fbpx

La Trans Adriatic Pipeline (TAP) è quasi pronta – Il gas azero arriverà in Europa

Mentre se a Chiara Ferragni si rompe la barca fanno 800 articoli, molti pochi sono quelli che riguardano la TAP, il tratto San Marco-Recanati, e così via. Quando ci sono miliardi pubblici in gioco pochi osano parlare finché non scoppia qualche scandalo, o scoppia qualche conduttura. Ma a che punto stiamo?

La Trans Adriatic Pipeline (TAP), che prevede il trasporto del gas azero in Europa, è quasi pronta. “TAP sta attualmente avanzando nella fase di costruzione del progetto. Ogni giorno centinaia di metri di diritto di passaggio (ROW) di TAP vengono sgombrati, infilati, saldati, calati nelle trincee e riempiti, in linea con le fasi e il programma di costruzione del progetto. Alla fine di luglio 2020, il progetto TAP era stato completato al 97% ‘, ha affermato TAP AG. Il progetto TAP, del valore di 4,5 miliardi di euro, è uno dei progetti energetici prioritari per l’Unione Europea (UE). Il progetto prevede il trasporto di gas dallo Shah Deniz Stage 2 dell’Azerbaigian ai paesi dell’UE. Collegandosi con il Trans Anatolian Pipeline (TANAP) al confine greco-turco, TAP attraverserà la Grecia settentrionale, l’Albania e il mare Adriatico prima di approdare nel Sud Italia per connettersi alla rete italiana del gas naturale. Il progetto è attualmente nella sua fase di costruzione, iniziata nel 2016. Una volta costruito, TAP offrirà un percorso di trasporto diretto ed economico aprendo il vitale corridoio meridionale del gas, una catena del valore del gas lunga 3.500 km che si estende dal Mar Caspio all’Europa. Gli azionisti di TAP includono BP (20%), SOCAR (20%), Snam S.p.A. (20%), Fluxys (19%), Enagás (16%) e Axpo (5%).

Google News

Segui GRATIS l'Edizione in Google News (clicca sull'immagine). Lascia aperta questa pagina, entro 5 secondi si sbloccherà in automatico il pulsante per chiudere il pop-up.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: