Nuova apertura Unieuro Campiglione di Fermo


  • DIRETTORE DEL PUNTO VENDITA: Massimiliano Eusebi
  • LOCALITA’: Via Giacomo Filippo Maria Prosperi, 42, 63900, Campiglione di Fermo 
  • TELEFONO: 0734628065
  • ORARI DI APERTURA: LUN-DOM: 9.00-21.00

Unieuro Campiglione

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

Sabato 25 Novembre torna la 21° GIORNATA NAZIONALE della Colletta Alimentare


Colletta Alimentare 2017.jpg

CONDIVIDERE I BISOGNI
PER CONDIVIDERE IL SENSO DELLA VITA

“NON PENSIAMO AI POVERI COME DESTINATARI DI UNA BUONA PRATICA DI VOLONTARIATO DA FARE UNA VOLTA ALLA SETTIMANA […]. QUESTE ESPERIENZE, PUR VALIDE E UTILI […] DOVREBBERO INTRODURRE AD UN VERO INCONTRO CON I POVERI E DARE LUOGO AD UNA CONDIVISIONE CHE DIVENTI STILE DI VITA. […] LA LORO MANO TESA VERSO DI NOI È ANCHE UN INVITO […] A RICONOSCERE IL VALORE CHE LA POVERTÀ IN SE STESSA COSTITUISCE. LA POVERTÀ È UN ATTEGGIAMENTO DEL CUORE […] E PERMETTE DI VIVERE IN MODO NON EGOISTICO E POSSESSIVO I LEGAMI E GLI AFFETTI”.

MESSAGGIO DI PAPA FRANCESCO PER LA GIORNATA MONDIALE DEI POVERI, DAL VATICANO, 13 GIUGNO 2017

 

Se sei del fermano seguici sulla pagina ufficiale Facebook Colletta alimentare nel Fermano.

TI INVITIAMO A INIZIARE QUESTO CAMMINO,
DONANDO CON NOI UNA SPESA A CHI NE HA BISOGNO.Inoltre se vuoi diventare volontario per un giorno puoi iscriverti sul sito del banco alimentare: Diventa volontario 

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

 

 

L’entrata in Europa,la chiusura dello zuccherificio Sadam,l’invasione dei cinesi e la fine dell’incubo a biomasse


Striscioni contro la centrale Campiglione.jpg

Intro – Cosa è successo negli ultimi trent’anni nel nostro territorio?Cercherò di riavvolgere il nastro della memoria,perché siamo dei “dimenticatori seriali” soprattutto di storia contemporanea.Si tira fuori la politica del 1945 ma ci si dimentica quella degli anni 2000.È più importante il passato o il passato remoto?Andando a logica una che me l’ha data ieri per me che viaggio nel presente è più incisiva di una che me l’ha data vent’anni fa.Ma secondo Einstein il tempo ha poco senso,tutto ruota attorno agli eventi e l’evento della seconda guerra mondiale è nettamente più importante di quelli che si sono susseguiti.Per rispondere correttamente alla domanda è meglio usare un dipende,scrollando di dosso tutte le responsabilità.Dipende dal contesto,da cosa stiamo analizzando,ecc…

Correva l’anno 2015, la battaglia oramai decennale in opposizione alla costruzione della centrale a biomasse di Campiglione di Fermo si stava inasprendo;mentre partecipavo alle discussioni e ai dibattiti organizzati dal Citasfe (Comitato Intercomunale per la Tutela dell’Ambiente e della Salute del Fermano).

fumo bianco.jpegRimembravo spolverando gli angoli dell’infanzia come il bianco fumo denso nelle notti d’estate veniva trasportato dal vento a riposarsi sopra le lenzuola della mia camera da letto.L’unico “vantaggio“,se così possiamo chiamarlo, era quello di poter camuffare le “puzzette” in quanto l’odore era del tutto simile a quello post piatto di fagioli borlotti.Il fetore nauseabondo nella lavorazione delle barbabietole, si sommava al costante rumore e all’inquinamento dei tir che ogni notte facevano la spola per scaricare il prodotto grezzo in quel losco sito in cui sorgeva l’azienda Sadam. La temibile scritta, visibile ancora oggi, domina l’ampio spazio dall’alto della sua spavalderia disinnescata. In quel tempo di tenera gioventù quando l’azienda era a pieno regime, i telegiornali passavano quasi ogni giorno le fantastiche avventure di guerriglia tra Saddam Hussein e non so quale schieramento. Quando scorrevano le immagini del dittatore,io come penso il 90% della popolazione locale della mia età,per assonanza associavamo il tizio a quel maledetto zuccherificio. La Sadam era negativa per la puzza,Saddam per come lo dipingevano i media, e mischiarli insieme era una sorta di routine giornaliera da giochi di parole.

Scenario centrale a biomasse Campiglione di Fermo

Crescevi,ti alzavi e ogni estate la puzza ti faceva compagnia;col tempo quella compagnia a volte irruenta si era fatta delicata a causa dell’abitudine talmente radicata da essere diventata parte integrante della tua vita,tanto che quando non la sentivi più ti iniziavano a venire i dubbi esistenziali.Certi giorni il cielo azzurro diventava bianco,sembrava di essere in paradiso se non fosse per l’aria satura che ti riportava nel lato più profondo dell’inferno. Le burla in dialetto fermano erano sempre in auge come “Puzzi più de lu zuccherificiu”,“Ma che si scoregghiato?? (in realtà no,era lu zuccherificiu)”,e via dicendo,la simpatia la faceva da padrone;tanto oramai non ci restava che ridere.

Euro.jpgPoi un giorno tutto d’un tratto l’Italia, che se non sbaglio era governata dall’Ulivo (un nome offensivo alla natura) di un certo P.,un maiale di fine anni 90′ meglio conosciuto come mortadella per quanto si ingozzava di denaro e per quanta fame ha fatto patire al popolo italiano,entrò nel più grande sbaglio(per come fu fatto) della storia contemporanea chiamato Unione Europea e unione monetaria. Così finì il periodo rose e fiori,e iniziò quello delle sole rose vendute da ambulanti abusivi, alla svendita del patrimonio italiano in nome dell’internazionalizzazione.Tutto si decise a tavolino nel palazzo dei poteri,alla velocità di un ladro in pieno regime di rapina e mentre la gente stava ancora comprando convertitori lira-euro incasinata nei processi mentali di conversione diventati psicopatologici il numero 1936,27 frastornava la razionalità anche dei più temerari.E così nacque il caos misto a paura nei portafogli degli anziani,che ragionavano ancora in lire ma dovevano pagare in euro;per non parlare delle partite a carte sotto Natale dove nascevano le diatribe per la puntata a bestia nella riconversione lira-euro.Un vero dramma soprattutto per quelli che bussavano col 3 secco e non stavano di mano.Fu così che nacquero 4 fazioni:

