Misurare la qualità delle strade tramite il monitoraggio dei sensori sugli smartphone


Uno degli obiettivi del progetto europeo Crowd4Roads, coordinato dall’Università di Urbino e di cui Regione Marche è partner, è quello di sperimentare l’innovativo sistema Smart Road Sense (SRS), che sfrutta gli smartphone per raccogliere dati precisi sulle condizioni delle strade.

L’utilizzo dell’App SmartRoadSense è semplice ed intuitivo: basta cercarla in Google Play o in Apple Store ed installarla sul proprio telefono/tablet Android o IOS. Una volta lanciata e configurata per il primo utilizzo, si avvia e si ferma semplicemente premendo un bottone. Quando attiva, l’app è in grado di rilevare, grazie agli accelerometri dello smartphone, la qualità del manto stradale che si sta percorrendo mentre si è alla guida di un’autovettura o di una moto (o durante una corsa in autobus).

I dati anonimi rilevati vengono comunicati via internet (in tempo reale o, se impostato, anche solo successivamente in presenza di una connessione WiFi) ai server riceventi sul cloud di Regione Marche.

Le condizioni delle strade percorse vengono quindi visualizzate in una mappa grafica e navigabile, pubblicata sul sito www.smartroadsense.it, dove la colorazione delle strade, dal verde al rosso, indica rilevazioni ottimali piuttosto che critiche. I dati rilevati sono anche disponibili in formato aperto (open data). Dopo una prima fase interna di test, la sperimentazione è ora aperta alla partecipazione di tutti i cittadini che intendano contribuire ad evidenziare le priorità di intervento nella manutenzione della pavimentazione stradale. Per ottenere rilevazioni più precise è meglio se il dispositivo mobile sia agganciato rigidamente alla vettura (supporti di fissaggio frontali, tappetini antiscivolo per cruscotto,  agganci con calamita, staffe con ventose per parabrezza, …).

Al progetto C4Rs partecipano anche partner europei: oltre all’Italia, entreranno presto nelle mappe di SRS la Francia, la Grecia, la Gran Bretagna e la Romania.

 

C’è una falla di sicurezza nelle comunicazioni Bluetooth


 

Daniele Antonioli
Daniele Antonioli

Un gruppo di ricercatori, tra i quali l’ingegnere pesarese Daniele Antonioli ha identificato una falla di sicurezza nella tecnologia Bluetooth e condotto un severo attacco in grado di spiare le comunicazioni cifrate e di modificare il contenuto di comunicazioni cifrate di qualsiasi dispositivo Bluetooth. I ricercatori hanno chiamato il loro attacco Key Negotiation Of Bluetooth (Knob) attack [1]. Il team internazionale è composto, oltre che da Antonioli della Singapore University of Technology and Design, da Nils Ole Tippenauer dell’Helmholtz Center for Information Security e da Kasper Rasmussen della Università di Oxford. L’attacco prende di mira il firmware del chip Bluetooth poiché il firmware (controller Bluetooth) implementa tutte le funzionalità di sicurezza di Bluetooth BR/EDR. Come attacco conforme allo standard, si prevede che sia efficace su qualsiasi firmware che segue le specifiche e su qualsiasi dispositivo che utilizza un firmware vulnerabile. L’attacco KNOB è stato implementato su 14 chip Bluetooth di produttori famosi come Intel, Broadcom, Apple e Qualcomm. I nostri risultati di tale ricerca dimostrano che tutti i dispositivi testati sono vulnerabili all’attacco KNOB. Sono state quindi discusse le contromisure per correggere le specifiche Bluetooth e la loro implementazione [1].

Reference:

[1] ANTONIOLI, Daniele; TIPPENHAUER, Nils Ole; RASMUSSEN, Kasper B. The {KNOB} is Broken: Exploiting Low Entropy in the Encryption Key Negotiation Of Bluetooth BR/EDR. In: 28th {USENIX} Security Symposium ({USENIX} Security 19). 2019. p. 1047-1061.Google Play StoreCopyright©2019 Seremailragno.com by Michele Paoletti – michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

 

OMRON M7 Intelli IT: unboxing e primo test


OMRON M7 Intelli IT

OMRON M7 Intelli IT è un misuratore di pressione arteriosa da braccio, compatto e completamente automatico, il cui funzionamento si basa sul principio oscillometrico. L’alimentazione è fornita da 4 batterie di tipo AA con la possibilità di collegare un alimentatore con tensione 6 V. Permette di registrare separatamente i dati di 2 utenti e connettere l’app dedicata di Omron (Omron Connect) tramite bluetooth, con possibilità di memorizzazione dei dati anche in cloud. L’apparecchio misura in modo semplice e rapido:

  • pressione arteriosa
  • frequenza delle pulsazioni

Grazie alla tecnologia avanzata IntelliSense, il dispositivo consente il comodo gonfiamento controllato, che non richiede la preimpostazione della pressione o un secondo gonfiaggio. Il dispositivo è in grado di rilevare la presenza di battito cardiaco irregolare durante la misurazione e fornisce un’indicazione di avvertenza insieme al risultato della misurazione.

