fbpx

Il Coronavirus e gli sciacalli dell’Amuchina

Il Coronavirus e gli sciacalli dell’Amuchina

Oramai possiamo dire che questa epoca è stata segnata da un virus eclatante di nome COVID-19. Sebbene tutti ne stiano parlando malamente in maniera molto confusionaria poco ci è dato sapere. Il miglior modo per conoscere in questi casi è il metodo scientifico sperimentale ma beccarsi il virus per poter descrivere sintomi, evoluzione e conseguenze non mi sembra una buona idea. Lasciamo quindi da parte la viralità per concentrarci su un aspetto importante: gli sciacalli.

L’istinto, il rancore, la rabbia e l’odio insorgono immotivatamente quando il prezzo dell’ Amuchina Gel lievita fino a raggiungere cifre esorbitanti. Ma la logica supporta l’istinto di pancia? È giusto essere rancorosi nei confronti di coloro che vengono definiti “sciacalli“? La notevole diffusione dello sciacallo, unita alla sua abitudine di cibarsi di animali morti, ha fatto di questo animale una presenza importante nella cultura e nell’iconografia. Gli Egizi identificavano con uno sciacallo il dio Anubi, signore della morte e dell’oltretomba. Nel linguaggio comune, il termine “sciacallo” viene spesso usato in senso denigratorio per riferirsi a persone, soprattutto per indicare chi trae in qualche modo giovamento dalle difficoltà altrui. Deriva da quest’uso anche la parola sciacallaggio, che si riferisce a chi depreda la proprietà altrui in occasione di catastrofi o altri eventi eccezionali.

Se si ritiene giusto associare la parola sciacallo a colui o coloro che aumentano il prezzo dell’Amuchina allora bisogna rivedere tutte le definizioni e regole del libero mercato. Se il mercato è libero e in borsa gli speculatori finanziari sono ogni giorno spietati perché non vengono considerati sciacalli? Eppure si approfittano di situazioni politiche, economiche, sociali. Lo sciacallo è quello che ha una boccetta di Amuchina a casa e la vuole rivendere maggiorata del 200% o sono gli amministratori delegati di Banca delle Marche, Banca Etruria, Banca Popolare di Bari che hanno manipolato informazioni provocando fallimenti milionari ai danni dei risparmiatori e sono stati premiati con buone uscite lodevoli. Chi sono gli sciacalli? Lo “sciacallo dell’Amuchina” non obbliga l’acquisto a nessuno, propone un prodotto x ad un prezzo y maggiorato a causa dell’aumento colossale della domanda da A a B. La maggiorazione è quindi giustificata dal libero mercato, dalla mano invisibile di Smith. Se si è disposti ad accettare la globalizzazione ed il libero mercato allora si deve necessariamente accettare che ci sia lo “sciacallo dell’Amuchina” perché sta agendo con le regole del libero mercato!!!


Send in a voice message: https://anchor.fm/michelepaoletti/message

Lascia un commento