  • da una parte i tirchi quelli che col tre secco passano sempre quando la puntata è alta
  • da una parte i prudenti quelli che bussano solo se stanno di mano indipendentemente dalla puntata
  • da una parte i tirchi prudenti che bussano se la puntata è media e stanno di mano
  • da una parte i temerari che bussano sempre per far alzare la bestia,per conquistare l’onore

Mano invisibile di SmithLe sorti del popolo furono indegnamente segnate. Una pagina di storia oscura,per l’egemonia di una politica venduta alla finanza e al business da far-west dove controllore e controllato erano sempre gli stessi individui collusi.Da una parte c’era il mafioso B. dell’imprenditoria,delle speculazioni edilizie milanesi e del controllo sull’informazione che in quel tempo viaggiava ancora quasi interamente per via televisiva mentre dall’altro il venduto P. cercava di far soldi con i poteri forti dell’Unione Europea fregandosene di tutto e di tutti.E così nella spartizione di quote fu deciso che non potevamo produrre tutto quello zucchero!Eravamo forse troppo dolci per l’ “avvenente” futuro degli Stati Uniti d’Europa (il fascino di copiare agli americani persino i nomi sarà mica dovuto all’influenza di quella sessantina di basi militari che occupano il suolo italiano??In altri tempi si sarebbe chiamata occupazione).Il libero mercato se ne andò a farsi fottere senza nessuna protesta dell’opinione pubblica italiana soggiogata dallo spirito comunitario osannato da mortadella. La mano invisibile di Adam Smith fu sostituita da quella visibile di Bruxelles che mise sul lastrico parecchie famiglie.Dallo zuccherificio 150 dipendenti fissi furono mandati a casa più tutti quelli stagionali che operavano nei periodi di pieno regime.Fu un duro colpo per l’occupazione locale,una bastonata imposta dall’alto. Da un giorno all’altro senza nessun piano di riconversione studiato a tavolino,senza progetti,senza visione del futuro, si decise di fare tabula rasa colpendo il fulcro: lo strato sociale medio.L’egemonia europea,la delocalizzazione delle aziende(processo di declino iniziato negli anni 90′,portato avanti da traditori senza scrupoli,senza un minimo di etica col solo scopo di realizzare un profitto economico e senza l’opposizione né del popolo dormiente né delle istituzioni politiche),l’immigrazione incontrollata e mal integrata e la globalizzazione dei grandi colossi,sono i principali responsabili della distruzione dell’artigianato locale,della qualità dei prodotti,del ceto sociale medio.Questo processo di ristrutturazione europeo (quando sentite la parola ristrutturazione aziendale significa sempre taglio del personale) ha decretato il taglio di posti di lavoro perché costavamo troppo rispetto alla manodopera a basso costo cinese. Ma portare i semilavorati dall’Italia alla Cina era poco efficiente da un punto di vista logistico poiché si rimetteva il basso costo della manodopera sui tempi di spedizione e costi di trasporto.Allora si decise di fare la “furbata”. Ci furono rapporti segreti (ma anche alla luce del sole e li mostreremo dopo) tra la Cina sovrappopolata e il governo italiano.L’Italia richiedeva manodopera a basso costo per far fronte alla concorrenza del mercato e la riduzione del debito pubblico,la Cina voleva togliersi dalle palle un bel po’ di parassiti diventati troppi,insostenibili e un peso per la società che nonostante le tasse sul secondo figlio non riusciva a controllare le nascite. L’accordo ci fu e i cinesi furono merce di scambio spedita(non ho capito bene come) forse con la collaborazione della triade cinese ovvero l’organizzazione criminale a stampo mafioso tutta made in China. Sono talmente bravi a copiare che avranno pensato,“In Italia la mafia funziona alla grande perché non ce provemo pure nojatri!?” .

La mia supposizione spiegherebbe l’inspiegabile.Se andiamo ad analizzare i dati demografici (fonte ufficiale ISTAT) possiamo avere molta carne sul fuoco.Prendiamo un paese di riferimento come Monte Urano dove la calzatura ha attirato il flusso incontrollato e degradopostmezzadrile l’ha rinominata Repubblica Popolare Cinese:

  1. nel 2004 i cinesi rappresentavano il 6,29% contro il 20,51% di albanesi e  il 47,79% di marocchini. Ovvero erano in netta minoranza
  2. nel 2006 i cinesi rappresentavano il 11,23% contro il 22,83% di albanesi e  il 36,78% di marocchini. Ovvero erano ancora in netta minoranza
  3. nel 2008 i cinesi rappresentavano il 24,97% contro il 15.46% di albanesi e  il 29.02% marocchini. Ovvero i cinesi nel 2008 superarono gli albanesi e agganciarono i campioni marocchini
  4. nel 2009 i cinesi rappresentavano il 28,41% contro il 15.09% di albanesi e  il 27.52% marocchini. Ovvero i cinesi superarono gli albanesi e i marocchini vincendo la medaglia di campioni dell’immigrazione
  5. nel 2010 i cinesi rappresentavano il 30.26% contro il 15.23% di albanesi e  il 24.85% marocchini. Ovvero i cinesi nel 2010 si laurearono campioni di immigrazione

Se proprio vogliamo continuare possiamo vedere l’invasione graduale cinese perché di invasione si tratta in quanto mentre le percentuali di immigrati di altri paesi rimangono costanti o diminuiscono e complessivamente la % totale di stranieri si riduce, la % di cinesi (immigrati non riconosciuti dalla società come tali e dopo vedremo perché) schizza:

  1. 2011 i cinesi rappresentavano il 32.79%
  2. 2012 i cinesi rappresentavano il 32.17%
  3. 2013 i cinesi rappresentavano il 35.06%
  4. 2014 i cinesi rappresentavano il 38.52%
  5. 2015 i cinesi rappresentavano il 42.97%
  6. 2016 i cinesi rappresentavano il 43.81%
  7. 2017 i cinesi rappresentavano il 43.27%

Chi controlla questo flusso?Chi permette e ha permesso l’invasione silenziosa?

