Come inserire nei video le telemetrie del vostro GARMIN


Introduzione

In questo tutorial vedremo come inserire le telemetrie (velocità, mappa, altitudine, tempo, battito, potenza, ecc…) acquisite dai vari sensori (GPS, sensore ottico, accelerometro, ecc..) del proprio dispositivo Garmin o simile, in sovra impressione nei video registrati in contemporanea durante lo svolgimento di tali attività (giro in bici da corsa o MTB, escursione in montagna, passeggiata in moto, barca a vela, trail running, ecc…). Le avete sicuramente viste nelle gare di formula uno o nelle gare motociclistiche e riportano in sostanza i dati dei sensori acquisiti in tempo reale sullo schermo dove viene visualizzata la camera del pilota.

Garmin Virb Telemetria
Screenshot di un editing utilizzando Garmin Virb Edit

Video Tutorial 

Il video tutorial è diviso in due parti:

  • Parte 1: introduzione, materiale necessario, registrazione video
  • Parte 2: introduzione al software Garmin Virb Edit e sincronizzazione del video con i dati telemetrici

Software e Hardware necessari (caso costoso)

Garmin ha prodotto il software e l’hardware per fare video e telemetrie in automatico, ma questo richiede che voi acquistiate una Garmin Virb Action Cam che si aggira attorno ai 400€. Per baypassare tale spesa ci sono soluzioni alternative molto valide che adesso vi faremo vedere.

Software e Hardware necessari (caso gratuito)

Lo scopo di questo tutorial è naturalmente di farvi spendere meno soldi possibile. Vi elenchiamo quindi tutto ciò di cui avrete bisogno per realizzare homemade la vostra telemetria su video:

  1. Avere un computer per elaborare video e dati
  2. Avere un dispositivo Garmin per acquisire i dati e un’action cam o smartphone per registrare il video riferito alla traccia
  3. Scaricare gratuitamente il software Garmin Virb Edit qui per effettuare la sincronizzazione tra video e dati telemetrici
  4. Saper padroneggiare il software

Montaggio di dati e video

  1. Andate nel sito di Garmin Connect e scaricate la vostra traccia .GPX.
  2. Apriamo Virb Edit e clicchiamo su andiamo Crea Video
  3. Importiamo il video registrato durante l’attività svolta
  4. Andiamo sull’impostazione G-Metrix e importiamo la traccia .GPX scaricata al punto 1 (la traccia scaricata da Strava potrebbe creare rogne quindi usate Garmin)
  5. A questo punto abbiamo il video con i dati ma il problema è che telemetria e video non sono sincronizzati. Per tale motivo dobbiamo cliccare sul pulsante Sincronizzazione G-Metrix e si aprirà una doppia finestra dove andremo a selezionare il punto di partenza del video e il punto corrispondente sulla traccia GPS
  6. Scegliamo gli indicatori telemetrici da andare ad aggiungere sulla schermata video in G-Metrix
  7. Esportiamo il video finale

Se vuoi sbizzarrirti 

Per i più smanettoni l’idea non finisce qui ma si monta il video mixando con la traccia registrata da Relive in modo da avere una panoramica totale del percorso. Forte no? Ora tocca a voi! Lasciate un like all’articolo se vi è stato utile e ci vediamo alla prossima.
Google Play Store

Copyright©2019 Seremailragno.com by Michele Paoletti – michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

Stravistix: una ricchissima estensione per Strava


Cos’è Stravistix?

Stravistix è un ottimo plugin per il browser che aggiunge funzionalità mancanti nel sito web di Strava (la famosa app/sito per registrare le varie attività sportive). In sostanza, Stravistix è un’estensione che permette di avere alcune statistiche aggiuntive sui propri percorsi, fornendo informazioni sia riguardo le proprie uscite, sia riguardo le uscite delle persone che segui.

A che serve conoscere tutti questi parametri? Ogni parametro ha un legame fisiologico con lo stato di salute del soggetto; conoscere i parametri ci permette di monitorare, analizzare, prevedere e programmare piani di allenamento mirati per lo sviluppo ulteriore delle capacità fisiche. Non dimentichiamo le parole di Newton: <<Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria>>. La sollecitazione del corpo con l’attività fisica provoca delle reazioni talvolta positive, talvolta negative. Ecco quindi che la conoscenza dei parametri e il loro utilizzo nella programmazione degli allenamenti può fare la differenza tra il professionista e il professionista vincente.

