fbpx

Shadow ban: il divieto ombra che ti silenzia in silenzio

Shadow ban: il divieto ombra che ti silenzia in silenzio

Se hai notato che il tuo coinvolgimento diminuisce all’improvviso ei tuoi follower stanno cadendo come mosche, mi dispiace dirtelo ma forse sei diventato una vittima del temuto shadow ban (divieto ombra) dei social media. Lo shadow ban è presente sulle grandi piattaforme di social media tra cui LinkedIn, Twitter, Facebook e Instagram. E se è successo a te, lo saprai. Lo vedrai e lo sentirai nel contenuto che stai pubblicando. Quindi sei stato bandito? O ti senti come se potessi essere una vittima? Lascia che ti spieghi cos’è, a chi succede e perché. È un fenomeno enorme al momento e molte persone che conosco e con cui sto parlando sono state colpite dal “divieto ombra” su una piattaforma o sull’altra. Ecco cosa  ha da dire Wikipedia  a riguardo : Il divieto di ombra (chiamato anche divieto di furtività, divieto di fantasmi o ghosting dei commenti) è l’atto di bloccare un utente o il suo contenuto da una comunità online in modo tale che l’utente non si accorga di essere stato bandito. Ora sappiamo tutti quanto siano importanti i social media per le nostre attività al giorno d’oggi. Quindi un divieto ombra potrebbe essere dannoso per il tuo profilo e la tua presenza online, per non parlare della connessione, del coinvolgimento e delle possibili vendite che potremmo perdere. La cosa brutta del divieto ombra è che potresti anche non sapere che ti è successo e potresti persino credere di essere stato un buon poster sui social media, rispettando tutte le regole e semplicemente cercando di far crescere il tuo seguito. Ecco perché si chiama “divieto ombra” perché è fatto in segreto. Ok, parliamo di cos’è esattamente un divieto ombra.

Cos’è un divieto ombra sui social media?

Il divieto ombra è un modo in cui la piattaforma di social media impedisce lo spam, il che va benissimo. Viene utilizzato per fermare gli spammer, mantenere puliti i feed e soddisfare i loro clienti. Le diverse piattaforme avranno diversi ideali ed elementi di ciò che è incluso come parte di un divieto ombra, ma generalmente è un approccio più morbido per darti un avvertimento che non stai giocando secondo le loro regole, piuttosto che bandirti completamente. Facebook è stato aperto con i loro divieti in passato se sei stato spam inviando messaggi a troppe persone o ti piacevano troppi account troppo velocemente. Purtroppo, probabilmente non saprai di essere stato bandito dall’ombra, soprattutto se non sai cosa sia e lo stai ricercando solo per la prima volta ora. Continuerai a occuparti della tua attività ed a pubblicare post fino a quando noterai che la tua portata è diminuita, anche i tuoi mi piace, i commenti e le condivisioni sono diminuiti e non stai ottenendo nuovi follower. Al quel punto penserai “che diamine sta succedendo Qui?!”. Per lo più scoprirai che il divieto ombra è temporaneo e non per molto tempo, ma alcuni siti di social media come Reddit ti bandiranno definitivamente. Fondamentalmente, in poche parole, diventerai invisibile a nuovi potenziali clienti e follower, specialmente nei feed hashtag. Sarai comunque visto dai tuoi attuali follower, motivo per cui otterrai ancora un certo coinvolgimento.
La cosa interessante è che le donne a tette e culo di fuori non violano le regole della community ma se provi a dire la tua a modi tuoi su un argomento importante ti bannano perché violi le regole della community. Belli i social no? Questa censura subdola cala su coloro che toccano temi scottanti e controcorrente rispetto al dictact. Questo è il motivo per cui bisognerebbe avere un blog: evitare la censura silenziosa, ancora peggiore di quella dichiarata.

A chi succede?

Chiunque! È importante notare qui che non è un tentativo deliberato da parte della piattaforma di social media di impedire che i tuoi post vengano visti e trovati, non è personale. È un progetto su cui stanno tutti lavorando per assicurarsi di fornire la migliore esperienza ai propri utenti e alle persone che guardano i tuoi contenuti.

Ti stai chiedendo se è successo a te?

Controlla i tuoi livelli di coinvolgimento, se sono bassi e non hai ricevuto tanti mi piace, commenti, condivisioni e nuovi follower, ci sono buone probabilità che sia successo.

Come scoprire lo shadow ban?

C’è un test molto semplice che puoi fare per scoprire se sei stato “bannato dall’ombra”. Chiedi ad alcune persone che non ti seguono di vedere se riescono a trovare il tuo account e se possono vedere il tuo post nel feed hashtag. Ovvero fargli digitare un hashtag univoco che hai utilizzato nella tua pagina per vedere se appari. Se non appari vuol dire che sei vittima di shadow ban.

Come assicurarti che non ti succeda?

Come assicurarti che i tuoi contenuti non vengano "bannati dall'ombra" sui social media (3)

Se stai facendo tutte le cose giuste, un divieto ombra non ti influenzerà e non deve significare la fine del tuo profilo e della tua presenza online. Se sei stato bandito dall’ombra, ora sai cosa non fare! La regola numero uno è condividere sempre buoni contenuti in modo responsabile. Un’altra area a cui la maggior parte delle persone non guarda sono i termini e le condizioni delle piattaforme di social media. Sarebbe una buona idea passare gli occhi su questi per vedere cosa ti è permesso fare. Diamo un’occhiata alle cose che puoi fare sui social media per evitare di essere bannato dall’ombra. Prima di tutto, gioca secondo le regole.

  • Condividi contenuti di qualità: regola numero uno. Condividi sempre contenuti sorprendenti! Prepara un piano in modo da sapere sempre quali sono i tuoi prossimi passi e quali contenuti devi produrre.
  • Non usare sempre gli stessi hashtag: molte persone non lo sanno ma devi mescolare i tuoi hashtag. Puoi usare gli stessi hashtag se ne hai di specifici, ma non tagliare e incollare gli stessi in ogni post, usane diversi in modo che le persone e le piattaforme dei social media sappiano che sei legittimo.
  • Non utilizzare hashtag vietati: come fai a sapere cosa sono gli hashtag vietati? Cosa abbastanza volgare e inappropriata. Sono abbastanza sicuro che non li utilizzerai comunque, ma una rapida ricerca su Google ti aiuterà a capire cosa sono.
  • Non comprare follower – nessuna spiegazione necessaria.
  • Condividi solo contenuti di valore: sii reale e condividi le informazioni che le persone vogliono sentire da te. Il contenuto che li aiuta e che trovano utili è quello che devi ricordare quando si tratta di condividere solo parole e messaggi di valore.
  • Evita di essere spam: non usare bot o dispositivi automatici di follow-defollow

Copyright©2021 Seremailragno.com by Michele Paoletti – michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: