Il post scandaloso di Mario Adinolfi 


Annunci

Studio quantitativo:meglio acquistare un cappuccino o un giornale?


mic.jpg

Capita,poche volte ma capita,di aprire un giornale cartaceo e sfogliarlo.Capita,ma ancora meno di poche volte,di acquistare un giornale per informarsi a grandi linee sulla situazione sociale/politica/economica locale.Al costo di un solo cappuccino si può avere tra le mani parecchia informazione (di qualità discutibile),un malloppo di diverse pagine che una volta erano talmente grandi da essere addirittura scomode da spaginare.Insomma parecchi alberi abbattuti e scannati per informarci della “situation”magari davanti a una tazza di caffè bollente.Non vogliamo focalizzare l’attenzione sulla qualità di informazione riportata perchè occorrerebbe un’analisi lunga,laboriosa,attenta ai minimi particolari e che risulterebbe abbastanza soggettiva(forse).L’analisi la vogliamo fare invece sulla quantità e tipologia di informazione analizzando il numero totale di pagine e suddividendolo in base alla tipologia di appartenenza.Abbiamo scelto il quotidiano locale,il Corriere Adriatico e abbiamo fatto 2 conti rapidi rapidi.La domanda è :se dovessi essere al bar e avere solo 1,20€ in tasca prenderesti un cappuccino o acquisteresti un giornale all’edicola più vicina??Per poter rispondere alla domanda bisogna fare un’analisi costo/beneficio ma poichè il costo è equivalente l’analisi si sposta sul beneficio.Ammesso e concesso che per te il beneficio di bere un cappuccino sia comparabile all’acquisto di un quotidiano,procediamo alla comparazione.Come si può veder dall’immagine sopra che spero sia abbastanza chiara se a noi,come penso alla maggior parte delle persone,interessa solamente la cronaca locale,il costo del quotidiano dovrebbe essere di 0,17€ ma visto che a causa del marketing spudorato esso viene a costare 1,20€,la risposta alla domanda che poteva essere scontata ora non lo è perchè è stata comprovata:acquistate un cappuccino e infischiatevi del giornale,ma la maggior parte di voi sicuramente starà scroccando il giornale al bar senza porsi effettivamente il problema!Bravi!Ma facciamo un passo indietro sul cappuccino che sicuramente vi sarà sfuggito dalla “focalization”.Un cappuccino di 125g di latte di vacca pastorizzato intero ha 82 calorie ma se ci aggiungiamo lo zucchero per ipotesi 5g arriviamo a 102 calorie.Ma se amiamo il dolce e ne mettiamo 10g arriviamo a 121 calorie.La domanda è allora 1,20€ per 121 calorie(507kjoule) è giusto,è troppo o è poco??(calcolo delle calorie).Proviamo a fare una comparazione con un prodotto che mangiamo tutti i giorni a pranzo:la pasta.Dobbiamo conoscere quanto costa un pacco di pasta,riportare il costo per gli stessi grammi del cappuccino e comparare le calorie.In questo caso la comparazione del beneficio riguarda l’apporto calorico e non l’apporto nutrizionale.Fate i conti e avrete la risposta effettiva di quanto dovrebbe costare un cappuccino se paragonato allo stesso apporto calorico di un bene di uso comune come la pasta!

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Esiste la morte dopo la vita come garanzia di eguaglianza


tunnel.jpg

Non so rispondere alla domanda se esista o meno la vita dopo la morte,e credo nemmeno tu,ma posso dire con certezza che l’esistenza della morte dopo la vita garantisce l’unico e più grande sistema democratico al mondo mai esistito.

La “femmina” e la “donna” dalla poesia alla cultura popolare


Ho sempre ritenuto che nella nostra cultura poetica (da Dante ai giorni nostri) il termine “femmina” sia stato usato in opposizione al termine “donna”: Il primo,di etimologia incerta, si riferisce ad una persona di genere femminile di basso rango e,per estensione,anche di facili costumi;il secondo,proveniente etimologicamente dal latino “domina” (signora e padrona della casa,da domus),si riferisce invece ad una persona di genere femminile di alto grado sociale,una “vera” donna insomma.
Preciso che mi riferisco ad una tradizione culturale “alta”,non popolare,dove invece la femmina è la “vera donna”, “a Femmn” con la F maiuscola,in dialetto napoletano,per esempio.

femmina
La Venere di Willendorf (Austria).Realizzata in arenaria,delle dimensioni di 11cm risalente a l’età Paleolitica

Il termine “femmina” si usa per lo più per definire il genere,femmina in opposizione a maschio, senza nessuna accezione di qualità.Un ulteriore riflessione si può anche fare in relazione al termine “madonna”,inteso come mia donna,dal latino “mea domina”(mia signora),caduto ormai in disuso,ma che trovo estremamente poetico e profondo.L’etimologia si lega anche al francese da cui deriva la parola “madame”.In alcune regioni come Abruzzo e Piemonte  il termine “madonna” è stato sempre usato dal popolo come titolo di rispetto che le nuore davano alle suocere.

I caratteri che estende la parola donna dovrebbero essere anima (che una volta si credeva non avesse!),intelligenza,volontà,immaginazione e tutte le altre belle cose che concernano l’essere umano.La donna è signora,madre,moglie,amica.La femmina è la donna che ama, la sensuale felina che c’è in ogni donna,anche se alcune non sanno nemmeno di avercela e non sanno “giocarci”.
Nel dialetto calabrese non esiste la donna,esiste invece l’uomo.In genere per parlare delle donne si dice ” I fimmini”, per parlare degli uomini si usa quasi sempre “L’omini”, raramente  ” i masculi”.

 

venere.jpg
Venere del Botticelli

Viaggiando più indietro nel tempo troviamo il non plus ultra,l’esaltazione massima della donna nella divinità di Venere (in latino Venus,che significa amore,desiderio sessuale),una delle più importanti dee romane principalmente associata all’amore,alla bellezza e alla fertilità,l’equivalente della dea greca Afrodite.
Srotolando ancor di più la matassa del tempo,ci ritroviamo in epoche molto antiche,che si perdono nella notte dei tempi,dove la donna e la femmina si fondono in un unico significato legato ancor di più alla terra,alla natura e alla fertilità.L’esempio per eccellenza lo si vede quando si entra nell’immenso mondo dell’antico Egitto.

« Ciò che si fa alla natura, si fa alle donne

e ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. »

 

 

 

 

Rielaborazione in parte tratta dal forum(link al forum)

Fatti,non fatti,disfatti,misfatti


Preferisco i fatti delle parole perche i fatti dicono tante parole mentre i non fatti hanno parole da disfatti.Fatti o non fatti siamo vittime di misfatti.E allora di cosa siamo fatti??Siamo della stessa materia di cui sono fatti i gatti o siamo solo atti in un teatro di buratti??Sará,credo stiamo diventando matti a parte il fatto che siamo strafatti,di marchi contraffatti.In effetti infatti lo scopriremo solo vivendo,nascosti negli anfratti dove vivono gli sfatti.
image

Scritto con WordPress per Android