Installazione

  1. Apriamo il browser Chrome, chi non lo usa può scaricarlo direttamente quiverrete reindirizzati nella home page del software, scaricate il file di installazione ed avviate l’exe, seguite la procedura fino al completamento.
  2. Cliccate qui per installare l’estensione in Google Chrome
  3. Dalle impostazioni effettua l’accesso utilizzando i dati dell’account di Strava (vi ricordiamo che dalle impostazioni di Strava si possono sincronizzare tutte le attività registrate con il Garmin)
  4. Avvia la sincronizzazione utilizzando il pulsante in alto a destra

Stravistix per Strava

Avrai quindi accesso ai vari tipi di dati e informazioni, che puoi consultare per analizzare le tue prestazioni e/o risultati. Chiaramente più è evoluto il dispositivo Garmin che si indossa, maggiori saranno i dati immagazzinati. Per esempio:

Stravistix dati

Stravistix Statistiche

Strava Dati

Stima della potenza media (Estimated Average Power)

È una stima della potenza generata mediamente ed espressa in Watt. Sappiamo che la potenza media è data dal rapporto tra l’energia prodotta e l’intervallo di tempo corrispondente. La stima è dovuta al fatto che dei due parametri espressi, l’energia è il parametro approssimato in quanto corrisponde alle kcal consumate e convertite in Joule durante l’attività (calcolate tramite un algoritmo non troppo preciso) mentre l’intervallo di tempo si conosce in maniera esatta.

La frequenza cardiaca a riposto (Rest Heart Rate)

Sdraiati sul letto e misura il tuo valore di frequenza cardiaca. Consigliamo l’utilizzo di un misuratore di pressione professionale in grado di misurare anche la frequenza cardiaca. Io utilizzo l’Omron M7 Intelli.

Massima frequenza cardiaca (Max Heart Rate)

È la massima frequenza cardiaca raggiunta dal tuo cuore. Puoi valutarla indossando una fascia cardiaca e andando al massimo delle tue prestazioni. Oppure viene calcolata automaticamente impostandola di default in base alle attività sportive svolte in precedenza.

Time climbing (Intervallo di Tempo in salita)

Parametro autoesplicativo, indica l’intervallo di tempo trascorso in salita.

Andatura media in salita (Avg Climbing Pace)

Parametro autoesplicativo, indica l’andatura media in salita.

Heart Rate Reserve o HRR

HRR è la differenza tra la frequenza cardiaca a riposo (HRrest) e la frequenza cardiaca massima (HRmax).

HRR = HRmax – HRrest

Fonte: Polar

Punteggio di stress (Stress Score o Hearth Rate Stress Score o HRSS)

Il punteggio di stress o stress score è un parametro indicante lo stato fisiologico, ed è il risultato di un test di tre minuti eseguito stando fermo, in cui il dispositivo Garmin analizza la variabilità della frequenza cardiaca per determinare lo stress complessivo. L’allenamento, il sonno, la nutrizione e lo stress generale della vita influiscono su come si comporta un corridore. Il range del punteggio di stress va da 1 a 100, dove 1 è uno stato di stress molto basso e 100 uno stato di stress molto elevato. Conoscere il tuo punteggio di stress può aiutarti a decidere se il tuo corpo è pronto per una dura sessione di allenamento o yoga.

Prima di poter visualizzare lo Stress Score, è necessario indossare la fascia cardio.

SUGGERIMENTO: Garmin consiglia di misurare lo stress score approssimativamente alla stessa ora e nelle stesse condizioni ogni giorno. È necessario rimanere in posizione eretta per effettuare il test dello stress score, poiché in questa posizione il test è più sensibile ai livelli bassi e medi di stress. Da sdraiato, i livelli moderati di stress potrebbero non essere rilevati, mentre stando in piedi viene applicato un leggero carico sul sistema cardiovascolare.

