Crowdfunding per sistemare la Chiesa lesionata dal sisma del centro Italia


Il messaggio del parroco Don Luigi Mancini alla comunità.

Don Luigi Mancini.jpg

Come le altre comunità del centro Italia, anche noi purtroppo, in questi mesi, abbiamo vissuto la terribile esperienza del terremoto. Come tutte le calamità anche questa si è lasciata dietro molte vittime, sia tra la popolazione che tra gli innumerevoli edifici parte del patrimonio artistico culturale e religioso che ogni paese ha. Specialmente nei piccoli paesi come il nostro, Monte Urano, che conta appena poco meno di 8.000 anime il problema si è fatto sentire, soprattutto nei vecchi edifici, che rappresentano , per la comunità, il fulcro della vita religiosa e sociale.
La crisi economica prima del terremoto aveva già indebolito la nostra fragile economia e tolto la possibilità di finanziamenti e donazioni per il mantenimento dei nostri edifici religiosi e non solo. Oggi dopo il terremoto la situazione è drammaticamente peggiorata. Il paese ha perso l’edificio che ospitava la scuola media , ricollocata temporaneamente insieme alla scuola elementare, ma soprattutto abbiamo perso la possibilità di utilizzare la nostra Chiesa Parrocchiale.
In ogni paese la Chiesa rappresenta il punto di incontro della comunità, Il luogo dove si vivono e si sono vissuti i momenti più importanti della nostra vita. La memoria di ogni concittadino ha in se un esperienza vissuta nella nostra cara chiesa. Pensate solo a tutti i battesimi, le comunioni, le cresime i matrimoni e gli estremi saluti ai nostri cari defunti. Ogni uno di noi dal più anziano al più piccolo ha vissuto molti splendidi momenti della propria vita religiosa nella Chiesa Parrocchiale di San Michele Arcangelo.

Chiesa Parrocchiale di San Michele Arcangelo.jpg
Interno della Chiesa

Ricordo ancora il giorno della mia comunione : decine di bambini in fila, emozionati e impacciati, in attesa di fare il primo incontro con Nostro Signore Gesù. Ogni anno nuovi volti gioiosi si alternavano ai piedi di quell’altare e con loro parenti ed amici condividevano in quel luogo sacro la gioia dell’amore di Dio. Quest’anno purtroppo non sappiamo ancora dove celebreremo le più importanti cerimonie. Per ora il comune ha messo a disposizione della comunità cattolica il palazzetto dello sport , dove abbiamo celebrato il Natale e l’Epifania e dove probabilmente senza il VOSTRO AIUTO, celebreremo anche la Pasqua e le future comunioni e cresime.
L’edificio è stato dichiarato inagibile dai tecnici della Protezione Civile in seguito alla terribile scossa del 30 Ottobre, e da quel giorno che ci siamo mossi per trovare una soluzione per renderlo di nuovo funzionante e al servizio della comunità intera. Sono stati contattati tutti gli esperti necessari per decidere gli interventi da fare ma il nodo da sciogliere resta sempre lo stesso: i fondi per la ristrutturazione non si trovano. Abbiamo iniziato una raccolta fondi nel paese ma , come dicevo prima, la crisi ha tolto molto alla nostra gente e la cifra necessaria è inarrivabile da soli.
Preghiamo ogni giorno la divina provvidenza perché ci indichi la strada da percorrere per trovare i soldi necessari alla ristrutturazione e da oggi preghiamo anche voi . Aiutateci, a ritrovare, se non altro, un luogo sicuro dove poter pregare e dare degna sepoltura ai propri morti.
Come saranno spesi i soldi: le opere consistono in un progressivo distacco dell’intonaco pericolante con la successiva messa in sicurezza della muratura sottostante ove necessario e ripristino dello stesso con tinteggiatura. Andranno poi anche installate delle “chiavi tiranti” per tutti gli archi che costituiscono le 3 navate della chiesa per evitare che gli stessi cedano sotto il loro peso in seguito ad eventi sismici.
Siamo un popolo orgoglioso e non c’è cosa più difficile che mostrarsi deboli ed impotenti quando si è in difficoltà , ma oggi più che mai abbiamo bisogno di un aiuto concreto per riportare alla normalità una parte della nostra vita.
GRAZIE ANCORA

LINK PER LE DONAZIONI

Annunci

Ricordi di guerra nel fermano,il racconto di Armando Campofiloni


ricordi di guerra.jpg

Intro: i nostri territori sono intrisi di storia troppo spesso dimenticata nei meandri degli archivi impolverati.Guerre,lotte per la libertà,il senso di orgoglio e amor patria erano benzina che incendiavano lo spirito della battaglia.Quanti morti ci furono?Tanti,i civili e militari italiani rimasti uccisi furono 472.354 .Era necessario?Forse.Vanno ricordati?Sicuramente.Dalla storia si dovrebbe imparare a non commettere gli stessi errori. Abbiamo imparato veramente?A sentir dall’aria l’odio sta tornando.E’ forse questa la natura dell’uomo?Comunque sia, la conoscenza di ciò che è stato va sempre tenuta a galla per tenere a bagno la coscienza dello spirito.