Cittadini stranieri a Monte Urano

I dati non mentono mai,a meno che non vengano truccati o siano mal acquisiti.Mister B. dopotutto con il suo A4 bianco piegato sulla mano destra sventolava e lanciava percentuali infondate ogni giorno sui suoi canali personali e la gente lo votava perché era credibile.Riusciva a conquistare la folla solo perché la folla si fidava e non andava a controllare i dati.Mister B. ha vinto con le menzogne,con il ladrocinio,sfruttando la disinformazione e l’ignoranza dettata anche dall’ancora assente World Wide Web che rivoluzionò il mondo. A Roma i cinesi arrivano nel secondo dopoguerra ma diventano una presenza visibile solo intorno agli anni 80′ come nel resto dell’Europa(riferimento: Come ci vedono e ci raccontano. Rappresentazioni sociali degli immigrati). Nel nostro paese da una spinta all’immigrazione l’accordo tra il governo della Repubblica e i governi della repubblica popolare cinese relativo alla promozione e alla reciproca protezione degli investimenti,firmato a Roma nel 1985 ed entrato in vigore nel 1987 (riferimento: Carchedi,1994,p.48). Un fine conoscitore dell’immigrazione cinese disse:

<<Gli emigrati cinesi sono persone che operano le proprie scelte migratorie nel quadro di strategie familiari di gestione del rischio sociale e di miglioramento del proprio status economico>>

Cinesi comunità.jpgSi emigra per migliorare le condizioni economiche con un’organizzazione complessa che si basa su nuclei familiari allargati che prestano denaro a chi emigra. L’immigrato lavorerà spesso senza remunerazione per il tempo necessario a ripagare il prestito.Quando finalmente si sarà liberato dai debiti contratti si preoccuperà di accumulare quanto gli serve per cominciare una sua attività autonoma.A questo punto il cerchio si chiuderà e colui che l’avrà chiuso ne aprirà uno nuovo prestando a sua volta denaro ad altri aspiranti migranti,rafforzando quella rete di aiuti reciproci che costituisce un vero e proprio network in gergo tecnico chiamato guanxi e sorregge l’intero sistema.Mi sono sempre chiesto una cosa.Quando si parla di extracomunitari nell’immaginario collettivo e nella realtà dei fatti i cinesi non vengono mai menzionati. Perché?La mia auto-risposta è la seguente: il sistema sopra citato permette nel silenzio sociale di fare entrare masse di immigrati senza creare caos nell’opinione pubblica poiché appena arrivano nel nostro paese iniziano a lavorare,si isolano,non danno nell’occhio(i vetri delle fabbriche vengono oscurati per non far vedere all’esterno le luci accese durante le nottate di lavoro e sfruttamento della manodopera). Ecco perché quando parli di extracomunitario il tuo cervello non visualizza un cinese ma un africano.L’africano arriva in Italia senza un network che lo sostiene,spesso da solo,senza disponibilità economica,all’avventura e come accade molto spesso la fine dell’africano senza un welfare state di tutela socialdemocratico ,senza sistemi di integrazione,falsamente accolto da cooperative malavitose a scopo di lucro e di sfruttamento degli incentivi pubblici,purtroppo la sua fine viene segnata e la necessità di sopravvivenza, lo spinge a delinquere,ad entrare nella malavita organizzata.Ecco perché secondo la logica moderna un cinese non è extracomunitario mentre un africano si.I mass media hanno contribuito a pitturare questo aspetto grazie alla leva della cronaca nera di cui la maggior parte dei giornalisti sopravvive e si auto alimenta(ma non è colpa loro se la negatività incuriosisce più della positività,è un nostro aspetto culturale da riformare senza alcun dubbio.Dopotutto la positività di un evento genera invidia mentre la negatività genera compassione.Siamo esseri compassionevoli che covano invidia fomentata dai social e dalle battaglie virtuali a colpi di commenti).Il tema del razzismo sempre in auge e la demagogia politica hanno completato l’opera a favore dell’estremismo.Ma dal punto di vista logico un cinese non è meno extracomunitario di un africano!!I cinesi entrano in concorrenza diretta e spesso sleale,distruggono il mercato locale abbassando i prezzi vendendo merce di qualità scadente e spesso tossica,fanno uscire le imprese locali e iniziano la conquista in pieno stile da gioco in scatola.I cinesi sono conquistatori di nazioni eppure la società non li vede come una minaccia sottovalutando tutti gli aspetti e prendendosela con quel povero africano fuggito dalla povertà e dalla miseria creata dalle multinazionali occidentali che hanno sfruttato e continuano a sfruttare la loro terra.Allora torniamo nel fulcro del tema: i cinesi hanno un network,una comunità,un sistema ben strutturato che permette loro di isolarsi e di non completare il processo di integrazione(ps:poi ci sono sempre le eccezioni,qui stiamo generalizzando l’aspetto in termini più ampi).È questo a rendere ingiustamente il cinese immune dall’essere considerato extracomunitario.

Tornando alla politica nazionale:

Topo GigioPiù recentemente se vi domandate come abbia fatto l’ex direttore di Studio Aperto che io chiamo Topo Gigio per la netta somiglianza, a vincere le elezioni,la risposta è sempre la stessa (non si impara mai dagli errori e dalla storia).Prima ha leccato facendo carriera negli studi M. (quando l’altro lecchino fu licenziato dal TG4 prese le redini di entrambi i TG) poi mister B. dopo aver visto il buon lavoro svolto nel gestire la disinformazione e nel mettere gli orsetti con la musica commovente alla fine di ogni servizio, come d’accordo ha lanciato mister G.T. (curiosità le iniziali reali coincidono proprio con quelle di Topo Gigio,un scherzo del destino) in politica e dal 2015 Topo Gigio è presidente della regione Liguria.

Chiudiamo questa piccola parentesi storico/politica/sociale analizzata dal mio punto di vista,da come l’ho percepita e da come la penso io, torniamo negli ultimi anni.Nelle carte dello scontro legale tra le fazioni contro centrale e quelle pro centrale (a favore erano il gruppo industriale Maccaferri,i nuovi costruttori ,gli ex lavoratori e i rispettivi sindacati) molti erano i conti che non tornavano e già si sentiva la puzza di bruciato come se la centrale fosse già entrata in funzione.I pro centrale erano palesemente quelli che aveano un interesse economico diretto e mettevano i soldi prima della salute (comprensibile in un certo senso ma non condivisibile dal punto di vista morale e sociale).Se la battaglia non fosse mai iniziata e se invece del buon senso fosse prevalso il menefreghismo ora sulle mie lenzuola si sarebbe adagiato il fumo nero e i microgrammi di ceneri non filtrate dal super filtro tecnologico i cui dati tecnici erano tenuti all’oscuro di tutti (per segreto industriale dicevano ma il motivo era semplice,loro sapevano benissimo come i risultati della scheda tecnica differivano dai risultati che si sarebbero ottenuti all’atto pratico ed erano anche convinti come una volta che la struttura sarebbe stata completata di certo nessuno li avrebbe più potuti fermarle). La curiosità mista ad assurdità riguardava la raccolta dei dati riguardanti l’inquinamento atmosferico per fare i calcoli di sostenibilità dell’intero sistema.I dati tecnici furono presi dalla stazione di rilevamento dell’aria di Civitanova Marche poiché quella di Campiglione era fuori uso.La cosa era veramente bizzarra come bizzarro fu l’atto con cui gli enti riconosciuti dalla regione Marche che dovrebbero in teoria proteggere l’ambiente e i cittadini diedero un timido parere in pieno stile Ponzio Pilato nella valutazione di impatto ambientale lasciando le palle a casa. Il Comune di Fermo, Comune di Grottazzolina,il Comune di Ponzano di Fermo e il Comune di Monte Urano diedero parere negativo.

Un bel giorno l’azienda PowerCrop annunciò: <<Con il decreto ministeriale del 23 giugno 2016 il progetto non ha più la sostenibilità economica>>. La perseveranza,la lotta,lo scontro,gli incontri, i dibattiti, vinsero contro il denaro.Fu così che finì un incubo che oggi pochi,domani credo nessuno ricorderà mai grazie anche al futuro scritto positivamente da Mister Bracalente (qui per l’approfondimento).Un grazie particolare a tutti i membri del comitato Citasfe e a tutti coloro che hanno contribuito ad evitare la distruzione di Campiglione di Fermo e del nostro territorio. Concludo con una citazione e una domanda(del 2015) inoltrata via email a cui nessuno degli enti mi ha mai dato risposta.

Un eroe è un normale essere umano che fa la migliore delle cose nella peggiore delle circostanze.
(Joseph Campbell)

Questa è l’email che mandai prima all’ Arpam di Fermo che mi rimandò all’ Arpam di Ancona che non mi diede risposta:

La centralina rilevamento dell'aria Campiglione di Fermo

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

 

Nella cripta della cattedrale dell’Assunta di Fermo


Sposalizio della vergine di Ubaldo Ricci.jpg

Siamo nella cripta duecentesca della Cattedrale dell’Assunta di Fermo aperta al pubblico solo due volte l’anno. Entrando, sulla destra troviamo la tela Sposalizio della Vergine di fine diciassettesimo secolo attribuita al pittore Ubaldo Ricci (1669 – 1732), per la distribuzione dei panneggi elaborati, dipinti con impasti corposi che non rinunciano ad effetti di trasparenza. Le architetture del fondo e il velario sulla destra, di forte sapore classico, si accompagnano a una parca di cherubini circonfusa da una trasparente raggiera. Sulla base delle informazioni di Trebbi e Filoni-Guerrieri, il Crocetti propone per questo notevole dipinto una cronologia prossima al 1698 che può essere accolta sebbene non si possa escludere una datazione più ampia che si estenda all’intero decennio precedente. Ubaldo Ricci è stato un esponente di una prolifica dinastia di artisti attivi a Fermo per quasi due secoli al servizio della piccola nobiltà locale e di committenti in prevalenza ecclesiastici. Figlio del pittore Alessandro, Ubaldo si formò a Roma dove ebbe modo di studiare le opere del Baccino, di Pietro da Cortona e Carlo Maratti. Tornato nella città di origine si pose a capo di una bottega molto attiva che gestì in stretta collaborazione con il fratello Natale,diffondendo tra Marche e Abruzzo una pittura eclettica e di facile impronta devozionale.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Parco Calisthenics-Lido di Fermo(FM)


Ottima struttura di recente realizzazione,completa e funzionale per allenare il proprio corpo. Situata a Lido di Fermo (FM) nelle Marche, a due passi dal mare. Queste sono alcune foto scattate Domenica mattina.

 

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

 

Lido di Fermo


 

Lido di Fermo
Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

9° Fiera dell’elettronica a Fermo


Nona fiera dell'elettronica a Fermo.jpg

Fiera giunta ormai alla sua 9° Edizione. Sono state superate le 7.000 presenze la scorsa Edizione e anche questa volta sarà pronta a stupirvi e proporvi tante novità e nuovi eventi per trascorrere insieme 2 giorni di festa. Si aprono gli stand SABATO 30 SETTEMBRE dalle ore 9,30 fino alle ore 19:30 e si prosegue DOMENICA 1 OTTOBRE dalle ore 9:00 alle ore 19:00– Aziende da tutta Italia propongono:

  • Novità tecnologiche
  • Prodotti informatici adatti ad ogni  esigenza
  • Cellulari
  • Sistemi di videosorveglianza
  • Droni
  • Strumenti musicali
  • Piccola ferramenta
  • Assistenza tecnica immediata su smartphone
  • Stampanti 3D pronte a produrre qualsiasi oggetto

6000 mq per il vostro divertimento e per acquistare quello che hai sempre voluto a prezzi d’occasione!

  • Simulatori di gioco
  • Postazioni 3D
  • Visori VR
  • 10 postazioni di gioco per partecipare ai tornei giocando ai titoli più in voga del momento
  • 5 postazioni PS4

SCARICA GRATIS LA RIDUZIONE AL SEGUENTE LINK: LINK PER RIDUZIONE

LINK ALL’EVENTO FACEBOOK: LINK ALL’EVENTO

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

 

E se vi dicessi che non tutti gli aiuti dell’UE finiscono nel piatto dei bisognosi?


alimenti unione europea buttati 7.jpg

Oggi venerdì 24/03/2017 sono stati trovati diversi pacchi di derrate alimentari a lunga conservazione ad uso non commerciale marchiate Unione Europea accanto all’immondizia nei pressi di Campiglione di Fermo.Sono prodotti FEAD(Fondo di aiuti europei agli indigenti).

Come funziona il FEAD?

La Commissione approva i programmi nazionali per il periodo 2014-2020, sulla cui base le autorità nazionali adottano le singole decisioni che portano all’erogazione dell’assistenza mediante organizzazioni partner (spesso non governative). Un approccio analogo è già in uso per i fondi di coesione.

I paesi dell’UE possono scegliere il tipo di assistenza (generi alimentari o assistenza materiale di base, oppure una combinazione di entrambi) che desiderano prestare, a seconda della propria situazione, e come ottenere e distribuire gli articoli.