Impulso di allenamento (Training Impulse o TRIMP)

Banister ha sviluppato nel 1991, attraverso degli studi, il training impulse (TRIMP) per quantificare il carico di allenamento. Il TRIMP prende in considerazione l’intensità dell’esercizio grazie all’∆HR e la durata dell’esercizio (intervallo temporale). L’HR medio per la sessione di allenamento è ponderato in base alla relazione tra FC e lattato ematico come osservato durante l’esercizio incrementale e quindi moltiplicato per la durata della sessione.

TRIMP= T x ∆HR x y

  • dove T è l’intervallo di tempo espresso in minuti
  • sull’asse orizzontale delle ascisse abbiamo l’∆HR che prende il nome di fractional elevation e rappresenta l’elevazione frazionaria dell’HR
  • y è il fattore di ponderazione sotto indicato con weighting factor, ovvero un parametro che tiene in considerazione la generazione di lattato nel sangue in soggetti allenati rispettivamente maschi e femmine
  • sull’asse verticale delle ordinate abbiamo invece la blood lactate concentration (BLa) ovvero la concentrazione di lattato nel sangue

In soldoni come possiamo vedere dal grafico, all’aumentar dell’HR aumenta la concentrazione di lattato nel sangue che dovrà essere smaltita. Nei soggetti più allenati a parità di HR si produce una minor quantità di lattato nel sangue.

Blood-lactate-concentration
Fonte: link alla ricerca

 

HRSS e TRIMP

Le attività basate sulla frequenza cardiaca hanno i loro punteggi di stress elaborati con il metodo HRSS (Heart Rate Stress Score). Sono stati precedentemente elaborati utilizzando solo il metodo Training Impulse (TRIMP). Il metodo HRSS è raccomandato rispetto al TRIMP perché:

  • I punteggi HRSS sono ridimensionati per essere utilizzati con le zone di allenamento.
  • I punteggi HRSS possono essere confrontati direttamente con i punteggi Power Power Stress (PSS). Usano lo stesso riferimento o scala.
  • I punteggi HRSS possono essere confrontati direttamente con i punteggi di stress da nuoto (SSS). Usano anche lo stesso riferimento o scala.

Con questo cambiamento i tuoi punteggi HRSS saranno ~ 40-30% inferiori rispetto ai punteggi TRIMP. Anche i valori di fitness e stanchezza diminuiranno allo stesso tempo. È un comportamento previsto e normale. Fondamentalmente basti pensare che i punteggi TRIMP sono su “un’altra scala” e i punteggi HRSS sono sulla scala da confrontare con le zone di allenamento e altri punteggi PSS e SSS. E come TRIMP, l’HRSS dipende anche dalla durata e dall’intensità dell’esercizio e fornisce un buon indicatore per confrontare l’impegno tra le vari attività. Si consiglia inoltre di impostare la propria frequenza cardiaca di soglia lattacida LTHR nelle impostazioni dell’atleta per ottenere risultati migliori.

Frequenza cardiaca di soglia lattacida (LTHR – Lactate Theshold Heart Rate) 

È la frequenza cardiaca di soglia lattacida, ovvero è un indicatore della frequenza cardiaca, cioè dei battiti del cuore, che corrisponde al superamento della soglia aerobica verso l’attività anaerobica. Cosa significa e cosa accade durante lo sforzo fisico? Alla frequenza cardiaca LTHR si passa da una condizione di lavoro di tipo aerobico, cioè in presenza di ossigeno, ad una condizione più sfavorevole per l’organismo con una minore efficienza dal punto di vista energetico. Infatti, durante lo sforzo, il nostro organismo deve continuamente produrre la propria energia, sotto forma di molecole di ATP (adenosina trifosfato). Per farlo utilizza una via metabolica detta glicolisi, dove il glucosio (molecola di zucchero semplice formata da sei atomi di carbonio, che viene prodotta dalla degradazione del glicogeno o dei carboidrati introdotti con la dieta), viene scisso per produrre 2 molecole di ATP. Il residuo di tale scissione sono due molecole di piruvato (con 3 atomi di carbonio ciascuna).

  • In condizioni di lavoro aerobico il piruvato entra nei mitocontri dove viene ulteriormente fosforilato per ottenere altre molecole di ATP.
  • In condizioni di lavoro anaerobico invece il piruvato permane nel citosol cellulare, dove si trasforma in acido lattico tramite fermentazione lattacida. Quando l’acido lattico, dal muscolo viene spostato nel torrente ematico, prende il nome di lattato, dato che la sua struttura chimica viene modificata (perde uno ione H+).

Differenze tra lattato e acido lattico

Il lattato prodotto viene portato dal sangue al fegato, dove viene riconvertito in piruvato ma se lo sforzo è protratto per troppo tempo si ha l’accumulo di lattato, con conseguente calo della prestazione. Il lattato nel sangue (misurabile tramite prelievo), nelle persone sedentarie, corrisponde a circa il 55-60% del VO2max, negli atleti agonisti praticanti sport di resistenza anche 70-80%.

Si potrà quindi impostare un LTHR per l’attività di corsa e uno per l’attività di ciclismo. Se non sono impostati viene fatto un calcolo automatico (sulla base dei dati a disposizione) e il parametro LTHR viene settato di default.

Riferimenti

ASCENSAO, A., REBELO, A., OLIVEIRA, E., MARQUES, F., PEREIRA, L. & MAGALHAES, J. 2008. Biochemical impact of a soccer match – analysis of oxidative stress and muscle damage markers throughout recovery. Clinical Biochemistry, 41, 841-851.

BANISTER, E. W. 1991. Modeling Elite Athletic Performance. In: MACDOUGALL, J. D., WENGER, H. A. & GREEN, H. J. (eds.) Physiological Testing of Elite Athletes. Champaign, Illinois: Human Kinetics.

BUSSO, T. 2003. Variable dose-response relationship between exercise training and performance. Med Sci Sports Exerc, 35, 1188-95.

IMPELLIZZERI, F. M., RAMPININI, E. & MARCORA, S. M. 2005. Physiological assessment of aerobic training in soccer. J Sports Sci, 23, 583-592.

MORTON, R. H. 1990. Modeling human power and endurance. J Math Biol, 28, 49-64.

STOLEN, T., CHAMARI, K., CASTAGNA, C. & WISLOFF, U. 2005. Physiology of soccer – An update. Sports Medicine, 35, 501-536.

Intermittent exercise alters the heart rate-blood lactate relationship used for calculating the training impulse (TRIMP) in team sport players. Akubat I1, Abt G.

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

 

 

GymChrono: countdown timer per Garmin


GymChrono è un semplicissimo timer utilizzato per il conto alla rovescia. È utile per tenere sotto controllo i tempi di recupero, per esempio quando si eseguono i vari esercizi in palestra o si effettua lo stretching muscolare pre/post allenamento. La sua semplicità e rapidità di attivazione insieme alla facilità di utilizzo, lo rendono sicuramente utilizzabile da qualsiasi utente; è proprio per questo motivo che lo abbiamo scelto. La schermata è molto semplice e intuitiva:

  • 2 cifre per indicare i minuti
  • 2 cifre per indicare i secondi
  • 1 cifra per il contatore della serie

Countdown Garmin

Funzionamento

  • Premendo i tasti su o giù posti a sinistra cambia il valore del conto alla rovescia (da un minimo di 15 secondi ad un massimo di 10 minuti con step di 15 secondi)
  • Premendo il tasto in alto a destra si avvia il conto alla rovescia (Start), premendolo nuovamente si effettua il reset parziale (inizializza il timer al valore iniziale senza azzerare il contatore della serie)
  • Al termine del conto alla rovescia, verrà incrementato il numerino in alto, che rappresenta il contatore della serie.
  • Premendo il tasto in basso a destra (Indietro) si effettua il reset completo (inizializza il timer al valore iniziale e azzera anche il contatore della serie)

Link per scaricare l’app

Puoi scaricare l’app cliccando qui

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

 

Garmin Forerunner 235: problematiche risolte


Puoi seguire la Pagina Facebook dedicata Sportwatch Italia (clicca qui) per rimanere aggiornato sulle principali novità Garmin, test, recensioni, accessori, mappe, offerte, soluzioni e molto altro ancora…

Passare da visualizzazione in miglia a km

Domanda: Sono un nuovo possessore di un forerunner 235,stamane lo’ usato per la prima volta in allenamento,l’orologio è settato sui km e durante l’uso visualizzava i km ma dopo aver scaricato l’allenamento su Garmin Connect viene visualizzato in miglia,sapete perché e come rimediare?
Grazie

Risposta: Devi cambiare le impostazioni dall’ App e vedi che ti cambia l’allenamento da miglia a km. Dall’ app vai su:
Impostazioni-> Impostazioni utente->Misurazione

Modificare altezza e peso 

Domanda: come posso modificare altezza e peso?