Indicatori

  • Indicatore di battito cardiaco irregolare: segnala la presenza di un battito cardiaco irregolare (ovvero variazioni superiori o inferiori al 25% rispetto al valore medio rilevato dall’apparecchio durante la misurazione della pressione). Nel caso di battito irregolare consultare il proprio medico di famiglia
  • Indicatore di errore da movimento: segnala errore se ci si muove durante la misurazione
  • Indicatore del valore medio: visualizza il valore medio delle misurazioni premendo per più di 3 secondi il pulsante memoria
  • Spia della guida di posizionamento del bracciale: si illumina di verde se è ok, di arancione se troppo lento
  • Indicatore (colorato) del livello di pressione arteriosa: si illumina di verde se rientra nell’intervallo standard, di arancione se non si rientra nelle normali condizioni standard

Prima di eseguire la misurazione

  1. Evitare di fare il bagno
  2. Non assumere bevande alcoliche o a base di caffeina
  3. Non fumare
  4. Non svolgere attività fisica
  5. Non mangiare da almeno 30 minuti
  6. Riposare almeno 5 minuti prima di eseguire la misurazione
  7. Evitare di eseguire misurazioni nei momenti di stress (poiché causano ipertensione)
  8. La misurazione va effettuata in un luogo tranquillo
  9. Togliere eventuali capi di abbigliamento che stringano il braccio
  10. Cercare di misurare la pressione arteriosa sempre alla stessa ora del giorno
  11. Annotare quale sia la vostra pressione media che vi caratterizza per poter fare un confronto

Definizione di ipertensione secondo le linee guida ESH/ESC 2013

Se la misurazione viene effettuata in uno studio:

  • Pressione sistolica >= 140 mmHg
  • Pressione diastolica >=90 mmHg

Se la misurazione viene effettuata a casa:

  • Pressione sistolica >= 135 mmHg
  • Pressione diastolica >=85 mmHg

Unboxing

Prima misurazione

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

La pericolosità del Glicole Dietilenico e gli effetti sull’essere umano


La World Health Organization definisce il glicole dietilenico come un liquido incolore,inodore, tossico per l’uomo (Diethylene Glycol (DEG) is a colourless and odourless liquid and a human toxicant). Nel settembre del 2006, un medico panamense riportò un numero insolito di pazienti con insufficienza renale acuta inspiegabile, frequentemente accompagnata da grave disfunzione neurologica. I pazienti presentavano tipicamente sintomi come dolori addominali,nausea, vomito, disagio epigastrico e diarrea, seguiti alcuni giorni dopo da oliguria (diminuita escrezione urinaria) o anuria (mancata emissione di urine da parte dell’apparato urinario), anoressia e affaticamento. Molti pazienti esibirono uno spettro di effetti neurologici, tra cui le paralisi dei nervi cranici (FONTE: Outbreak of acute renal failure in Panama in 2006: a case-control study). Si cercò quindi di capire la fonte di questi problemi fisici. I campioni di farmaci e di urina raccolti dai pazienti trattati e di controllo furono analizzati per la presenza di DEG. Undici farmaci liquidi nei loro contenitori originali furono ricevuti dal laboratorio per l’analisi, tra cui cinque etichettati come antistaminico ed espettorante, due come espettoranti, tre come antiacidi e uno come preparazione vitaminica. Questo studio evidenziò il più grande avvelenamento di massa degli adulti DEG negli ultimi 70 anni. I risultati epidemiologici e di laboratorio accusarono uno sciroppo per la tosse liquido con prescrizione, prodotto da un impianto di produzione farmaceutica dell’ospedale CSS, come causa dell’epidemia a Panama.

La presenza di DEG fu finalmente confermata in un singolo lotto di produzione etichettato come glicerina che era stato importato a Panama dalla Cina tramite un broker europeo. La glicerina contaminata identificata nello sciroppo per la tosse implicato era stata anche utilizzata nella produzione di almeno un altro farmaco liquido prescrivibile e due creme per uso topico. Queste scoperte portarono al richiamo di oltre 60.000 farmaci presumibilmente contaminati dal DEG (Diethylene Glycol) e allo screening diffuso per la disfunzione renale in consumatori potenzialmente esposti. Nell’aprile del 2007, erano stati identificati 119 casi clinici, di cui 78 morirono nonostante l’emodialisi e le cure di supporto (tasso di mortalità del caso 65,5%). Arresto cardiaco, shock e aritmia cardiaca sono state le cause più comuni elencate per queste morti.

