Effetti negativi del GDPR: riduzione dei guadagni per i content creator


Problema

Hai notato una riduzione degli introiti da advertising (pubblicità) sul tuo sito web?? Beh se la maggior parte del tuo traffico, relativo al sito creato, proviene dall’Europa (soggetta quindi al GDPR) allora il problema potrebbe essere proprio quello!! Quando un utente non da il proprio consenso a mostrare gli annunci basati sui cookie nel proprio computer/smartphone (non accettando il classico banner dei cookie), vengono visualizzati annunci generici che hanno un pagamento inferiore rispetto agli annunci mirati. In sostanza l’utente negando o non accettando l’utilizzo dei cookie ti sta automaticamente e indirettamente penalizzando. Questo comporterà quindi una riduzione dei tuoi guadagni da entrate pubblicitarie nonostante le pubblicità mostrate siano comunque elevate!!

Soluzione

Probabilmente non hai attivato il widget Banner cookie sul sito o viene visualizzato in modo inopportuno (potrebbe non essere visibile se non viene effettuato lo scroll). Poni subito rimedio in modo tale che i visitatori possano accettare attraverso il widget gli annunci mirati. Questo consentirà di aumentare le tue entrate!

Clicca qui per seguire l’edizione in Google News 

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

 

Annunci

I soggetti coinvolti nell’Advertising


Individuiamo i soggetti principali che giocano il ruolo fondamentale nel sistema pubblicitario online. Abbiamo:

  • Il blogger (chiamato anche publisher), ed è il soggetto che scrive nel suo spazio web, ed ospita la pubblicità in cambio di un compenso economico.
  • La piattaforma che creagestisce e ospita(hosting) i vari blog (nel nostro caso WordPress.com)
  • Il gestore di un network pubblicitario o circuito di advertising (che nel nostro caso è rappresentato da WordAds), che si occupa della gestione di tutto il comparto pubblicitario.
  • Gli inserzionisti o advertisers, ovvero coloro che vogliono farsi pubblicità sul blog per mezzo del network pubblicitario.
  • Il lettore, ovvero colui che visita il blog

Gli inserzionisti si rivolgono al gestore del network per promuovere i loro prodotti e/o servizi. Questo viene fatto in maniera digitale, infatti il circuito di advertising mette a disposizione solitamente una piattaforma ben strutturata dove si possono attivare o disattivare le varie campagne pubblicitarie, definire tutta una serie di parametri in base alle proprie esigenze e visualizzare le statistiche relative all’andamento della campagna per avere un feedback sul successo o meno della nostra pubblicità, in base alle vendite procurate.

Il titolare del blog o publisher può essere una persona fisica o giuridica, come nel caso di una società, e non è altro che un intermediario attivo se entra in gioco scegliendo i prodotti da pubblicizzare nel proprio blog o passivo se pubblicizza tutto automaticamente senza entrare nel merito tra gestore del network e inserzionista (come nel nostro caso).

La piattaforma semplifica la creazione del blog e la sua gestione. Grazie ad essa tutti possono realizzare un blog senza avere alcuna conoscenza di programmazione di codice. Questo è possibile perché i programmatori hanno creato per noi un’interfaccia di alto livello intuitiva e semplice che permette ad ognuno di realizzare il proprio spazio web. È chiaro che questi programmatori vanno pagati e li si paga quando si fa il contratto premium o business di wordpress.com. Il limite di questo sistema è la possibilità limitata di modifiche. Più vuoi modificare e più devi pagare in sostanza.

Il gestore del network che solitamente non è altro che una società ha il compito di inserire le campagne promozionali degli inserzionisti negli opportuni spazi delle pagine web del blogger, prendendo degli accordi sia nei confronti degli inserzionisti da cui ricevono i soldi, sia nei confronti dei blogger a cui destinano una parte di quei soldi.

Il lettore è l’utente finale che entrando nel blog e scorrendo le pagine visualizza le pubblicità (o ads, dall’inglese advertise) diventando così un finanziatore indiretto del blogger.

Abbiamo quindi:

  • un finanziatore diretto che è l’inserzionista, è colui che tira fuori la maggior parte dei soldi.
  • un finanziatore indiretto che è il lettore.
  • un creditore diretto che è il gestore del network.
  • un creditore indiretto che è il titolare del blog.
  • un doppio creditore che è la piattaforma del blog. È il soggetto più avvantaggiato in quanto guadagna dal blogger e dal gestore del network.

Questi sono i 5 soggetti fondamentali nel sistema pubblicitario del web. È chiaro che chi guadagna maggiormente è in ordine:

  1. Il  gestore della piattaforma dove si concentra la maggior parte del lavoro intellettuale/teorico/pratico/responsabilità.
  2. Il gestore del network pubblicitario.
  3. L’inserzionista grazie al ritorno economico derivante dalla pubblicità, sempre che questa abbia funzionato opportunamente.Se pubblicizza è chiaro che vuole un ritorno dell’investimento, ovvero un ritorno economico superiore alle spese per la pubblicità.
  4. Il blogger, grazie al ritorno economico indiretto.
  5. Il lettore,il suo guadagno è un guadagno di informazione che a volte si può tradurre in economico indiretto, se utilizza l’informazione per farci dei soldi.

Perché è importante capire i soggetti in gioco?? Perché in base al numero di soggetti possiamo avere un guadagno maggiore o minore.È chiaro che più la filiera è lunga e più  i margini di guadagno sono risicati, poiché tutti debbono mangiare! Chi mangia di più??Quello che mangia di più è sempre e dico sempre il NETWORK. E qui di esempi ne possiamo fare a bizzeffe. Facebook è un NETWORK,Instagram è un NETWORK,Amazon è un NETWORK,Google è un NETWORK e così via. I network guadagnano perché sono grossi,sono pochi, sono intellettualmente superiori.Scendendo verso il basso dalla classifica infatti possiamo notare l’aumento del numero di soggetti che entrano nel mercato, sottolineando una struttura di tipo piramidale.Quindi capire come guadagnare ora è molto più semplice. Dobbiamo ridurre il numero di soggetti in gioco! Possiamo eliminare il gestore del network e parte della piattaforma del blog(abbiamo bisogno solo dell’hosting). Questo significa che dobbiamo programmarci il blog o in maniera più semplice sfruttare wordpress.org installandolo sull’host. E dobbiamo prendere accordi diretti con coloro che vendono pubblicità, facendoci dare una cifra in cambio della loro pubblicità sul nostro sito. E poi dovete incrementare il numero di lettori creando contenuti di qualità che siano letti da molti utenti.Insomma niente di nuovo ma esposto in maniera più chiara e logica. Ti è piaciuto? Fammi sapere!

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Quanto si guadagna con WordAds di WordPress?


Centinaia di articoli online non spiegano nella pratica quanto possa essere all’incirca il guadagno con il sistema pubblicitario di WordPress ovvero WordAds. Guadagnare soldi è un’ossessione di molti e basta digitare sul motore di ricerca “come guadagnare” per vedere cosa ci suggerisce Google, lo psicologo delle folle:

Come guadagnare soldi.jpg

Se sei arrivato in questa pagina è perché ti sei posto giustamente la domanda su come guadagnare e/o quanto guadagnare con le pubblicità. Vi dico subito che coltivando l’insalata e le cipolle potreste guadagnare 100 volte tanto (200 volte se le fate biologiche)! Nessuno nel 2017 vuole più sporcarsi le mani sudando, ma tutti vogliono guadagnare soldi con la tastiera(senza offesa è la pura e mera realtà). Fare quello che iniziano a fare tutti è la cosa più sbagliata al mondo non tanto a livello morale/originale ma al livello di mercato. Eh già (direbbe Vasco), è il mercato a decidere quanto tu vali, quanto tu possa guadagnare (domanda: hai presente quanti utenti nel mondo sono ora sul web?). Ora qualcuno si sarà offeso e avrà abbandonato perché colpito emotivamente, i più temerari invece continueranno la lettura. Quando aumenta l’offerta a dismisura i guadagni scendono. Ora uno come Salvatore Aranzulla ha avuto successo perché è stato uno dei primi ed ha saputo fare ciò che ha fatto. Vi ho già smontato un bel po ed ora che avete ben chiaro su come non si possa guadagnare di sola pubblicità online a meno che non siate ai piani alti come Chiara Ferragni, passiamo al secondo livello.

Soldi, soldi online, soldi da casa

Solitamente quando sentite mettere insieme le parole soldida casa e online la prima cosa che vi dovrebbe venire in mente è la parola truffa. Quindi massima attenzione ai ciarlatani di cui è pieno il mondo. Non starò qui a dirvi come fare i soldi ma posso dirvi come non perdere soldi! La 1° regola per fare soldi online è non cercare su Google la qwery “Come fare soldi online”. Per fare soldi online occorre prima di tutto acquisire  una visione generica su come funziona il “sistema internet”. Solo dopo si potranno seguire i passi per avvicinarsi al successo. La regola generale è che “la cosa facile e la cosa giusta non sono mai la stessa cosa”. Poiché tu vuoi fare soldi facili ti dico subito che non è la cosa giusta da fare!!! Quindi non concentrarti subito sui soldi ma sulla cosa giusta da fare! Una tra le tante cose giuste da fare è seguirmi su Twitter perché al contrario di quanto molti pensano non è affatto un social morto anzi è il migliore di tutti sotto certi aspetti (tolti fascisti, antifascisti, fake account e politicanti di basso rango). Chi dice che Twitter è morto non ha capito niente (ce ne sono a bizzeffe di account abbandonati dal 2014/2015). Io sono entrato proprio quando dicevano che era morto (mai seguire la massa, bisogna anticiparla vedi esempio dei Bitcoin).

