Un nuovo centro commerciale che non serve a nessuno


Eurospin TriangoloÈ in corso di costruzione un nuovo centro commerciale e voci di “radio corridoio” dicono sia il colosso Eurospin (in prossimità di località Triangolo) proprio difronte all’ipermercato Oasi Girasole. Ebbene si, un nuovo centro commerciale inutile (n.b: inutile a livello di ricadute sociali nel lungo periodo, é chiaro poi che sarà comodo e frequentato ma la questione é ben più profonda e spero si capisca): c’è la Super Coal a 500 metri dall’Oasi e il Tuodì a meno di 1 km. Abbiamo quindi la bottega, il supermercato e l’ipermercato, a cosa serve un discount che per dimensioni e caratteristiche eguaglia il Tuodì?? Grazie alla posizione geografica preferita e alle simili caratteristiche, è ipotizzabile (il periodo ipotetico è necessario) che l’Eurospin farà saltare Tuodì mentre in teoria Oasi e Coal dovrebbero risentire meno dell’effetto concorrenziale per via della diversa fattura. Si mette così in concorrenza estrema il territorio già in equilibrio precario. Il trapezio sottostante mostra proprio la situazione tra Campiglione di Fermo e Monte Urano. La cementificazione del suolo non comporterà quindi alcun evidente beneficio al territorio che era già capace di fornire quanto necessario al bacino demografico. Inoltre la “pancia dell’Oasi” si espande sempre di più con “attacchi di estetica negata”. Il cemento prefabbricato ha fame di suolo ma delle piante che per mezzo della fotosintesi producono ossigeno necessario alla nostra sopravvivenza: nessuna traccia; neanche nell’orrendo parcheggio cementificato del cinema dove il fango regnava sovrano fino a qualche tempo fa (in cui le mazzette si saranno sprecate per quanto in fretta e furia è stato costruito).

(Breve pausa di riflessione per sottolineare l’orrenda cementificazione di Campiglione)

Sovente, quando ci sono queste tipologie di incongruenze logiche c’è solo una spiegazione: quella economica. Qualcuno salterà in aria in nome del Padre denaro, del Figlio politico e dello Spirito corruttivo che rimarcano la presenza trinitaria di mammona (citazione biblica)?? Questo effetto centralizzazione commerciale non porterà di certo beneficio alle botteghe del centro storico monturanese già colpite dal Si con Te Superstore di Sant’Elpidio a Mare sponsorizzato da quella politica che doveva proteggere i deboli. Forse qualcuno ha dimenticato cos’è successo a Civitanova Marche dove il Civitacenter è stato affondato in maniera lapalissiana dal Cuore Adriatico (l’imprenditore abruzzese è stato accusato di truffa allo Stato per oltre 16 milioni di euro) ed è ora in preda al degrado del tossico made in Cina. La speculazione è spietata, fa terra bruciata, incassa e poi fugge lasciando degrado dietro di se.

Eurospin Campiglione Triangolo
Che ci sia un Trapezio vicino località Triangolo fa impressione

Diceva Celentano:

Passano gli anni
Ma otto son lunghi
Però quel ragazzo ne ha fatta di strada
Ma non si scorda la sua prima casa
Ora coi soldi lui può comperarla
Torna e non trova gli amici che aveva
Solo case su case
Catrame e cemento
Là dove c’era l’erba ora c’è
Una città
E quella casa in mezzo al verde ormai
Dove sarà
(Il ragazzo della via Gluck)

Copyright©2019 Seremailragno.com by Michele Paoletti – michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

Boicottiamo il circo con animali di Campiglione di Fermo


Circo Monte UranoAnche quest’anno un nuovo circo metterà le tende nel territorio del comune di Fermo in zona Campiglione (dove verranno installate delle grandi strutture dal 17 Maggio al 2 Giugno 2019). Nonostante il decreto legge 2287-bis miri alla graduale abolizione degli animali nei circhi, anche in questa occasione ribadiamo il nostro no a questo tipo di spettacolo anacronistico sorpassato da tempo da altri tipi di intrattenimento in cui non è previsto nessun tipo di sfruttamento animale. Il circo con animali in Italia, è tutt’oggi regolato da una legislazione ormai datata risalente a 50 anni fa (legge n° 337 del 1968) in base alla quale viene considerato impresa con finalità sociale, idonea a ricevere contributi pari a circa 7 milioni di euro l’anno da parte del Ministero dei Beni Culturali dal Fondo per lo Spettacolo. Una legge inadeguata che non riflette l’avanzamento culturale, morale ed etico della nostra società, che finalmente riconosce gli animali come esseri senzienti, considerando anche il fatto che paesi europei come l’Austria, il Belgio, la Croazia, la Rep. Ceca , la Danimarca, L’Estonia, la Finlandia, la Grecia, Malta, La Polonia, la Slovacchia , la Svezia, il Regno Unito, il Portogallo, l’Olanda hanno abolito totalmente il circo con animali.
Ci chiediamo come sia possibile che si possano, seppur in modo provvisorio, concedere aree dove trovano dimora decine di animali diversi; una forzatura che di certo conferma come essi siano sottoposti a stress e ad una crudeltà inaudita. Inoltre, ci chiediamo come sia possibile dare l’autorizzazione allo svolgimento di questo tipo di attività in un epoca/situazione emancipata e democratica come la nostra (per lo svolgimento di attività circense all’interno del territorio comunale su area pubblica o privata occorre presentare domanda di Autorizzazione). Per questo chiediamo al sindaco e all’intera amministrazione del Comune di Fermo l’impegno a negare il consenso alla spettacolarizzazione basata sullo sfruttamento degli animali con l’auspicio che possa essere fatto altrettanto nei Comuni limitrofi e in tutte le città italiane (il 71% dei cittadini in Italia, secondo l’indagine Eurispes, non vuole gli animali negli spettacoli). È ORA DI DIRE BASTA! Aiutami a condividere l’articolo…

Clicca qui per seguire l’edizione in Google News

Copyright©2018 Seremailragno.com by Michele Paoletti – michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.

È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.