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Il ricercatore Paolo Francavilla e i vincitori di BeamLineForSchools: Il senso della bellezza


SimmetrieLe simmetrie: abbiamo un universo che sembra giocare su questa contraddizione tra una simmetria perfetta che può sembrare in prima battuta come dovrebbe essere l’universo e il fatto che poi in realtà ci siano delle piccole imperfezioni che distruggono questa simmetria e sono queste piccole imperfezioni a rendere speciale il nostro mondo poiché fanno succedere tutti i fenomeni che noi vediamo. Possiamo osservare l’universo come fosse una grande scatola da gioco. Le regole a cui tutto l’universo è sottoposto,per quello che capiamo oggi, sono perfettamente simmetriche sulla carta,di un eleganza formale perfetta. Poi però i giocatori di questo game barano in qualche maniera e questo baro è ciò che rende tutto possibile. Le dinamiche oltre le regole sono quelle che ci permettono di parlare di questi strani fenomeni. La rottura degli schemi studiata nell’LHC e l’introduzione di imperfezioni prende il nome tecnico di rottura di simmetria elettrodebole e questo aspetto è quello che si trova alla base della scoperta del bosone di Higgs (parole di Paolo Francavilla).

Simmetrie della materiaLa scoperta del bosone di Higgs è proprio l’emblema in quanto ci conferma questa dinamica di rottura di simmetria. L’universo ha trovato il modo di scavallare le regole ferree per fare qualcosa di veramente eccezionale. Andare oltre è l’obiettivo e la sfida principale degli scienziati del CERN di Ginevra. Abbiamo un modello di nome Modello Standard che riesce a chiudere il cerchio fino a un istante dopo il Big Bang ma di tutto l’universo conosciamo solamente il 4%. La bellezza è nella perfezione o nell’imperfezione??Dopotutto spesso ci si innamora di una donna i cui aspetti attraenti sono proprio le imperfezioni che la rendono unica. Possiamo pensare di essere tutti simmetrici come le trame di un tappeto persiano,ma di tanto in tanto le simmetrie vengono rotte al fine di introdurre delle imperfezioni che rendono il tappeto unico nel suo genere. Un aspetto fondamentale della bellezza penso possa risiedere nell’originalità,poiché l’originalità dell’unico genera lo stesso stupore di un qualcosa mai visto prima.

Intervento del ricercatore Paolo Francavilla intervistato dal giornalista Adolfo Leoni

Il ricercatore Paolo Francavilla ha contribuito allo sviluppo di un progetto con gli studenti del liceo scientifico Temistocle Calzecchi Onesti di Fermo. Il progetto ha vinto la competizione BeamLineForSchools del CERN (dedicata a tutti gli studenti delle scuole superiori.I ragazzi hanno vinto competendo tra 180 squadre di partecipanti provenienti da 43 paesi del mondo), e a Settembre Francavilla ha fatto loro da tutor accompagnando gli allievi al CERN coordinati dalla professoressa Maria Rita Felici per condurre l’esperimento previsto utilizzando il rilevatore costruito a scuola. Il loro esperimento: utilizzo di un rivelatore Cherenkov (costruito anche grazie al “rivelatore fai da te” ArduSipm, ideato da un ricercatore dell’INFN, vd. qui), in grado di osservare le particelle elementari che viaggiano più veloci della luce nell’ aria. Questo rivelatore, interamente assemblato con materiali low-cost facilmente reperibili, è stato testato sulla linea di fascio del CERN.

I giovani vincitori della competizione sono:

  • Alessandro Rongoni
  • Simone Giano
  • Davide Cartuccia
  • Marco Ricci
  • Simone Pierantozzi
  • Luca Ciucci
  • Roberta Barbieri
  • Letizia Manardi

Adolfo Leoni: <<Quale emozioni avete provato in questa grande città della scienza?>>

I ragazzi: <<È stata un’esperienza particolare,una di quelle che capitano poche volte nella vita,forse una. Abbiamo avuto modo di provare sulla nostra pelle quale sia il mondo degli scienziati e migliorare le nostre conoscenze e capacità grazie anche al support del tutor e dei vari fisici. Siamo stati a contatto con persone e cose che normalmente non abbiamo modo di vedere. È stata un’esperienza unica in cui ho notato come il gruppo e la collaborazione sono aspetti fondamentali all’interno del Cern, come sottolineato anche nel film >>.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.