Il reparto speciale dell’arma dei Carabinieri: I Cacciatori di Calabria


Cacciatori di Calabria Stemmi.jpg

Lo Squadrone eliportato carabinieri cacciatori “Calabria” è un reparto speciale dell’Arma dei Carabinieri, con sede a Vibo Valentia, dipendente dal Gruppo operativo Calabria.

Reparto concettualmente nuovo, ad elevatissima specializzazione, che identifica in un’unica visione operativa procedure eminentemente militari e tecniche di polizia, secondo la migliore tradizione dell’Arma. Di supporto ai reparti territoriali dell’Arma, i “Cacciatori” sono rivolti esclusivamente alla lotta del crimine organizzato attraverso gli specifici compiti a loro devoluti, quali:

  • la penetrazione nel territorio, che si concretizza in “infiltrazioni” diurne e notturne improvvise, rapide, nel cuore profondo ed impervio delle asperità montane;
  • gli appiattamenti mirati ad interventi diretti da posti di osservazione e allarme notturni, per la sorveglianza di luoghi e persone sospetti, in assenza di una pianificazione d’intervento immediato;
  • l’attesa e la cattura della “preda” (da qui deriva l’appellativo di “cacciatori“), che si identifica in sequestratori o criminali latitanti.

L’elevato profilo professionale del reparto, scaturito da un’accurata specializzazione del personale, anche ai fini di una diversificazione operativa (tiratore scelto, rocciatore, ardimento, difesa personale, etc.) è in sintonia con uno standard d’intervento tipicamente militare, che prevede l’attuazione di tecniche di controguerriglia proprie dei reparti speciali. A sostegno di tutto ciò è anche previsto l’impiego, in simbiosi con il reparto, di elicotteri e unità cinofile, nonché la disponibilità di apparecchiature ad avanzata tecnologia, tra cui sofisticati apparati di localizzazione individuale satellitare, estremamente utili in ambienti naturali difficili come le zone montuose della Calabria e della Sardegna.
Attualmente l’articolazione operativa dell’Arma comprende:

  • lo Squadrone Carabinieri eliportato “Cacciatori Calabria” istituito il 1° luglio 1991 con sede a Vibo Valentia, inserito nella struttura ordinativa del Comando Regione Calabria;
  • lo Squadrone Carabinieri eliportato “Cacciatori Sardegna” istituito il 1° settembre 1993, con sede in Abbasanta (OR).

(FONTE:link alla fonte)

Vediamo come la ricerca su Google di questo reparto speciale sia schizzata negli ultimi giorni a causa del caso di Igor Vaclavik:

cacciatori di calabria

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Continua a leggere

Annunci

Esercitazione Dynamic Manta 2017: La NATO gioca alla guerra nel Mediterraneo


L’esercitazione NATO “DYNAMIC MANTA 2017 (DYMA 17)” si svolgerà al largo delle coste siciliane, dal 13 al 24 marzo, con mezzi aeronavali ed equipaggi provenienti da 10 Paesi Alleati, riuniti nel Mediterraneo Centrale per un addestramento alla lotta anti sommergibile e alla lotta contro i mezzi di superficie.I sommergibili provenienti da Francia, Grecia, Italia, Spagna, Turchia e Stati Uniti, sono sotto il controllo del Comando Sommergibili NATO (COMSUBNATO) e opereranno con 10 navi militari di Francia, Grecia, Inghilterra, Italia, Spagna, Turchia e Stati Uniti.L’Italia, oltre a partecipare con il cacciatorpediniere  Luigi Durand De La Penne, il sommergibile Pietro Venuti, e un elicottero SH90 della Marina Militare, fornirà supporto logistico attraverso il Comando Marittimo della Sicilia, la Base Navale di Augusta e la Base Aerea di Sigonella.La DYNAMIC MANTA 17 rappresenta la principale esercitazione della NATO nel Mediterraneo, dedicata all’addestramento anti sommergibile con l’obiettivo di affinare capacità e tecniche dei sommergibili e delle navi dell’Alleanza Atlantica. Scenari realistici ed eventi con difficoltà crescente caratterizzeranno i temi addestrativi per incrementare la capacità di combattimento in contesti operativi multinazionali.Le navi in addestramento saranno supportate da 14 aerei da pattugliamento marittimo ed elicotteri di Canada, Francia, Germania, Inghilterra, Italia, Norvegia, Spagna, Turchia e Stati Uniti che opereranno dalla base di Sigonella e da bordo delle navi.Il numero di nazioni partecipanti all’esercitazione di quest’anno, è una dimostrazione dell’impegno della NATO per la sicurezza marittima, in particolare, per lo sviluppo di capacità nella lotta anti sommergibile.(FONTE:Marina Militare)

Tra le unità navali impiegate, a preoccupare maggiormente è la presenza di sottomarini a propulsione nucleare, già partecipanti all’edizione del 2016. Per l’ipotesi d’incidente atomico da tenere sempre in conto,manca ad oggi un piano di emergenza esterna.

Così, mentre per uomini, donne e minori migranti il Mediterraneo è frontiera da sfidare per la sopravvivenza, gli eserciti Usa-Nato stanno trasformando questo stesso specchio d’acqua in un laboratorio di guerra permanente, che si affianca al ruolo operativo assunto dalla Sicilia come piattaforma offensiva proiettata nei teatri bellici africani, mediorientali e asiatici. Un ruolo, quest’ultimo, aggravato dalla recente conferma del dissequestro del Muos di Niscemi da parte della Cassazione, mentre è in programma l’allargamento della base dei droni-killer di Sigonella.

Le continue esercitazioni militari nell’isola, oltre a danneggiare l’ambiente e a iniettare nei territori una sub-cultura militarista di violenza e prevaricazione, bruciano ingenti risorse economiche sottratte alla scuola, alla cultura, alla sanità, al risanamento e alla messa in sicurezza dei territori. Gli stessi settori colpiti dai continui tagli prodotti dalle politiche di austerità imposte dall’ Unione Europea e dal Fondo Monetario Internazionale.

Nel frattempo, l’avvento di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti ha inaugurato una nuova stagione di corsa agli armamenti in ambito Nato. E l’Italia, dal canto suo, quest’anno destinerà alle spese militari ben 23,4 miliardi di euro (oltre 64 milioni di euro al giorno), di cui circa un quarto impiegati per l’acquisto di portaerei, carri armati, aerei ed elicotteri d’attacco (FONTE: rapporto MILEX2017)

La più grande distesa italiana di carri armati


Una delle più grandi distese di carri armati dismessi in Italia, residui bellici in disuso,si trova qui (Parco mezzi cingolati e corazzati), vicino alla Riserva Naturale Orientata delle Baragge in Piemonte non lontano dal paesino di Lenta.In teoria dovrebbero trovarsi in una base segreta data la vastità di materiale bellico,ma da Google Earth non sembra esserci tutta questa segretezza. Secondo l’espresso è una delle più grandi concentrazioni di tank al mondo.Si possono trovare tank Leopard, semoventi M-109 (nate nel 1962,si può portar via con 60.000€), autoblindo Centauro(nate nel 1986,si può portar via con 100.000€), cingolati M-133 e Vcc-1 Camillino (si può portar via con 20.000€).

Tank Leopard & Semovente M109 & Centauro.jpg

Questi giganti di morte  e distruzione sono costati milioni e una parte è stata venduta a paesi come Giordania e Pakistan per cercare di ripianare i debiti.Nel 2012 l’Italia denuncia nel censimento della commissione internazionale 1.173 carri armati e 3.071 cingolati da combattimento.

carri-armati1

carri armati2.jpg

carri armati3.jpg

carri armati4.jpg

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

La Grande Storia-La caduta degli Dei


1.jpg
Una ragazza,stuprata e picchiata dai soldati dopo la sconfitta nazista.La sua colpa?Essere tedesca.

Il nazismo e l’esperienza della Germania nazista hanno inflitto all’Europa il più grande dolore del ‘900.Lo chiamo dolore ma dovrei dire atrocità,anzi atrocità su atrocità,e non finiremo mai di ricordare,non finiremo mai di ricordare abbastanza quanto quelle atrocità hanno provocato danno al nostro continente,quanto quelle immagini della Germania trionfante a vederle ci ricorda quello che venne dopo.Ma da storici è importante parlare anche di un’altra metà che fino ad oggi per motivi comprensibili abbiamo visto ben poco ed è la metà delle sofferenze che ha subito il popolo tedesco,quasi fosse stato interamente colpevole del nazismo dopo la fine della seconda guerra mondiale.

 (Paolo Mieli)

FONTI:RAI-REPLAY,LA-GRANDE-STORIA

Un documentario che fa riflettere,ieri come oggi.Le atrocità si sono spostate nei vari continenti ma sono rimaste le stesse.Storie tristi e rimaste nascoste.Storie di noi.Siamo vittime e carnefici della nostra stessa razza.Chi siamo veramente?Cosa abbiamo fatto?Perchè lo abbiamo fatto?Come è stato fatto?Quando fu fatto?Rispondere a queste domande è necessario affinchè la condizione dell’uomo possa progredire nella giusta direzione.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Piovono le bombe del primo maggio


guerra.jpg

Mentre controlli il tempo del primo maggio,

in Siria periscono con indomito coraggio.

Tutte queste bombe che piovono dal cielo,

sono l’orrore più crudele del mondo intero.

Siamo colpevoli,siamo assassini,

siamo “false persone per bene”,travestite da AGUZZINI.

Che colpa ne hanno tutti questi bambini??

Perchè questo oltraggio??

Sento il rumore delle bombe,

della mancanza di coraggio.

Sento dentro di me le bombe del primo maggio.

(PAUSA)

(Citando il 5 maggio)

Fu vera gloria?

Ai posteri l’ardua sentenza:nui

chiniam la fronte al Massimo

fattor, che volle in lui

del creator suo spirito

più vasta orma stampar.

Youtuber italiano fugge dalla patria per allearsi con l’Isis


connessione lenta

Prima di allontanarsi lo youtuber italiano avrebbe scritto un post su facebook:”Non è possibile che nel 2015 a casa non arrivi nemmeno alice 20 mega,non posso lasciare acceso il pc tutta la notte per caricare un misero video di merda in bassa definizione”.I genitori sono sconvolti e si sono chiusi nel silenzio dopo aver raccontato che suo figlio aveva perso le speranze di avere una connessione decente,era l’unica persona al mondo felice di ricevere telefonate dalle compagnie telefoniche,replica la madre,ma quando l’operatore gli confessava che a casa sua non c’era copertura per una linea piu’ veloce,i suoi occhi si spegnevano e le sue parole si facevano pacate.Suo figlio teneva tutto dentro e ogni tanto aveva scatti d’ ira e imprecava contro Berlusconi,il quale secondo lui era il colpevole dell’inadeguata copertura di internet.E’ tutto un imbroglio urlava a gran voce.C’e’ conflitto di interessi!!Suo padre racconta che sul computer di suo figlio se digitavi “you” su google non usciva “tube” come prima scelta ma “porn”.In un suo diario ritrovato in camera il giovane avrebbe scritto in una pagina che una volta voleva farsi una “gnegnetta” ma la pagina di youporn era talmente lenta a caricare che se l’è dovuta fare due giorni dopo.

Dopo mesi di contatti non riusciti proprio qualche minuto fa si è messo in contatto con noi e ha fatto sapere alla famiglia che va tutto bene.Lo youtuber avrebbe confessato di essere felice perchè grazie all’Isis riesce a caricare video full hd in meno di 2 minuti e se il pc si blocca puo’ sparargli tranquillamente con un AK-47 senza che nessuno lo prenda per folle.E’ incredibile replica di nuovo il ragazzo internet prende anche nelle grotte dove persino i pipistrelli comunicano in wi-fi.

La giornata della mezza memoria


rosa.jpgQuello che tutti dicono di dover ricordare e che fanno vedere in tv per me non è la vera memoria.E’ la memoria innestata.E’ la mezza memoria,è un lato della medaglia,un pezzo di storia,una narrazione senza vera indagine.Bisogna ricordare tutte le atrocità fatte e non solo quelle che fanno comodo.Visto che nessuno lo ricorda anzi non lo vuole rimembrare lo voglio ricordare io in questo piccolo articolo per rispetto a tutti i civili e non,uccisi,morti ammazzati da ciò che considero sul podio dei crimini umani più atroci mai commessi dall’uomo. La cosa peggiore è l’ipocrisia che si nasconde difronte alla morte,la mancanza di descrizione oggettiva e non soggettiva degli eventi.Di cosa sto parlando??Beh la data che ha cambiato una parte della storia: 6 agosto 1945. Il giorno in cui un “piccolo ragazzo” scese dal cielo per ammazzare quante più vite umane possibili,come fosse un angelo cacciato dal paradiso e mandato sulla terra da chissà quale divinità.Il “piccolo ragazzo” ovvero “little boy” era stato creato proprio per uno scopo:dimostrare al mondo chi comandava.Come sempre la dimostrazione di potere uccide più vittime innocenti di qualsiasi altra cosa e l’America necessitava di un evento intimidatorio nei confronti dell’altra grande potenza mondiale ovvero la Russia.Quindi non fu altro che un semplice esperimento nucleare con uno scopo ben preciso.Sperimentare sulle vite umane proprio come faceva Heinrich Himmler con gli ebrei nei campi di concentramento.Due storie parallele e ravvicinate di come la negazione,la tragedia,lo sterminio possano essere crudeli e malvagi.

little boy
Ricostruzione di little boy

Questo “piccolo ragazzo” caduto dal cielo avrebbe fatto uno sterminio in due fasi.

Fase 1: sterminio diretto.Una palla di fuoco con un diametro di circa 30 metri si formo’ in 0,1 millisecondi, una temperatura di 300.000 gradi centigradi e si estese ad un suo massimo in un secondo. Il fungo atomico si elevo’ a circa 17.000 metri di altezza.Il totale dell’energia sprigionata dalla bomba di Hiroshima fu pari a circa 15.000 tonnellate di TNT. Come un inferno risalito dalle viscere della terra per trasformare in cenere un’ intera città in pochi secondi.

Fase2: sterminio indiretto da radiazioni.Malformazioni genetiche,contaminazioni,morte su morte,sofferenza,gravi conseguenze psicofisiche.

14 15

Questo è quanto….questa è la mia memoria…per non dimenticare i più di 200.000 morti arsi vivi dall’America….perchè quelle due bombe non erano necessarie…perche’ tutto quello non doveva accadere ma accadde…la memoria va a queste vittime uccise due volte,dalla morte e dall’ipocrisia.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.