Il pisciacane: la triste vita di un fiore ribelle


“Il pisciacane è un fiore che fa una vita triste. Cresce nelle crepe delle strade, non ha la terra buona e i cani gli pisciano in testa; eppure lui fiorisce e splende come un maledetto, perché questa è la risposta alla vita: fiorire nonostante tutto” [cit. Dio from Twitter]

Pisciacane

Il pisciacane è il nome comune di numerose piante, per lo più velenose o dannose, in particolare del dente di leone o soffione.

Etimologia: ← comp. di piscia (seconda persona dell’imperativo di pisciare) e cane, per le proprietà diuretiche di alcune di queste piante o per la credenza popolare che esse nascano dall’orina dei cani.

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

 

Aforisma del giorno: asociale


Copertina Facebook Aforisma Idee

Asocialità come meccanismo di auto-protezione.

Scaricala e impostala come copertina Facebook .

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

 

UNIVERSO-Francesco Guasti Video+Testo


Siamo fatti per avere sogni
più grandi delle nostre vite
per amare, sorridere in giorni
messi alla prova da nuove sfide.
Siamo fatti per essere folli
complicarci la vita ci piace
progettiamo partenze e ritorni
senza uscire dalla nostre case.
Siamo amanti dai cuori zingari
beviamo del vino invecchiato
con la speranza di essere liberi
sotto questo cielo stellato.
E con la musica canto speranze
il futuro è di chi se lo prende
oggi ho messo un bel paio di scarpe
e sono andato incontro al mio presente.
Sono stato da entrambe le parti
consapevole ed incosciente
la natura dell’uomo ha i suoi vizi
e con gli errori si crescerà sempre.
In questo universo
arriverò presto
il mondo comincia adesso
adesso.
In questo universo
puoi perdere il senso
ma tutto riparte lo stesso
lo stesso.
Possiamo perderci nell’universo
senza più limiti ma quel che hai dentro
sputi sentenze affilate come lame
che tagliano soltanto chi si sporca per difendersi.
Possiamo esistere
senza ricordo
ma siamo anime
che vanno a fondo.
E fino a quando
non schiacciano le suole
guardiamo chi è caduto
attorno a noi.
In questo universo
arriverò presto
il mondo comincia adesso
adesso.
In questo universo
puoi perdere il senso
ma tutto riparte lo stesso
lo stesso.
Siamo fatti per avere sogni,
siamo fatti per essere folli,
siamo fatti per restare folli,
siamo questo universo.

I grandi comunicatori della storia:Benito Mussolini


L’arte oratoria di Mussolini era un talento insuperabile,come lo era la sua cultura,la padronanza dell’inglese e del tedesco,sapeva farsi amare dalle folle,sicuramente uno dei più grandi comunicatori della storia italiana.Fu un dittatore,un totalitarista,usò mezzi illegittimi per fare propaganda,ma riuscì a guadagnarsi la fiducia grazie alla comunicazione verbale e non verbale.

Ecco alcuni pezzi dei suoi discorsi:

E’ sulle rive del Mediterraneo,che sono nate:le grande religioni,le grandi filosofie,le grandi poesie e un impero;un impero,che ha lasciato tracce incancellabili nella storia di tutti i popoli civili  
(Benito Mussolini)

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.