Le autorità nazionali possono sia acquistare direttamente il cibo e i beni e fornirli alle organizzazioni partner, oppure finanziare le organizzazioni affinché provvedano agli acquisti. In quest’ultimo caso, le organizzazioni partner possono distribuire direttamente il cibo e i beni, oppure chiedere aiuto ad altre organizzazioni.

Come vengono selezionate le organizzazioni partner?

Le organizzazioni partner sono enti pubblici oppure organizzazioni non governative selezionate dalle autorità nazionali sulla base di criteri oggettivi e trasparenti definiti a livello nazionale.

A quanto ammontano i finanziamenti disponibili?

In termini reali, per il periodo 2014-2020 sono stati stanziati per il FEAD oltre 3,8 miliardi di euro.

Inoltre, i paesi dell’UE sono tenuti a contribuire al rispettivo programma nella misura di almeno il 15% mediante cofinanziamenti nazionali.

In che misura il FEAD integra il Fondo sociale europeo (FSE)?

Il sostegno del FEAD aiuta le persone a compiere i primi passi per uscire dalla povertà e dall’emarginazione. Aiuta gli indigenti rispondendo ai loro bisogni primari, una condizione essenziale perché possano riuscire ad ottenere un lavoro o seguire un corso di formazione come quelli sostenuti dal FSE. (FONTE:link alla fonte)

Come è possibile che questi prodotti siano finiti accanto a dei cassonetti?Chi sono i responsabili?

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Logge massoniche nella provincia di Fermo


Secondo fonti ufficiali(sotto citate),nella provincia di Fermo sorgono 4 logge massoniche facenti parte al Grande Ordine d’Italia:

  • Loggia 1450-Athanor dell’oriente di Fermo
  • Loggia 738-Edwin E.Aldrin dell’oriente di Porto S.Giorgio
  • Loggia 1218-Tenna dell’oriente di Servigliano
  • Loggia 1231-XX Settembre dell’oriente di Montegranaro

Da alcune indiscrezioni si evince che la loggia di Fermo ha sede in via Perpenti (Fonte:ilfattoquotidiano articolo in data 10/09/2009):

fermo.jpg

La sua posizione precisa è confermata dal Grande Oriente d’Italia (link) in Palazzo Guerrieri in Via Perpenti n.16. Un caso che sulla stessa via ci sia la sede dell’ordine degli ingegneri e gli studi degli avvocati?Ecco la porta d’ingresso riservata alla massoneria:

sede.jpg

Descrizione dello stabile

Il palazzo Guerrieri Pennesi è uno dei più grandi del centro storico di Fermo e presenta in varie sale  grandiose scene di personaggi importanti della famiglia, affrescate dal pittore Pio Panfili. Di struttura quattrocentesca, fu notevolmente rimaneggiato con lunghi lavori di restauro, pur nella con­servazione delle caratteristiche antiche. Nel 1944, durante l’occupazione militare alleata, fu sede del coman­do territoriale delle truppe polacche dell’Ottava Armata.Queste informazioni provengono dal programma descrittivo stilato dal Fai supportato dal Rotary Club di Fermo a detta di alcuni :l’anticamera della massoneria. Le storie si incrociano e l’anima massonica si tramanda di generazione in generazione fino ad arrivare ai giorni nostri (omicidio di Melania Rea,massoneria,Mk Ultra e militari deviati). Dal Resto del Carlino:

Mancini Spinucci.jpg

Nella foto il conte Lorenzo Mancini Spinucci che tra le tante altre cose si occupò di fenomeni paranormali,parapsicologia e occultismo (link per materiale di approfondimento). I convegni scientifici promossi dall’AISP (Associazione Italiana di Studi Psichici) di Fermo, presieduta in quegli anni da Lorenzo Mancini Spinucci (1902-1996), sono finalizzati a studiare i fenomeni paranormali per approfondire le ragioni della propria speranza.

Conte Lorenzo Mancini Spinucci.jpg

Struttura organizzativa del GOI (Grande Oriente d’Italia -> la storia):

struttura_organizzativa_del_GOI.jpg

Solitamente coloro che ne fanno parte sono ai vertici della società:

  • giornalisti
  • scrittori
  • avvocati
  • filosofi
  • politici
  • grandi imprenditori
  • medici
  • saggisti
  • matematici
  • economisti
  • banchieri
  • nobili

Differenze tra CARBONERIA,MASSONERIA e ORGANIZZAZIONE SEGRETA

La carboneria è un fenomeno del tutto italiano, che trova ragione di esistere in un contesto storico ben circoscritto all’Italia anche se con delle diramazioni fatte per lo più da italiani costretti all’esilio, qualcosa esiste ancora oggi anche se più sotto forma di gruppi di discussione, lo scopo della carboneria era nel momento in cui nacque quello di organizzarsi politicamente per combattere i regimi monarchici e per l’unificazione poi, lo scopo principale della carboneria era quindi politico, più che esoterico ed individuale, la carboneria tra i suoi simboli dai carbonai coloro che materialmente facevano il carbone. Alcuni massoni, più attivi politicamente entrarono anche nella carboneria, perché la massoneria esclude ogni discussione di politica e religione, la carboneria permetteva di muoversi in modo più libero.
La massoneria è un associazione riservata, nata nella forma moderna ufficialmente nel 1717, ma già esistente da prima, ed è un fenomeno internazionale, che ha attraversato tutta Europa prima fino ad arrivare in tutto il mondo, senza distinzioni di culture, è un percorso personale di tipo iniziatico ed esoterico, si basa sul simbolismo, e tra i suoi simboli dai muratori costruttori di cattedrali e grandi castelli.Le donne sono escluse dalla partecipazione.
Dell’organizzazione segreta (a differenza delle massonerie ufficiali, delle quali sono noti il nome degli aderenti, gli scopi ecc…) non si conosce nulla e opera nel silenzio totale.Molte di queste organizzazioni segrete sono associazioni a delinquere.

Cosa dice la legge a riguardo

 Dispositivo dell’art. 18 Costituzione (FONTE:link)

I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale.
Sono proibite le associazioni segrete e quelle che perseguono, anche indirettamente, scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare.