Risposta: Sempre in Impostazioni -> Impostazioni utente

Rilevazione battito cardiaco ad alte intensità

Domanda: avevo bisogno di un consulto con i possessori di Garmin forerunner 235, quando faccio allenamenti tranquilli non ho alcun problema legato al rilevamento del battito (verificato anche con fascia cardio), ma quando invece faccio lavori ripetuti ad alta intensità o progressivi un po’ più spinti non solo il battito è troppo basso, addirittura mi scende in zona1.
Capita anche a voi o è un difetto del mio.
Grazie

Risposta: 

  1. A volte se usi campi dati scaricati necessità di aggiornarlo via pc
  2. Guarda a mia esperienza a volte dipende da quanto è stretto il cinturino e se è particolarmente sudato
  3. Le problematiche relative alla rilevazione del battito cardiaco ad alte intensità sono note e messe in risalto da alcuni confronti dei grafici tra il forerunner 235 ed i sensori con fascia cardio. In sostanza il forerunner 235 perde di precisione nel momento in cui le variazioni iniziano ad essere repentine mentre si comporta bene per lente variazioni

Problemi di associazione del forerunner 235 con Huawei

Associare forerunner 235 con Huawei

Domanda: Ciao a tutti, ho un forerunner 235 che funziona benissimo e vorrei associarlo al nuovo Huawei P10 lite ma niente non riesco. Il telefono si connette con Bluetooth di altri telefoni per cui funziona e il Garmin si sincronizza con altro telefono per cui funziona pure il Garmin. Cosa può essere secondo voi?Grazie in anticipo

Risposta: 

  1.  Esiste una nota incompatibilità tra i cellulari Huawei e i Garmin ancora non risolta da garmin, bisogna attendere un aggiornamento da parte di garmin o cambiare telefono
  2. Per associare i due dispositivi io ho risolto disattivando il GPS del telefono.Riavvia entrambi i dispositivi e riprova
  3. Disattivando il localizzatore GPS sul telefono, si risolve il problema
  4. Si risolve, ma non a tutti…a me infatti non si connette ugualmente
  5. Ho un P10 Lite con FR235. Effettivamente la procedura di disattivazione del gps sembra funzionare. Resta comunque un mistero la continua pubblicazione di aggiornamenti di GC senza che riescano a risolvere il problema

Osservazione personale: perché vi fate il Huawei!? La Huawei ha prodotto il Huawei  Watch 2 quindi è normale che metta i bastoni tra le ruote a Garmin data la forte concorrenza. Se vi fate uno smartphone Huawei, la logica vuole che vi fate anche un Huawei watch. Stesso discorso: se vi comprate un iphone fatevi un apple watch! Non potete farvi la concorrenza e poi lamentarvi perché con i loro aggiornamenti mandano a puttane la professionalità di Garmin. Sotto c’è chiaramente una lotta industriale a colpi di malfunzionamenti per acquisire nuove fette di mercato. O seguite la massa utilizzando anche un minimo di logica o non la seguite per niente. Dato che al momento sono tutti fissati con sti Huawei, il mio consiglio è sempre e solo uno: ASUS. Mai seguire la massa perché la massa è mediamente sbagliata o porta a scelte sbagliate.

Cambio di orologio,sincronizzazione e conservazione dati

Domanda: Ho preso un 630 e volevo associarlo su GC dove ho già il 235.
Le domande sono:
– Sul 630, mi trasferisce i vari dati che ho sul 235 (record, km mensili, VOmax etc) oppure perdo tutto?
– Se associo entrambi, poi posso sincronizzarne anche uno per dire durante il giorno e uno solo per le attività?

Risoluzione dei problemi di connessione Bluetooth

Molti dispositivi Garmin comunicano con Garmin Connect Mobile mediante la tecnologia Bluetooth Low Energy (BLE). Ci possono essere casi in cui incontri dei problemi sincronizzando il tuo dispositivo.  Anche se esistono molte variabili che possono influenzare la sincronizzazione, la maggior parte dei problemi possono essere risolti seguendo la risoluzione dei problemi base. Quando hai problemi di connessione Bluetooth, puoi osservare sul dispositivo alcuni dei seguenti sintomi:

  • Difficoltà con la sincronizzazione dei tuoi dati
  • Messaggi di sconnessione sul tuo dispositivo Garmin
  • Mancata ricezione di smart notifications
  • Widgets non caricate (es. Meteo, Calendario, Notifiche mostrano “In attesa dei dati”)
  • Anomalie nelle funzionalità Connect IQ

I passi seguenti dovrebbero risolvere la maggior parte dei problemi di connessione Bluetooth:

  1. Verificare che Bluetooth sia abilitato sul dispositivo Garmin*
    • Per assistenza fare riferimento al Manuale utente del proprio prodotto
  2. Verificare che Bluetooth sia abilitato sul tuo Dispositivo Mobile
    • Le istruzioni per abilitare il Bluetooth variano a seconda del tipo di dispositivo mobile usato. Il menu del Bluetooth si trova solitamente nelle impostazioni generali del dispositivo mobile. Una volta localizzato il menu Bluetooth abilitare il Bluetooth.
  3. Aprire Connect Mobile
  4. Andare in Dispositivi Garmin
    •  Telefoni Android e Windows:
      1. Selezionare (Menu) 
      2. Selezionare Garmin Devices
    • iOS:
      1. Selezionare Altro
      2. Selezionare Dispositivi Garmin

Una volta nel menu Dispositivi Garmin dell’applicazione, ci sono alcuni indicatori sullo schermo che potrebbero identificare un possibile problema con la tua connessione. Esempi:

  •  “Nessun dispositivo accoppiato”:
    1. Selezionare Aggiungi Dispositivo
    2. Selezionare il modello del dispositivo che stai tentando di connettere
    3. Seguire la procedura guidata per l’accoppiamento
  •  “Bluetooth disattivato”:
    • Telefoni Android e Windows:
      1. Selezionare Attivalo Premi per attivarlo
      2. Attivare quando richiesto
      3. Aspettare 1-2 minuti che il tuo dispositivosi mostri come “Connesso”
    • iOS:
      1. Andare in impostazioni iOS per attivarlo
      2. Tornare nella sezione Dispositivi Garmin di Connect Mobile e aspetta 1-2 minuti che il tuo dispositivo si mostri come “Connesso”
  • Se il tuo dispositivo Garmin è mostrato come “Non connesso”:
    1. Riavviare sia il telefono sia il dispositivo Garmino
    2. Quando entrambi i dispositivi sono stati riavviati aprire Connect Mobile
    3. Andare in Dispositivi Garmin
    4. Aspettare 1-2 minuti che essi si riconnettano e si mostrino “Connessi”
  • Se il dispositivo Garmin ed il telefono falliscono la riconnessione dopo 1-2 minuti:
    1. Rimuovere completamente il dispositivo Garmin
      • Telefoni Android e Windows:
        1. Selezionare e mantenere premuto il dispositivo Garmin sulla schermata Dispositivi Garmin
        2. Selezionare Rimuovi DispositivoRimuovi
        3. Selezionare Aggiungi Dispositivo
        4. Seguire la procedura guidata per l’accoppiamento
      • iOS:
        1. Selezionare Dispositivi Garmin
        2. Selezionare nell’ angolo superiore destro
        3. Selezionare Rimuovi Dispositivo
        4. Selezionare Continua
        5. Andare in Impostazioni iOS
        6. Selezionare Bluetooth
        7. Selezionare la  accanto al Dispositivo Garmin nella lista dei Miei Dispositivi
        8. Selezionare Dissocia questo dispositivo
        9. Andare in Connect Mobile
        10. Andare in Dispositivi Garmin
        11. Selezionare Aggiungi Dispositivo
        12. Seguire la procedura guidata per l’accoppiamento

Se l’articolo ti è stato utile lascia un like e 5 stelle! Grazie per la lettura e buona corsa!

Clicca qui per seguire l’edizione in Google News

Copyright©2018 Seremailragno.com by Michele Paoletti – michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.

È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.