La seconda guerra mondiale raccontata da Scuola Zoo [parte 2]


Se non hai visto parte 1 clicca qui.

Annunci

Bilancio della Seconda Guerra Mondiale in numeri


  • 40.000 tonnellate di bombe colpirono la città di Berlino tra fine Aprile e inizio Maggio del 1945
  • 6.500 tonnellate di bombe furono sganciate su Dresda dagli alleati nel febbraio del 1945
  • 500.000 case distrutte nella sola Francia tra il 1944 e il 1945
  • -63.3% di calo nella produzione agricola
  • 87.000 donne stuprate nella sola Vienna,le 3 settimane successive all’ingresso dell’Armata Rossa (stima per difetto)
  • 860 le calorie giornaliere per i cittadini di Berlino nel Giugno del 1945
  • 300.000 orfani nella sola Iugoslavia,49.000 in Cecoslovacchia,60.000 in Olanda, 200.000 in Polonia
  • 66% di neonati morti alla nascita a Berlino nel 1945 per dissenteria da inquinamento idrico
  • 400.000 perdite militari italiane
  • 6.000.000 di ebrei sterminati
  • 16.000.000 di perdite civili nell’URSS
  • 50.000.000 di perdite umane di cui il 60% civili

Bilancio della Seconda Guerra MondialeMorti nella Seconda Guerra Mondiale

FONTE: FOCUS STORIA

D-DAY: lo sbarco in Normandia


“D-DAY” – lo sbarco in Normandia seguito ora per ora. Era il 6 giugno del 1944 e alle 6:30 di una fredda mattina cominciava la più grande operazione aeronavale di tutti tempi: lo sbarco in Normandia. Per Erwin Rommel, a capo delle forze tedesche, sarebbe stato il giorno più lungo della sua vita. Per gli alleati era il D-Day, il cui successo avrebbe condotto alla liberazione della Francia e alla caduta del Terzo Reich. Ulisse ricostruirà il D-Day partendo dalla famosa spiaggia di Omaha Beach; con Alberto Angela, verranno percorsi i fatidici 300 metri di spiaggia dove la mattina del 6 giugno, caddero colpiti migliaia di soldati americani, esposti al fuoco nemico.

  • Regia:Gabriele Cipollitti
  • Conduttore:Alberto Angela

Ulisse D-Day.jpg

 

Il Pervitin: l’anfetamina per potenziare i soldati tedeschi


Adolf Hitler-La grande storia.jpg

La puntata dedicata al nazismo inizia con il consueto contributo di Paolo Mieli . Due documentari che raccontano momenti noti attraverso immagini a colori nuove e straordinarie, e momenti meno noti che sono stati messi in luce da recenti ricerche storiche. Si comincia con “Hitler nella morsa”: siamo negli ultimi mesi del 1944, gli americani sono sbarcati in Normandia e stanno lentamente liberando Francia e Paesi Bassi. Si continua con “Göring, la svastica e la droga”. Cacciate quel drogato! È il grido rabbioso di Hitler nei giorni della disfatta. Si riferisce niente di meno che al numero due del nazismo Hermann Göring, che ha osato disubbidire ai suoi ordini. Ai soldati tedeschi veniva somministrata anfetamina per migliorare le prestazioni,ridurre le ore di sonno e aumentare la concentrazione. Queste pasticche denominate Pervitin erano vendute anche in farmacia e veniva fatta loro una grande pubblicità.

Pervitin.jpg

Il 14 maggio 1940, dopo solo 4 giorni, le truppe dell’armata nazista conquistarono l’Olanda, fu determinante la loro capacità di combattere senza sosta, giorno e notte, senza dormire. La pillola dopante era stata sviluppata nel 1937 dal medico Fritz Hauschild, rimasto colpito dagli straordinari effetti delle benzedrine sugli atleti americani che avevano partecipato alle Olimpiadi di Berlino nel 1936. All’inizio della Seconda Guerra Mondiale veniva distribuita ai soldati dai medici militari.

Der-totale-rausch.jpg

“Der totale Rausch”, ovvero “La totale euforia” è il titolo del libro uscito in Germania ad opera dello scrittore Norman Ohler, che racconta come Adolf Hitler e i componenti della Wehrmacht, dagli alti ufficiali ai soldati semplici, fossero quasi perennemente sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, che li rendevano non solo euforici, ma anche in grado di mantenere ritmi elevatissimi e quindi resistere a marce e battaglie estenuanti. L’anfetamina è uno stimolante sintetico usato per:

  • sopprimere l’appetito;
  • controllare il peso;
  • trattamento di disturbi mentali e comportamentali;

È inoltre usata come stupefacente e per l’aumento di prestazioni fisiche (doping).L’anfetamina fu sintetizzata nel 1887. L’uso medico sperimentale delle anfetamine è cominciato negli anni 1920. È stato introdotto nella maggior parte del mondo sotto forma di Benzedrina verso la fine degli anni venti.
Simpamina era il nome commerciale di un prodotto farmaceutico adrenergico derivato dall’amfetamina, prodotto dalla ditta Recordati e venduto in farmacia senza ricetta sino al 1972.

LINK ALLA PUNTATA DI RAI STORIA

APPROFONDIMENTI: PSICHIATRIA E NAZISMO

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

I grandi comunicatori della storia:Benito Mussolini


L’arte oratoria di Mussolini era un talento insuperabile,come lo era la sua cultura,la padronanza dell’inglese e del tedesco,sapeva farsi amare dalle folle,sicuramente uno dei più grandi comunicatori della storia italiana.Fu un dittatore,un totalitarista,usò mezzi illegittimi per fare propaganda,ma riuscì a guadagnarsi la fiducia grazie alla comunicazione verbale e non verbale.

Ecco alcuni pezzi dei suoi discorsi:

E’ sulle rive del Mediterraneo,che sono nate:le grande religioni,le grandi filosofie,le grandi poesie e un impero;un impero,che ha lasciato tracce incancellabili nella storia di tutti i popoli civili  
(Benito Mussolini)

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.