Armando Campofiloni racconta che i suoi fratelli e i suoi familiari erano dediti alla vita di mare e la pesca era l’occupazione principale della loro vita, il mare e le barche erano al centro dei loro interessi. Proprio loro trasmisero ad Armando la passione per quella vita marina e la capacità di dominare la forza del mare anche quando era in burrasca. Un giorno il maggiore Grenn gli fece una richiesta che lui accettò, ovvero concesse una delle sue barche agli alleati inglesi per un operazione di salvataggio di ex prigionieri di guerra, e questo fu notato e apprezzato da Bruno Leoni che divenne suo amico.

Il sergente maggiore inglese Alan Grenn era proprio uno dei diretti responsabili di questa operazione di salvataggio e gli era già stata concessa una delle barche da pesca quando nei primi giorni dell’aprile del 1944 con alcuni ex prigionieri volle imbarcarsi proprio a Marina Palmense per raggiungere le zone del sud, liberate dagli alleati attraverso la linea di Ortona-Cassino-Anzio. Dato il successo di quella operazione, alla richiesta fattagli dal generale di una seconda barca seguì la sua disponibilità ad aiutarlo. Appena Armando gli diede la disponibilità e acconsentì alla cessione della sua barca, egli tirò un gran sospiro di sollievo e fu molto felice poiché sotto la sua responsabilità vi era la necessità di liberare un altro gruppo di ex prigionieri alleati, tra cui generali, ufficiali e un console americano fuggito dopo l’8 settembre del 1943 dal campo di prigionieri del castello di Vincigliata, presso Firenze, per l’aiuto loro offerto da uno dei primi nuclei partigiani costituitosi nella zona, che li accompagnò all’Eremo di Camaldoli in Romagna. Gli ex prigionieri si rifugiarono poi per merito del buon senso e dell’accorgimento di un frate dell’Eremo ,in Valle Rocciosa, un luogo selvaggio ,nascosto nell’Appennino romagnolo.Questa valle era isolata dal resto del mondo ed era chiamata “Rio degli Oracoli” per tradizione leggendaria. Gli ufficiali inglesi rimasero quasi un anno nella valle di “Rio degli Oracoli”, dopo di che dividendosi in gruppi iniziarono le peregrinazioni in terra marchigiana, che li portò verso la strada della salvezza. Diceva Armando: ” Per me era importante aiutare gli uomini in difficoltà ”.Il maggiore Grenn telegrafò ai suoi compagni rimasti nel fermano (zona ancora occupata dai tedeschi) per informarli dell’esistenza di gente generosa e impavida disposta ad offrire il loro aiuto.

Un giorno arrivò un agente dei servizi segreti inglesi e Armando pensando che fosse una spia tedesca negò con forza l’operato già effettuato per iniziativa dal serg. Maggiore Grenn nei primi di aprile e gli rifiutò la sua disponibilità. Dopo qualche perplessità però, fortunatamente Armando capì che si trattava di un agente dell’ intelligence dell’A. Forces. Faceva veramente parte del servizio segreto inglese e gli confermò che si sarebbero dovuti fare altri imbarchi molto più importanti del primo poiché vi erano generali di elevata importanza. Uno di quei gruppi era proprio guidato da Bruno Leoni e prima che giungesse il suo gruppo ne arrivò un altro guidato dall’ ingegner Cagnazzo, il quale voleva impedire che venisse preparato anche il gruppo di Leoni per l’imbarco verso le zone liberate del sud, poiché sarebbe giunta in breve, un’eccessiva moltitudine di prigionieri che avrebbero attirato l’attenzione dei tedeschi. Infatti i tedeschi avrebbero scoperto molto facilmente il covo marchigiano degli ex prigionieri, poichè la nostra zona del fermano era poco protetta da rifugi e per niente nascosta da occhi indiscreti. Il covo era troppo vicino alla località di sbarco e in prossimità della strada nazionale, costituendo un pericolo serio per tutti, in quanto era la via principale di comunicazione con il fronte tedesco di Ortona. Si trovava in prossimità del paese di Torre di Palme dove gran parte della popolazione apparteneva alla Repubblica di Salò, perciò l’azione dei fascisti poteva rendere la zona molto pericolosa per l’intera spedizione. L’ingegner Cagnazzo che prima era titubante sull’ operazione dell’ufficiale di collegamento Leoni in seguito ci ripensò capendo che fosse stato più opportuno farlo ugualmente. I due gruppi: quello dell’ingegner Cagnazzo e quello di Leoni erano giunti insieme dalla Romagna ,per poi essere divisi in due per strategia una volta arrivati in terra marchigiana.

