N-€uro Speaker’s Corner – Official Trailer


N-€uro Speaker’s Corner è la nuova creazione diretta ed interpretata da Paolo Rocchi. I video mostrano come le aspettative spesso si scontrano con la realtà del mondo che ci circonda. Si può ancora credere nei propri sogni? Quanto costa raggiungerli? Paolo con i suoi multi personaggi racconta con ironia esperienze di vita vissute nel territorio fermano con un’ottica tutta da ridere.

Sono più importanti i “Sogni” o i “Soldi”? Di certo qualche buontempone avrà pensato: Io sogno per vince li “Sordi”…..ecco, per chi ha questa utopia che lo rende “Sordo”, noi abbiamo una valida alternativa.

cit. Paolo Rocchi

Clicca qui per seguire l’edizione in Google News.

Copyright©2018 Seremailragno.com by Michele Paoletti – michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.

È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

 
Annunci

Una vita in campagna – Lo stato asociale


Due impiegati di città (interpretati da Stefano e Michele Paoletti) presi dallo stress e dall’affanno decidono di lasciare tutto e trasferirsi in campagna. Tentano di coinvolgere anche il collega (interpretato da Andrea Bartolini) che inizialmente desiste ma poi si lascia convincere e anche lui si converte. Un ritorno al passato, accentuato nella parte finale dalla riduzione dei colori fino al bianco & nero. Riassaporare gli odori, i sapori e i colori della terra troppo spesso violentata dal business cinico e incontrollato dell’essere umano [video Prodotto dalla Pa.St. Entertainment].

Video ufficiale su Youtube

>>>>>>>Testo <<<<<<
>>>>>>>Video Backstage<<<<<<
 >>>>>>>Altre info <<<<<<

Video virale su Facebook

Clicca qui per seguire l’edizione in Google News Google News

Copyright©2018 Seremailragno.com by Michele Paoletti – michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.

È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Una leggenda metropolitana – “Io a li tempi tua…”


Quando ti si avvicina un anziano ed inizia la frase “Io a li tempi tua…” , sai già di aver firmato la tua condanna a morte fatta di almeno 20 minuti di racconti in cui si enfatizza la virilità maschile di un’epoca oramai conclusa e per la quale non si hanno testimonianze a riguardo. Di “Io a li tempi tua…” ne ho sentiti veramente tanti e ho capito col tempo che si tratta di una vera e propria leggenda metropolitana secondo la quale un vecchio ha la necessità di rivivere i ricordi spesso annebbiati e mutilati, enfatizzati ed esaltati da quell’invecchiata realtà passata che si vuole riproporre in versione restaurata 2.0 con hype annesso. Un remake dal sapore di rivincita?

Se incontri il vecchio con la fiatella e dalla voce rauca distorta dalle innumerevoli Marlboro rosse, preparati ad ascoltare le leggende più assurde. Il racconto del nostalgico solitamente ha tre unici argomenti:

  • la giovinezza
  • la fatiga
  • la figa

Il saggio ha sempre un rimprovero o un monito ed innumerevoli cenni alla figa: “Come ve ne va de corre? Io l’unica corsa che me farrio è dietro la f..a”. Insomma, l’ostentazione della virilità è un pallino fisso dell’old man vissuto nel periodo patriarcale dove non ha fortunatamente conosciuto i social network ma ha la testa piena di post caratterizzati dai ricordi di “pugnette” mal digerite. Se il discorso inizia con “Io a li tempi tua…” sarà quasi sicuramente una fake news arzigogolata dall’inconscio di colui che ama rivivere, del nostalgico vissuto, del malinconico amareggiato.

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore

La Pa.St. Entertainment sta tornando con una nuova parodia


Sta per uscire la parodia dell’anno della Pa.St. Entertainment (il titolo sarà una sorpresa). Dopo il successo inaspettato di Domanno del 2015, Ha chiamato Vincè del 2016 ed È Sparitu del 2017, un nuovo tormentone in dialetto marchigiano sta per arrivare sulle piattaforme social pronto per la primavera/estate 2018. Seguite la Pagina Facebook e il Canale Youtube della Pa.St. Entertainment per rimanere sempre aggiornati…

Pa.St. Entertainment Live

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Quello che i monturanesi non dicono-I fratelli Mannoio


Sci munturanese se, te lamenti notte e ghiornu

su Facebook stai sempre a commentà….

Lu murales me fa schifo e le piante jò la scola

quelle no, no le duvia tajà….

Li cazolà non ci stà più, ormà tutti li capannù

se dopra solo pe li carri che va a sfilà a lu carnevà

l’Arlecchino che stà a fa? Non ce se po’ più boccà,

senza Assoshow e senza Corrida

ce dovemo da rrangià

pe facce du risate.

Semo cuscì’, semo jente mbò gnorante

ce ne dicemo tante

ma a la fine, ce volemo solo divertì,

le volemo rrivà tutte, iniziative e feste

magnà e beve

senza stà a fa casu a li quattrì.

Anastacia è stata qui e pure la d’Avena

lu cumune li sordi fino a qui.

Pe non facce mancà cò, semo jocato anche su la RAI

ma li mejo, se sa non vince mai.

C’avemo tante pizzerie, supermercati e birrerie

edicola sali e tabacchi e pure un campo de pallò

non ce facemo mancà co,

e se ce volemo rruinà

centri scommesse, gratta e vinci, lottu e superenalottu

da tutte le parti.

Semo cuscì, semo jente sempliciotta

mbò fiji de mignotta che penza solo

a come potesse divirtì

mentre se spetta la penziò

che è sempre più lontana soprattutto

se commanna ancora lu PD

Stemo sempre su li varre

a criticà la jente, lu paese

ma a la fine stemo tutti qui.

Ormà semo bbituati, semo fatto lu callu

non conviene a portà lu culu via da qui.

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.