Come funzionano i guadagni da pubblicità (ads)

Prima di tutto il sistema (in WordPress.com, non in WordPress.org) non paga fino al raggiungimento della soglia di 100€, il che significa che mentre loro i soldi dalle pubblicità li intascano subito voi li intascherete una volta raggiunta la soia. Raggiungere i 100€ non è una passeggiata,anzi è una corsa in salita con pendenza 40%. I profitti dipendono dalle visite a cui sono legate le impressioni degli Ad. Più sono i visitatori e maggiori sono le impressioni, maggiore sarà il guadagno (questo in linea di massima poiché nella realtà gli algoritmi sono abbastanza complessi ed elaborati quindi in certi mesi con impressioni minori riuscirai ad ottenere guadagni maggiori). Questo sistema è conosciuto in gergo come pay per impression, ed è conveniente nei casi in cui il sito è visto da molte migliaia di persone al giorno, perché la fonte di guadagno è la quantità (di solito si guadagna un valore che può essere all’incirca in maniera molto approssimativa un 50 centesimi ogni 1000 impressioni). Ma cosa rappresenta realmente un’impressione e quando viene conteggiata?? Un’impressione possiamo dire in parole povere che rappresenta il numero di volte che un visitatore visualizza l’annuncio pubblicitario presente nella pagina. Gli annunci in certi casi si trovano in punti che possono anche non essere visualizzati, se non si effettua lo scroll della pagina e se il visitatore abbandona la pagina prima, quindi non è detto che tutti i visitatori generino un’impressione come non è detto che ogni visita generi un’impressione. Un’unico visitatore può generare più visite (navigando e scorrendo più articoli dello stesso sito,solitamente questo è sintomo di interessamento dell’utente e quindi di qualità del vostro sito) e il caso ideale che noi vogliamo ottenere è che ad ogni visita corrisponda un’impressione. Poiché è un caso ideale possiamo solo avvicinarci a questo obiettivo e ciò dipende da come impostiamo il layout, dalla qualità del sito, dalla pesantezza,dall’indicizzazione,dal rank,dalla reputazione, dalla presenza di annunci non troppo invasivi,ecc.. Come detto sopra confrontando la voce visitatori con la voce impressioni, potete verificare che il numero delle visite supera sempre quello dei visitatori che a sua volta supera sempre quello delle impressioni. Un altro sistema utilizzato da altri nel web è il pay per click che presenta un introito per ogni click che può attestarsi da qualche centesimo a qualche euro e prevede il completamento dell’azione. Come incrementare i guadagni? Non esiste una formula magica e toglietevelo dalla testa di fare soldi con un blog. Quello che potete fare è iniziare con contenuti di qualità,senza intasare la pagina con troppe pubblicità e popupfornendo soluzioni a problemi comuni, inserendo backlink interni ai vostri articoli,citando le fonti ed essere attendibili. Utilizzate strumenti di webmaster per il SEO, per tenere sotto controllo il vostro rank e l’indicizzazione nel web (l’ho spiegato in molti articoli). Mai prendere in giro il lettore con titoli e tag fuorvianti. Il lettore è un cliente e i clienti vogliono qualità del servizio,sincerità e passione. Chi vi propone di guadagnare molti soldi online o è un truffatore o è un quasi truffatore. Pertanto evitateli come la peste. Ci sono 3 tipi di guadagni a cui si può aspirare: guadagno diretto con e-commerce, guadagno diretto con pubblicità e guadagno indiretto da visibilità. Mentre i primi due sono abbastanza difficili da raggiungere senza un’ottima idea e una grande strategia, il terzo è alla portata di tutti basta un po di impegno. Come promesso ecco i miei introiti in 3 mesi ricavati dalle sole pubblicità; sono pari a mezzo kebab, vedere per credere:

Quanto si guadagna con wordAds 2.jpg

Quanto si guadagna con wordAds.jpg

Quante visualizzazioni occorre fare

Si ok ma quante visualizzazioni debbo fare per “raccimolare” qualche soldo con le sole pubblicità? È questa la domanda a cui abbiamo risposto nel seguente articolo:

Clicca qui per leggerlo

Qualche link per approfondire

Approfondimento png.pngPer approfondire i soggetti in gioco nel sistema ti consiglio di leggere: I soggetti coinvolti nell’Advertising.

Approfondimento png.pngPer approfondire quanto si può guadagnare dalle pubblicità sul proprio sito web ti consiglio di leggere: introiti da pubblicità

Scarica l’app ufficiale di Seremailragno.com in Google Play

Google Play Store

Donazione al sito web Seremailragno.com

Seremailragno.com in questi anni ha contribuito a garantire la libertà di informazione cercando di essere il più onesto possibile. Se vuoi fare una donazione poiché apprezzi i contenuti esposti e vuoi contribuire al miglioramento del sito non posso che ringraziarti. Viva la libertà 🙂

€5,00

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.