Armando cercò di imporsi dicendo che l’operazione doveva essere fatta contemporaneamente nella stessa notte ma in zone differenti. Infatti una volta fatta la prima spedizione la zona sarebbe divenuta di grande pericolo poiché sia la gente vicino che i tedeschi, il cui comando era nelle vicinanze, ne sarebbero venuti a conoscenza. Leo, Armando e i suoi fratelli decisero così gli accordi per organizzare la partenza, decidendo di trasferire tutto il gruppo di prigionieri con 5 generali da salvare in una zona a sud di Torre di Palme .Infatti questa località marina fiancheggiata da irti scogli era il luogo perfetto per nascondere la barca, ma come le altre era una zona pericolosa e impervia. La data di partenza delle due spedizioni non fu decisa immediatamente per due motivi, la prima era che si dovevano sistemare le barche lasciate abbandonate in cattive condizioni, la seconda era che in atto vi era una tempesta. Tuttavia bisognava prendere una decisione in merito ,con prontezza e risolutezza rischiando di affrontare i pericoli del mare in burrasca poiché il timore di essere in preda dei tedeschi era più forte di quello di annegare. L’incitazione alla partenza fu data dal maggiore Arturo Strinati, comandante dell’87° settore adriatico che insieme all’ingegner Cagnazzo si era precedentemente adoperato ad effettuare altri imbarchi con navi da guerra alleate ma con risultati insoddisfacenti.

Il maggior Strinati avvertì tutti di un probabile e imminente rastrellamento nella zona da parte dei tedeschi, perciò la data di partenza fu fissata la partenza il 09/05/1944. La mareggiata non era terminata ma Armando impulsivo, pieno di coraggio, vigore e baldanza giovanile si sentì pronto ad affrontare una situazione particolarmente delicata. Così prese il timone e trasportò l’equipaggio a largo ma la notte fu difficile e tormentata. La violenza delle onde si abbatteva sulla barca che sul fondo presentava delle grandi fessure che facevano imbarcare acqua. Gli inglesi presi dal panico iniziarono a protestare sempre maggiormente e Armando capì che il ritorno sulla spiaggia sarebbe stata la loro fine e quindi alla lotta contro la furia delle onde si aggiunse anche la lotta contro l’unanime intenzione dell’equipaggio di tornare a riva. Leoni riportò la calma tra l’equipaggio e fiducioso di Armando il viaggio proseguì. Le prime luci dell’alba gli diedero ragione, l’acqua cessò di entrare nella barca e la tempesta cessò. La speranza di salvezza cominciava a invadere l’equipaggio come i raggi del sole folgoranti all’ orizzonte. Sorridenti e felici per il pericolo scampato , la mattina seguente, mentre Bruno e Armando ricordavano la notte come la più travagliata ,avventurosa e emozionante della loro vita, in lontananza si videro una squadriglia di aerei alleati avvicinarsi a loro. A quel punto il viaggio proseguì con tranquillità e allegria, offuscato soltanto da un rimbombo sordo di alcuni colpi di cannone sentiti giungere all’ altezza del fronte tedesco di Ortona.

Prima del tramonto videro i pennoni delle barche da pesca della gente di quelle zone. Quella scena fu un segno evidente che la vita di quei luoghi stava riprendendo serena senza alcuna ombra di incursioni nemiche, ma sicuramente non lo era ancora per il loro equipaggio terrorizzato dall’ idea di imbattersi in imbarcazioni tedesche. Perciò si avvicinarono a quelle barche con trepidazione e i proprietari informarono che erano finalmente in territorio occupato dagli angloamericani. Ecco allora che l’imbarcazione tirò a riva velocemente e con entusiasmo sulla costa di S.Vito Chietino in Abruzzo. Una volta sbarcati trovarono l’accoglienza del comando alleato precedentemente informato dai piloti di aerei che erano stati avvistati la stessa mattina. Vi furono fragranti saluti, accoglienze calorose e dopo una cena di commiato ognuno riprese i propri impegni.