Note:

  1. L’associazione si differenzia dalla riunione perchè la partecipazione, stabile, si basa su un ideale che accomuna i soggetti. La libertà di associazione ha varie implicazioni: oltre a quella di associarsi e di scegliere di non farlo, essa garantisce la libertà del singolo che si associa nonchè quella della associazione in un contesto pluralistico. In particolare, la Corte Costituzionale ha chiarito come la libertà negativa di non associarsi sia da considerarsi rispettata anche quando una categoria di soggetti è obbligatoriamente inquadrata entro enti pubblici purchè ciò avvenga nel rispetto dei principi costituzionali. La stessa Costituzione contempla la libertà associativa in relazione ai sindacati (39 Cost.) ed ai partiti politici (49 Cost.). A livello comunitario la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea la accosta al campo “politico, sociale e civico” (art. 12).
  2. Pertanto, sono non sono ammesse associazioni che sono volte, direttamente o indirettamente, alla commissione di reati, come le associazioni a delinquere (416, 416 bis c.p.).
  3. In particolare, a questa disposizione si fece riferimento quando, negli anni ’80, emerse la questione della loggia massonica c.d. P2, organizzazione segreta (a differenza delle massonerie ufficiali, delle quali sono noti il nome degli aderenti, gli scopi ecc.) volta a deviare il corretto esercizio delle funzioni pubbliche e, pertanto, costituzionalmente illegittima.

Ratio Legis

Il diritto di associazione è tutelato dal costituente in quanto espressione della libertà personale (13 Cost.) e del diritto fondamentale che i singoli hanno di esplicare la propria personalità nelle formazioni sociali (2 Cost.).
Poichè avete compreso ora che i nomi dei massoni devono essere noti,altrimenti come detto sopra si tratterebbe di un’organizzazione segreta e quindi illegale,eccovi i 26.410 nomi dei massoni italiani:

Download Elenco dei 26.410 massoni italiani

Nel frattempo vi è una lotta dell’antimafia per avere la lista aggiornata dei nomi (ricerca google),a cui i grandi maestri si stanno opponendo.Sembra ci siano state delle forti scissioni interne alla massoneria creando confusione di ideali.

Ma quali sono i principi della massoneria?Cosa dicono di essere?

Il destino consiste nel prendere consapevolezza della propria differenza e nella capacità di progettare le differenze. Non possiamo stare fermi: se fossimo fermi, saremmo ugualmente trasformati. Occorre pensarsi non come la foglia che cade ma come il nocchiero che nonostante la tempesta cerca una meta, e ha un viaggio”.La Massoneria è un’Istituzione iniziatica, ha la sua curvatura esoterica, il culto di una sapienza che non può essere lasciata e abbandonata alla bramosia dell’ignoranza.I Rituali servono a vivere l’essenza ma anche a tenere sveglio il dubbio e la capacità di non fermarsi a ciò che appare. E’ il coraggio di parlare nello spirito, mentre l’Alchimia è la felicità di scoprire cosa c’è nel profondo”. Un percorso nel quale “si avverte il senso dell’unico assoluto: la Vita. Probabilmente ci saranno altre persone libere di chiamarsi ‘massoni’, ma l’autentica Massoneria non è quella di chi cerca il potere o l’affare, quella che produce confusione, ma la realtà di chi dice no ad affari e traffici, e costruisce umanità. Questa è la bella Massoneria che sa confrontarsi”.E poi la parte positiva: che cosa fa la Massoneria? “Gustavo Raffi indica alla Massoneria due obiettivi:creare un contesto per i cittadini liberi che vogliono perfezionare la loro socialità. Viviamo in un modo spesso fatto di corrotti o indifferenti.Come fa una persona a vivere se intorno a lui ci sono corrotti o indifferenti? E’ come se mancasse l’ossigeno. Ecco la funzione produttrice di stimoli, che il confronto deve alimentare”. In secondo luogo, “difendere i valori di tolleranza, democrazia, rispetto interreligioso e interculturale.La Massoneria, infatti, ha in sé il principio della Finis Mundi come passaggio di rinascita, e non contrasta con alcuna religione pur non essendo una religione.Nel pensiero filosofico massonico nulla è contro il Libro Sacro prevalente della cultura euro-occidentale, la Bibbia.Il ruolo della Massoneria in un panorama filosofico, ideologico e religioso come luogo capace di affrontare tali temi in un contesto dove le altre realtà istituzionali di natura politica non riescono a farlo.E’ compito della Massoneria indagare il ruolo dell’Uomo oltre il quotidiano.Occorre indicare all’ Uomo come ritrovare dentro di sé la forza per non perdersi ed affrontare le avversità. La Massoneria può essere questa guida e la Finis Mundi lo specchio introspettivo per ritrovare la forza necessaria a continuare il cammino di crescita verso il progresso.L’onorificenza ‘Galileo Galilei’ è stata istituita nel 1995 dal Grande Oriente d’Italia, quale riconoscimento per i non massoni che si siano distinti “per l’impegno nella ricerca del vero e del giusto, nell’attuazione e nella difesa dei principi e degli ideali massonici, nel perseguimento dei valori tesi alla realizzazione di un’Umanità migliore e scevra da pregiudizi”.Circa duecento le personalità insignite della classe Luna,con accademici e altri esponenti e associazioni del mondo della cultura e che si occupano di attività benefiche.

Come diventare massoni

LINK SU COME DIVENTARE MASSONI

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

CRONOLOGIA STORICA DEL P.G.70 E DEL POSTO STRATEGICO


pg-70

PRIMA DEL 1900: QUESTA ERA LA SITUAZIONE DEL TRATTO FERROVIARIO DELL’ITALIA CENTRALE

tratti ferroviari prima del 1900.jpg
FONTE: LINK

14/12/1908: VIENE INAUGURATO IL TRATTO FERROVIARIO PORTO S.GIORGIO-AMANDOLA CON TRAZIONE A VAPORE.STAZIONI E FERMATE: Porto S. Giorgio, Porto S. Giorgio (FAA), Castiglione, Fermo S. Lucia, Monteurano-Rapagnano, Girola, Grottazzolina, Magliano di Tenna, Montegiorgio, Belmonte Piceno, Monteverde, Falerone, Servigliano, S. Vittoria in Matenano, Monte S. Martino, Montefalcone Appennino, Marnacchia, Amandola

PRIMA DEL 1930: ERA PRESENTE IL VECCHIO PONTE ROMANO,DISTRUTTO SUCCESSIVAMENTE DA UNA PIENA

dsc_0417
Foto del vecchio ponte romano sul fiume Tenna che collegava Fermo con Campiglione, crollato con una piena,e sostituito dal nuovo ponte ancora presente.

1930: COSTRUZIONE DEL NUOVO PONTE SOPRA IL FIUME TENNA (FONTE:LINK)

costruzione-del-ponte-tenna

24/12/1930 e 21-22-23/11/1931: PIENA DEL TENNA (FONTE:LINK)

1938: COSTRUZIONE DEL LINIFICIO(FONTE:LINK

Questo slideshow richiede JavaScript.

