il marketing dell’orologio fake. Partiamo dall’inizio…

Il modello pubblicitario targettizzato

Perché sono bombardato dal fantomatico smartwatch tattico?? Perché rientro nel target da loro scelto: mi piacciono gli orologi smart. Come fanno a saperlo? Qui si apre un mondo di cui si è parlato molto ma abbastanza male. In internet tutti abbiamo una storia (cronologia varia, iscrizioni, siti e prodotti visualizzati, prodotti acquistati) che, teoricamente secondo un modello etico, dovrebbe rimanere riservata per ovvi motivi di privacy. Ma nel mondo capitalista del marketing spietato e della globalizzazione spinta dove i tuoi dati valgono molto di più rispetto al costo della gratuità del servizio a voi offerto (vedi Facebook, Whatsapp, Instagram, ecc..), la tua storia ha un prezzo e viene barattata in giro da apposite piattaforme pubblicitarie. Lo scandalo Facebook di qualche mese fa è la prova tangibile del mondo sommerso dei big data.

L’importanza del target

Perché è essenziale focalizzarsi sul target di destinazione? La risposta è banale: per centrare l’obiettivo con più facilità. La targettizzazione è uno degli elementi essenziali nella vendita sia online che nella vita reale. Se vuoi vendere un prodotto/servizio devi conoscere la fetta di mercato a cui rivolgerti e raggiungerla a dovere. Questo permette di ridurre i costi pubblicitari (minor persone da raggiungere=minor costo) e aumentare il cosiddetto tasso di conversione detto anche through rate poiché se un soggetto ha maggior interesse per un prodotto è molto più probabile che lo acquisti. Ossia il target è legata all’interesse e l’interesse è legato alla probabilità di acquisto a cui è connesso l’obiettivo principale di ogni venditore: massimizzare il profitto derivante dal guadagno economico.

Come riconoscere un fake online?

Vediamo alcuni punti fondamentali quasi sempre presenti non solo nel caso specifico del sito web strumentitattici.it che vende cineseria spacciata per orologi tattici professionali:

  1. Pubblicità ingannevole: parte tutto dalla pubblicità presente nei vari siti web che ospitano elementi pubblicitari
  2. Prezzi con sconto esorbitante: quando vedete 60%,70%,80% l’inganno è dietro l’angolo
  3. Spiegazioni tecniche assenti: tutto campato per aria senza una minima spiegazione tecnica
  4. Nome inglese accattivante: l’inglesismo una tecnica presente spesso per ingannare ed enfatizzare il nulla
  5. Una sola pagina web dedicata (landing page): è la classica paginetta creata ad hoc dove tu “atterri”, acquisti e te ne vai
  6. Nessuno ne parla: il prodotto è assente in forum, siti web di fama, blog di tecnologia, canali di youtuber
  7. Assenza di recensioni online: forse anche io mi vergognerei di recensire un prodotto del genere in quanto ammetterei di averlo acquistato e di essere stato un pollo spennato
  8. Chi ne parla è riconducibile a chi lo vende: siti tra loro collegati che si “autosupportano” per fregarti
  9. Link per acquistarlo estremamente visibili: parole giganti, scritte colorate, link ovunque
  10. Frasi cariche di fomentazione da far invidia agli americani: born to be strong, ma quanto cazzo siete ridicoli? Ahahahahha, pessimi proprio…
  11. Il tempo limitato: imperterrita la scritta “Solo questa settimana in offerta speciale!”,  lo slogan perfetto per farti acquistare subito il prodotto senza pensarci. La disattivazione della razionalità perché hai poco tempo è uno degli elementi di marketing più diffusi al mondo. Pochi prodotti, pochi posti, poco tempo, affrettati, ma non rompetemi i coglioni, io vado piano, ragiono e vi fotto!
  12. Dati sul venditore: quando c’è di mezzo la Cina la puzza è vicina. Un sito italiano con riferimenti cinesi puzza di sfritto a centinaia di kilometri, boia cane…  Strumenti Tattici MIXUP LIMITED Company Number: 68175821 Rm 1104 Crawford House, 70 Queen ‘s Rd. Central, Central, Hong Kong. Telephone: +852 2961-4689

Il traffico al sito è notevole piazzandosi quasi a 200.000 nel rank globale fornito da Alexa. Quanti utenti avete ingannato con le vostre fandonie??

Orologitattici statistiche

Aiutatemi a condividere l’articolo in modo tale da mettere in guardia gli acquirenti da questi ingannatori seriali da 4 soldi.

Orologio tattico recensioni

Clicca qui per seguire l’edizione in Google News Google News

Copyright©2018 https://seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

Sul terremoto gli esperti e i giornalisti hanno sempre ragione?


1.jpg

FONTE:LINK ALLA FONTE

Oggi vogliamo analizzare la banalità dei titoli giornalistici.Partiamo dall’inizio.Un evento, come un processo fisico,possono essere suddivisi in eventi/processi deterministici e in eventi/processi stocastici.I processi deterministici sono i più semplici da analizzare in quanto gli strumenti matematici utilizzati risultano essere più intuibili e maneggiabili.Un processo deterministico come dice la parola stessa ci permette di determinare con esattezza o quasi,quello che accade in uscita ad un sistema quando si conosce l’ingresso e la funzione di trasferimento o modello,che permette di approssimare gli effetti in uscita.Lo scopo è quindi quello di conoscere una legge in grado di predire l’uscita conoscendo l’ingresso applicato.Se è possibile fare ciò significa che il processo è deterministico in quanto possiamo conoscere quasi con certezza assoluta (dipende dall’approssimazione del modello matematico utilizzato) il risultato.Lo scostamento tra uscita prevista e uscita reale non è altro che l’errore ovvero di quanto abbiamo sbagliato nel prevedere il risultato.Più il modello scelto è buono e più piccolo sarà l’errore.Quando il modello è esatto esso prende il nome di legge,e in questo caso la previsione è certa-Solitamente l’errore è una specifica da rispettare,e deve essere quindi rispettata al fine di ottenere lo scopo desiderato.Un esempio semplice di processo deterministico è quando vogliamo determinare lo spazio percorso da  un’auto che viaggia in moto uniformemente accelerato.In questo caso essendo conosciuta con esattezza la legge(prende il nome di legge oraria del moto uniformemente accelerato) tra spazio,tempo e velocità possiamo rispondere con verità assoluta alla domanda fatta,avendo a disposizione alcuni dati iniziali.

Passiamo ora ai processi stocastici.Un processo viene definito stocastico quando non possiamo dire cosa accadrà effettivamente in un certo istante di tempo,le cose si complicano molto poichè gli strumenti da utilizzare sono più complessi e riguardano l’uso della probabilità.Non potendo definire con certezza cosa può accadere,per fare una descrizione dobbiamo necessariamente esprimere una probabilità che si possa verificare un evento.Si definiscono dei parametri utili per lo studio come il valore medio, varianza,correlazione,ecc..Insomma,per processo stocastico s’intende un particolare processo seguito da una variabile aleatoria,ovvero una variabile il cui valore cambia nel tempo in maniera incerta.

Tornando a noi,il terremoto è un processo stocastico,non si conosce la legge che ne determina la previsione,e non possiamo neanche sapere quali sono esattamente gli ingressi,le enormi variabili in gioco,data l’elevata complessità.Quello che però si può fare è analizzare gli eventi sismici che si sono succeduti negli anni e ricavare da questi dei dati utili a poter definire una sorta di statistica.Non si può predire un terremoto,in quanto non si ha la legge oraria.Allora la frase “non si può escludere” presenta una doppia negazione che significa affermazione e un può che ne determina l’incertezza.Tradotto,significa che si può includere ovvero si può verificare.Dire questo è dire una banalità,siamo sul lapalissiano poichè non vengono definite delle percentuali di probabilità.La seconda frase è “l’effetto domino potrebbe durare per mesi”.Anche qui abbiamo il potrebbe che definisce l’incertezza e questo è ovvio dato il processo stocastico e il durare per mesi non specifica un arco temporale certo,quanti mesi??Insomma la sagra dell’ovvio.Ma la percezione del lettore viene attratta dalla frase senza dar peso.E’ proprio la percezione a fare la magia di trasformazione del processo stocastico in deterministico in quanto se l’evento dovesse verificarsi il soggetto direbbe lo avevamo detto,trasformando l’incertezza in certezza(grazie al cazzo),mentre se l’evento non si verificasse,la frase rimarrebbe nel dimenticatoio e quindi nessuno se ne ricorderebbe.Il gioco della percezione e il mancato peso delle parole unito all’impulso emozionale,crea l’inganno.

2 .jpg

FONTE:LINK ALLA FONTE

3.jpg

FONTE:LINK ALLA FONTE