L’indomani giunsero le imbarcazioni degli ex prigionieri guidati da Cagnazzo, intanto Bruno si recò a Bari per informare il comando superiore dell’A.Forces dell’esistenza di altri gruppi lasciati nella zona del fermano e per prendere gli accordi circa l’organizzazione di una nuova grande spedizione di salvataggio. Si preparò così il piano in modo articolato ed efficace grazie alla presa di coscienza dell’impegno serio di Bruno che portò nella notte tra il 24-25/05/1944 alla liberazione del grosso gruppo di ex prigionieri alleati, di partigiani e dell’87° settore Adriatico, circa 130 uomini in tutto. Gli alleati misero a disposizione di Bruno una flottiglia di motosiluranti nella quale si imbarcarono a Termoli: Bruno, altri ufficiali muniti di radiotrasmittenti ed Armando raggiunsero le spiagge fermane il 18/05/1944.

Una volta arrivati fu preparata la spedizione avendo come base la villa Salvatori, che era stato il punto di riferimento per arrivi e partenze, di agenti del servizio segreto alleato. In quella villa i conti Salvatori, antifascisti convinti ospitarono prima della partenza del 24/05/1944 parte degli ex prigionieri e partigiani. Fu allestita così la partenza di una nave che secondo accordi presi in precedenza, tramite una radiotrasmittente, sarebbe giunta da Bari in prossimità della foce del fiume Tenna.

Questa volta tutto rischiò di andare a monte a causa di un errore di identificazione da parte del comandante della nave, del punto di ritrovo in cui tutti aspettavano. Pensava infatti che il punto esatto era la foce del fiume Chienti, prestò attenzione alle prime segnalazioni di Bruno ma poi fece per proseguire la nave verso Nord. Le segnalazioni alla nave inglese continuarono con insistenza, e il comandante della nave pensando che tutta quella gente sulla riva fosse tedesca fece tornare la nave a largo dirigendola verso nord. Solo dopo insistenti segnalazioni da parte di Bruno la nave giunse a riva e il 09/05/1944 fu di nuovo una grande emozione. Il 25/05/1944 giunsero al porto di Termoli. In quest’occasione l’operazione di salvataggio effettuata da Bruno fu veramente grande, e poté assaporare la soddisfazione di ritrovare il caro amico Peter Tumiati che poté partecipare al grande imbarco dopo una malattia da cui era stato gravemente colpito.

Bruno Leoni ricordava che nelle imprese di liberazione amava ripetere ad Armando l’importanza della salvezza di quelle persone non solo per l’episodio umanitario in se per se ma anche perché il governo italiano, avendo ottenuto dai tedeschi un armistizio incondizionato, avrebbe potuto avere dal governo alleato inglese un riconoscimento e un giovamento particolare. Sarebbe rimasta nella storia della resistenza italiana. Gli scopi principali degli italiani erano secondo Armando conquistare la Libertà e aiutare i prigionieri del governo alleato dando ad esse un contributo di solidarietà umana.

Il tutto è stato riportato anche nel testo N.I Special Force nella Resistenza Italiana -Vol. 1°-Ed.Clueb-Bologna 1990.

23-3-1991 NARDONI AURELIO

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Ci misi del tempo a capire che…


Ci misi del tempo per capire che:
Sant’Elpidio a mare non ha un mare,che Porto Sant’Elpidio non ha un porto,che a Monte Vidon Combatte non si fanno le guerre,che Carassai non è poi assai cara,che Fermo non è una città statica,che Comunanza non racchiude tutti i comuni in allegria,che Sassotetto non è un enorme masso con una copertura sopra,che Civitanova non è fonte di civiltà nuova,che Pedaso si trova ai piedi dell’Aso,che Massafermana non è una città di ultras sfegatati della fermana,che a Rapagnano le rape non la vedono da padrona,che a Francavilla la villa di Franca non esista,che alla Corva non abbiano girato”il corvo”,che a Servigliano non vi servono l’ano,che a Petritoli Petriolo non ci sono giacimenti di petrolio,che Marina Palmense non trabocca di palme,che a Grottammare non si vedono grotte bagnate dal mare,che a Monte Vidon Corrado ne Corrado ne la corrida siano mai apparsi…ci misi del tempo ma alla fine capii di essere circondato da posti incantevoli nascosti nelle nostre colline marchigiane che racchiudono in sé misteri,arti,tradizioni e profumi troppo preziosi per poter essere lasciati morire a se stessi in nome della globalizzazione…

Copyright © 2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com .All rights reserved. 

I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.