10/07/1942 : LO STATO MAGGIORE REGIO DELL’ESERCITO UFFICIO PRIGIONIERI DI GUERRA TRAMITE IL SOTTOCAPO DI STATO MAGGIORE PER LA DIFESA DEL TERRITORIO COMUNICA AL COMANDO IX CORPO D’ARMATA: SI DISPONE L’IMMEDIATO APPRONTAMENTO A CAMPI DI CONCENTRAMENTO DEI LINIFICI SITUATI IN LOCALITA’ MONTURANO (MONTE URANO) E URBISAGLIA. OGNI CAMPO DOVRA’ POTER INTERNARE 12.000 PRIGIONIERI DI GUERRA SISTEMATI IN LETTINI TRIPOSTO.SI DANNO DISPOSIZIONI ANCHE IN MERITO ALLA RECINZIONE DEI CAMPI,ALLA SUDDIVISIONE INTERNA,ECC….(FONTE:LINK).FURONO COSI’ CHIUSI CON PARETI IN MURATURA I VARI CAPANNONI,INSERENDO LE FINESTRE DOVE MANCAVANO.

21/07/1942: LO STATO MAGGIORE REGIO DELL’ESERCITO UFFICIO PRIGIONIERI DI GUERRA TRAMITE IL COLONNELLO DI STATO MAGGIORE COMUNICA AL MINISTERO DELLA GUERRA:A PARZIALE MODIFICA DI QUANTO STABILITO PRECEDENTEMENTE (VEDI PGV03),SI PRECISA CHE IN SEGUITO ALLE MODIFICHE DEI LINIFICI DI MONTE URANO E URBISAGLIA E DEI BARACCAMENTI DI CARINARO I POSTI ACCANTONATI DISPONIBILI SARANNO 42.500 (FONTE:LINK).

AGOSTO 1942: IL CAMPO DIVIENE OPERATIVO,VIENE STABILITA UNA CAPIENZA MASSIMA DI 8.000 PRIGIONIERI

01/09/1942: IL CAMPO CONTA 1.374 PRIGIONIERI

07/09/1942: IL CAMPO P.G.70 VIENE NUMERATO COME P.M.(POSTA MILITARE) 3.300 (FONTE:LINK)

30/09/1942: IL CAMPO CONTA 1.629 PRIGIONIERI(FONTE:LINK)

30/11/1942: IL CAMPO CONTA 4.115 PRIGIONIERI(FONTE:LINK)

31/12/1942: IL CAMPO CONTA 5.766 PRIGIONIERI(FONTE:LINK)

31/01/1943: IL CAMPO CONTA 6.230 PRIGIONIERI(FONTE:LINK)

20/02/1943: ISPEZIONE SANITARIA (FONTE:LINK)

28/02/1943: IL CAMPO CONTA 7.314 PRIGIONIERI(FONTE:LINK)

31/03/1943: IL CAMPO CONTA 6.898 PRIGIONIERI(FONTE:LINK)

LUGLIO 1943: KEN DE SOUSA FUGGE DAL PG70 E RIMANE 6 MESI NELLA CASA DELLA FAMIGLIA BRUGNONI

08/09/1943: L’ 8 SETTEMBRE DEL 1943 VIENE RESO PUBBLICO L’ARMISTIZIO FIRMATO CON GLI ALLEATI IL 03/09/1943.I SOLDATI FASCISTI DI GUARDIA NEL CAMPO PG70 FUGGONO DALL’ARRIVO DEI TEDESCHI,MENTRE GLI INTERNATI PRENDONO DUE STRADE,UNA PARTE FUGGE NELLE CAMPAGNE CERCANDO DI ACCORCIARE LE DISTANZE CON GLI ALLEATI,UN’ALTRA PARTE DECIDE DI RIMANERE NEL CAMPO PER ASPETTARE L’ARRIVO DELLE TRUPPE ALLEATE.NEL FRATTEMPO I TEDESCHI SONO DIVENTATI DEI NEMICI.

ARMISTIZIO.jpg

15/12/1943: KEN DE SOUSA E I SUOI COMPAGNI TENTANO DI TORNARE A CASA.L’OPERAZIONE VIENE PERO’ ANNULLATA A CAUSA DEL MALTEMPO.

21/01/1944: SI TENTA DI NUOVO L’OPERAZIONE DI RECUPERO.FINALMENTE IL SALVATAGGIO RIESCE,GLI INGLESI SONO LIBERI DI TORNARE A CASA (GRAZIE ALLA RICOSTRUZIONE STORICA FATTA SONO RIUSCITO A TROVARE UN ERRORE,NEL VIDEO IL CRONISTA DICE 21/01/1943 QUANDO IN REALTA’ E’ 21/01/1944,FONTE VIDEO:LINK):

22/06/1944:GLI AMERICANI AVANZANO E CONQUISTANDO CAMERINO E L’UMBRIA,FINO AD ARRIVARE A FERMO.

22-06-1944 foto.jpg

02/09/1945: TERMINA LA SECONDA GUERRA MONDIALE

GUERRA FINITA.jpg

1945-1950: IL PG70 DIVIENE UN CAMPO DI RACCOLTA PROFUGHI DI VARIE NAZIONALITA’ MA IN MASSIMA PARTE CROATI,FUGGITI DALLE PERSECUZIONI DI TITO.IL CAMPO GIUNSE FINO AD OSPITARE 3000 PROFUGHI.QUESTI ADIBIRONO UNO DEI CAPANNONI COME CHIESA,E VI PITTURARONO UNA DIVINITA’ AVENTE PROPRIO LO STEMMA CROATO:

dsc_0434

UNA SUA RISTRUTTURAZIONE DIGITALE DA ME REALIZZATA:

1.jpg

1956: INAUGURAZIONE DELLA NUOVA PROPRIETA’ ,NASCE LA CONCERIA SACOMAR.

dsc_0413
Foto dell’inaugurazione della Conceria nel 1956

27/08/1956: IL TRATTO FERROVIARIO PORTO SAN GIORGIO-AMANDOLA VIENE CHIUSO A CAUSA DELLE FORTI PASSIVITA'(FONTE:LINK).

porto san giorgio2.jpg
FONTE:LINK

1958 : SUL TRATTO PORTO SAN GIORGIO-FERMO VIENE COSTRUITA UNA LINEA FILOVIARIA(ATTIVA FINO AL 1977):

portosangiorgio 1.jpg

1966: VIENE FESTEGGIATO IL DECENNALE DELLA NASCITA E IL PRIMO MILIARDO DI LIRE

dsc_0415
Decennale 1966 quando fu festeggiato il primo miliardo di lire di incasso

APRILE 2003: LA CONCERIA ENTRA IN AMMINISTRAZIONE CONTROLLATA.

6/09/2003: IL TRIBUNALE DI FERMO NE DICHIARA IL FALLIMENTO E VIENE CHIUSA,MANDANDO A CASA 144 DIPENDENTI.TUTTI I MACCHINARI VENGONO ACQUISITI DAI CINESI AD ECCEZIONE DI UNA CORONA DI TRASMISSIONE CIRCOLARE DI GRANDI DIMENSIONI,RIMASTA VICINO ALL’AQUILA DIFRONTE ALL’ INGRESSO.

dsc_0422
Corona di trasmissione delle botti utilizzata per conciare le pelli,vi erano enormi lavatrici dove si mettevano le pelli e tramite la rotazione la pelle veniva conciata

DICEMBRE 2005: VIENE PUBBLICATO IL LIBRO DI KEN DE SOUZA “ESCAPE FROM ASCOLI” SUCCESSIVAMENTE TRADOTTO DA ANNELISE NEBBIA IN “FUGA DALLE MARCHE”,CHE NARRA LA STORIA DI UN SOTTUFFICIALE DELL’AVIAZIONE BRITANNICA PRECIPITATO NEL DESERTO AFRICANO DURANTE UN BOMBARDAMENTO,CATTURATO E PORTATO NEL PG70.UN LIBRO FANTASTICO DA LEGGERE ASSOLUTAMENTE.

FUGA DALLE MARCHE.png

25/04/2006: KEN DE SOUSA VIENE INVITATO A MONTE URANO PER L’ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E IN CORRISPONDENZA DELL’USCITA TRADOTTA DEL SUO LIBRO.

ken.jpg 

11/2007: NEL NOVEMBRE DEL 2007 ADRIATICA SPA (LINK) HA PROCEDUTO ALL’ACQUISIZIONE(6/7 MILIONI DI €) DELL’AREA SITA IN GIROLA DI TENNA (FERMO), SEDE DELL’EX SACOMAR, PER 110.000 mq  CIRCA (DI CUI CIRCA 20.000 AL COPERTO).PROCEDENDO SUCCESSIVAMENTE ALLA SUA BONIFICA(1 MILIONE DI €):

FOTO DALL'ALTO.jpg

30/04/2016: ESCE PG70 FOTOGRAFIE DI ALESSANDRO MIOLA (GIORNALISTA FOTOREPORTER link al suo profilo), UN OPUSCOLO DI 48 FACCIATE CONTENTE LA BREVE STORIA DEL PG70 SIA IN ITALIANO CHE IN INGLESE E ALCUNE FOTO PARTICOLARI SCATTATE AL SUO INTERNO (LINK)

pg70-miola

03/05/2016: L’ARTISTA GIULIO VESPRINI (link al profilo) INIZIA A REALIZZARE LA SUA OPERA SU UN LATO DEL CAPANNONE.NELLA PARTE CENTRALE VIENE RAFFIGURATO UN GRANDE PAPAVERO ROSSO (IL FIORE CHE RICORDA I CADUTI IN BATTAGLIA) CON LA SCRITTA BIANCA IN MEMORY:

IL VIDEO DELLA REALIZZAZIONE OTTIENE UN ENORME SUCCESSO NEL CAMPO DEGLI ARTIST:

NELLO STESSO ANNO ALCUNI RAGAZZI DEL LICEO ARTISTICO REALIZZANO UN ALTRO MURALE,CHE RACCHIUDE TUTTA LA STORIA DEL ‘900 IN UNA SOLA PITTURA,IL LINO,LE PELLI,GLI INTERNATI,IL TRENO DELLA VECCHIA STAZIONE,IL FILO SPINATO E LA LOTTA PER LA LIBERTA’:

dsc_0431

dsc_0432
Gli autori di questo fantastico murale: SECCACCINI,RAMADAN,CALCINARO,GIACOBBI

RAMADANI SCRIVE:

”La storia narrata per immagini, ispirata alle vicende del luogo , si snoda con moto circolare intorno all’impressionante figura totemica del Tempo.
La potenza del racconto si origina dalla poesia cromatica di un prato fiorito di lino. Una corolla delicata emerge a donare il filo sottile che per tragica mutazione si riempie di spine avvolgendosi al braccio teso verso il passato.
Quell’opificio si trasformerà in una deriva di sofferenza: ai panneggi del linificio si sostituiranno presto le tetre divise a strisce dei detenuti nel campo di concentramento, vuote ma già destinate a vestire cataste di anime dolenti, quelle dei profughi qui deportati su un treno che non più, incombente macchina sulfurea il cui vapore malato si confonde con le nuvole pure.
Mentre alcune pelli rimandano all’attività dell’ex conceria ormai dismessa che attende di essere riqualificata.
Così dalla feconda Terra, di noi tutti Madre, ci siamo distaccati, Da una tagliente frattura si erge la figura centrale a dominare ipnoticamente la scena.
Rappresenta l’Umanità ora mai inesorabilmente fermata nella sua crescita morale della terribile tentazione di dominio, irrigidita nella livida corruzione dello Spirito che priva della libertà della vita.”

04/06/2016: VA IN SCENA TURNI D’ARTE UN EVENTO RICCO DI ARTISTI,PER PENSARE,RICOMINCIARE,RICOSTRUIRE.L’EVENTO VIENE ORGANIZZATO DA OLTRECONCERIA (LINK):

OLTRECONCERIA.jpg

01/09/2016-2017: A SEGUITO DEGLI EVENTI SISMICI VERIFICATISI NELLE MARCHE UNA PARTE DELLA STRUTTURA E’ STATA MESSA A DISPOSIZIONE DEI TERREMOTATI.ALCUNI CAPANNONI SONO UTILIZZATI COME DEPOSITO DA ALCUNE DITTE. 

15-16 Luglio 2017: PRIMA MANIFESTAZIONE DELLA FABBRICA DELLE POLPETTE,ALLA SCOPERTA DEI PRODOTTI GASTRONOMICI LOCALI.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

VEDI ANCHE IL MIO ARTICOLO SUCCESSIVO: LA VITA DIETRO IL FILO,la biografia di un soldato inglese imprigionato nel PG70 di Fermo,nelle Marche

LUOGO ESATTO:

COLLEGAMENTI UTILI E APPROFONDIMENTI: