Ponti & viadotti crollati in Italia, nonché le criticità principali


Sono stati mappati in 3 liste da parte del sito partecipazionesemplice.com, tutti i ponti e viadotti crollati negli ultimi 15 anni, tutte le casistiche di criticità e gravità ed infine quelle situazioni chiuse o limitate alla circolazione. La situazione delle infrastrutture italiane sembra abbastanza chiara: urge un piano straordinario di manutenzione e controllo delle criticità.

 

Annunci

Come importare un file GPX in Google Maps


Premessa

Essendo l’articolo un tutorial a cui ho dedicato diverso tempo vi chiedo possibilmente di lasciare 5 stelle in alto a sinistra, grazie in anticipo :).

Google Maps e i file GPX

Hai mai pensato di rivedere i percorsi delle tue escursioni o uscite in generale, in maniera dettagliata sfruttando uno dei più potenti strumenti nel web offerto da Google ovvero Google Maps? L’integrazione dei nostri percorsi in G.M., permette infatti di sfruttare tutte le potenzialità messe a disposizione dal satellite, nonché di accedere in maniera semplice, veloce e dettagliata, a tutti i nostri file caricati. È utile sopratutto quando ci diamo all’avventura in posti semi-sconosciuti di cui vogliamo rivedere con maggiore dettaglio i dintorni del percorso, una volta terminata l’uscita (magari per prendere dei riferimenti e ricordare il tragitto). I file GPX (la cui sigla significa GPS eXchange e che possono essere esportati ad esempio da Garmin Connect come abbiamo visto nelle volte precedenti) rappresentano uno standard di memorizzazione delle informazioni (punti di un percorso, dei quali conosciamo le coordinate di latitudine, longitudine ed elevazione) relative a itinerari e sono fortunatamente compatibili con Google Maps.

Perché importare un file GPX in Google Maps

Per rendere i percorsi condivisibili a tutti quanti vogliano intraprendere lo stesso percorso (o solamente ai propri amici mantenendo il link riservato, visto che viene salvato in Google Drive). Essendo Google Maps diffuso a livello mondiale, puoi mettere a disposizione utili informazioni alla portata di tutti.

Google Maps e Google My Maps: che differenza c’è?

Per creare e modificare le tue mappe personalizzate da condividere online, utilizzerai Google My Maps mentre per visualizzare le mappe di My Maps utilizzerai Google Maps. In sostanza il 1° è un editor mentre il 2° un “visualizzatore” dei dati.

Come importare il file GPX

Una volta salvato nel proprio hard disk il file GPX (esportato da Garmin Connect o altra piattaforma) andiamo nel menù di Google Maps accedendo alla sezione “i tuoi luoghi”:

I tuoi luoghi Maps

poi clicchiamo su “MAPPE” e “CREA MAPPA”:

Crea Mappa Maps

e si aprirà la seguente finestra:

Importa percorso Google Maps

dove andremo ad importare il nostro file di estensione .GPX cliccando su “importa”. Fatto questo avremo ottenuto il nostro risultato e vedrete il vostro percorso, ad esempio:

Pista da running Molini di Tenna

A questo punto una volta aggiunto il titolo, scelta la tipologia di mappa base, possiamo condividere il nostro percorso (tramite link oppure tramite incorporamento del codice sul proprio sito web) con chi vogliamo cliccando su condividi. La mappa verrà salvata in Google Drive.

Per un accesso rapido ai tuoi percorsi ed entrare in Google My Maps puoi cliccare qui. Otterrai la seguente schermata dove sono salvate tutte le tue mappe private e pubbliche (nella sezione di proprietà) ma anche quelle di altri che hai aggiunto ai preferiti (nella sezione non di proprietà):

Google My Maps

Vediamo un esempio di mappa caricata ed elaborata:

Puoi seguire la pagina Garmin Sportwatch Italia per rimanere sempre aggiornato sulle mappe ed sui moderni sistemi di tracking indossabili.

Clicca qui per seguire l’edizione in Google News Google News Icon

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.