Monte Urano: torna il Cinema d’Essai


Cinema D'Essai Monte UranoIl 1° appuntamento,dedicato a tutti gli appassionati del GRANDE CINEMA,è per mercoledì 24/01/2018 (INGRESSO LIBERO).Il Cinema d’Essai sta tornando a Monte Urano (dal 24 Gennaio al 28 Febbraio 2018) non più al Cineteatro Arlecchino (chiuso per ristrutturazione) ma presso la sala convegni comunale. La programmazione prevede:

  • 24 GENNAIO: IL GRANDE DITTATORE di Charles Chaplin – 1940 – un assoluto capolavoro ricco di scene indimenticabili, rivederlo è sempre un piacere.
  • 31 GENNAIO: TEMPI MODERNI di Charles Chaplin – 1936 – L’ultimo film in cui compare la figura di Charlot, una chiara denuncia sull’uso dei macchinari come profitto.
  • 7 FEBBRAIO: I PUGNI IN TASCA di Marco Bellocchio – 1965 – un macigno gettato nello stagno del perbenismo di facciata dei buoni sentimenti.
  • 14 FEBBRAIO: HIROSHIMA MON AMOUR di Alain Resnais – 1959 – Un film che lascia un’impronta indelebile nella storia del cinema.
  • 21 FEBBRAIO: IL TERZO UOMO di Carol Reed – 1949 – Un film capolavoro di spionaggio con un grande Orson Welles.
  • 28 FEBBRAIO: LA MORTE CORRE SUL FIUME di Charles Laughton – 1955 – Un film opera prima ed unica diventato un “cult”.

Sala delle Riunioni Palazzo Comunale (ingresso su corso Mazzini vedi mappa sotto)
Ore 21,30 INGRESSO LIBERO
In collaborazione con l’Associazione “Urban Play”.

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

Quello che i monturanesi non dicono-I fratelli Mannoio


Sci munturanese se, te lamenti notte e ghiornu

su Facebook stai sempre a commentà….

Lu murales me fa schifo e le piante jò la scola

quelle no, no le duvia tajà….

Li cazolà non ci stà più, ormà tutti li capannù

se dopra solo pe li carri che va a sfilà a lu carnevà

l’Arlecchino che stà a fa? Non ce se po’ più boccà,

senza Assoshow e senza Corrida

ce dovemo da rrangià

pe facce du risate.

Semo cuscì’, semo jente mbò gnorante

ce ne dicemo tante

ma a la fine, ce volemo solo divertì,

le volemo rrivà tutte, iniziative e feste

magnà e beve

senza stà a fa casu a li quattrì.

Anastacia è stata qui e pure la d’Avena

lu cumune li sordi fino a qui.

Pe non facce mancà cò, semo jocato anche su la RAI

ma li mejo, se sa non vince mai.

C’avemo tante pizzerie, supermercati e birrerie

edicola sali e tabacchi e pure un campo de pallò

non ce facemo mancà co,

e se ce volemo rruinà

centri scommesse, gratta e vinci, lottu e superenalottu

da tutte le parti.

Semo cuscì, semo jente sempliciotta

mbò fiji de mignotta che penza solo

a come potesse divirtì

mentre se spetta la penziò

che è sempre più lontana soprattutto

se commanna ancora lu PD

Stemo sempre su li varre

a criticà la jente, lu paese

ma a la fine stemo tutti qui.

Ormà semo bbituati, semo fatto lu callu

non conviene a portà lu culu via da qui.

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Giornata della Memoria 2018: Servigliano


Concerto della Memoria nelle Marche
Concerto della memoria 27 Gennaio 2017
Paolo Giunta La Spada
Paolo Giunta La Spada introduce le sinfonie
Locandina Giornata della Memoria Servigliano
Programma 2018

 

FONTI e APPROFONDIMENTI: LaCasadellamemoria.com

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Monte Urano: Festa di S. Antonio Abate Domenica 21 Gennaio 2018


PROGRAMMA

  • Ore 9:00 Santa Messa con distribuzione dei pani benedetti
  • Ore 11:00 anta Messa con distribuzione dei pani benedetti
  • Ore 15:00 Benedizione degli animali e canti della Pasquella
  • Ore 15:30 Arrivo de lu vecchiò per bambini e ragazzi
  • Ore 19:00 Messa Vespertina e distribuzione dei pani

Festa S. Antonio Abate Monte Urano

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso. È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

 

Monte Urano: Ufficio Cultura


La partecipazione a Mezzogiorno in Famiglia? <<Una scelta familiare>>.

[Frase e Vignetta sarcastica]

Monte Urano Politica

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Il punteruolo rosso continua la devastazione lungo la costa adriatica


Foto scattate Sabato 13 Gennaio 2018 a Lido di Fermo. Un duro colpo per il verde pubblico,l’ambiente e l’impatto visivo.È la continua strage del punteruolo rosso. Palme completamente essiccate dalla furia inarrestabile di questo insetto spietato che continua a colpire senza tregua. Siamo dinanzi a un problema di grandi dimensioni troppo spesso sottovalutato. Bisogna trovare una soluzione protettiva (per gli esemplari rimanenti) e un rimedio sostitutivo (per gli esemplari “deceduti”) come può essere quello di piantare palme non attaccabili dal Rhynchophorus Ferrugineus.

 

Palme punteruolo rossoIl verde pubblico nella mentalità sociale e amministrativa italiana, non rientra quasi mai nelle priorità della collettività (dimenticando il costo sociale della loro assenza) al contrario di quanto accade nei paesi nordici. La motivazione è dettata dalla mancanza di una visione a lungo termine (o meglio la visione c’è ma ognuno pensa al presente della propria campagna elettorale e non al futuro del proprio territorio). Come ci si prepara ad accogliere la stagione turistica 2018? Senza palme o con palme capitozzate,con le insegne degli anni ’80 nei camping post-mezzadrili e le bandiere strappate (purtroppo l’occhio critico è stato colpito dall’estetica negata e dall’immagine rozza dei camping locali molto più simili a dei campi rom abbandonati)?Il turista vuole un motivo in più per ritornare l’anno successivo e non una motivazione aggiuntiva per mettere fine alla sua esperienza.Ci chiediamo se l’ufficio ambiente del Comune di Fermo abbia effettivamente monitorato questa problematica nota sin dal 2014 perché dai risultati non sembra.

Lido di Fermo Punteruolo Rosso

Palme abbattutePalma tagliata

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

2° Tappa del campionato italiano di tiro alla fune


Ore 14:00 presso la palestra comunale di Monte Urano (clicca qui per conoscere il Calendario Campionato Italiano Tiro alla fune(TAF) 2018)

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

The Winter Sea- Lido di Fermo


Il richiamo del mare in lontananza stava diventando sempre più forte…il rivoltarsi delle onde creava un suono ipnotico e coinvolgente.Fui destato dalla corsa e mi avvicinai lentamente alla schiuma formatasi sopra le conchiglie. Fu così che presi l’Asus in mano e mi lasciai guidare dall’inspirazione.

The call of the sea in the distance was getting louder … the waves turned into a hypnotic and engaging sound. I awoke from the race and slowly approached the foam formed above the shells. That’s how I took the Asus in my hand and let myself be guided by inspiration.

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Petizione per la rotonda a Molini Girola


Rotonda Molini Girola.jpg

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore

Il ricercatore Paolo Francavilla e i vincitori di BeamLineForSchools: Il senso della bellezza


SimmetrieLe simmetrie: abbiamo un universo che sembra giocare su questa contraddizione tra una simmetria perfetta che può sembrare in prima battuta come dovrebbe essere l’universo e il fatto che poi in realtà ci siano delle piccole imperfezioni che distruggono questa simmetria e sono queste piccole imperfezioni a rendere speciale il nostro mondo poiché fanno succedere tutti i fenomeni che noi vediamo. Possiamo osservare l’universo come fosse una grande scatola da gioco. Le regole a cui tutto l’universo è sottoposto,per quello che capiamo oggi, sono perfettamente simmetriche sulla carta,di un eleganza formale perfetta. Poi però i giocatori di questo game barano in qualche maniera e questo baro è ciò che rende tutto possibile. Le dinamiche oltre le regole sono quelle che ci permettono di parlare di questi strani fenomeni. La rottura degli schemi studiata nell’LHC e l’introduzione di imperfezioni prende il nome tecnico di rottura di simmetria elettrodebole e questo aspetto è quello che si trova alla base della scoperta del bosone di Higgs (parole di Paolo Francavilla).

Simmetrie della materiaLa scoperta del bosone di Higgs è proprio l’emblema in quanto ci conferma questa dinamica di rottura di simmetria. L’universo ha trovato il modo di scavallare le regole ferree per fare qualcosa di veramente eccezionale. Andare oltre è l’obiettivo e la sfida principale degli scienziati del CERN di Ginevra. Abbiamo un modello di nome Modello Standard che riesce a chiudere il cerchio fino a un istante dopo il Big Bang ma di tutto l’universo conosciamo solamente il 4%. La bellezza è nella perfezione o nell’imperfezione??Dopotutto spesso ci si innamora di una donna i cui aspetti attraenti sono proprio le imperfezioni che la rendono unica. Possiamo pensare di essere tutti simmetrici come le trame di un tappeto persiano,ma di tanto in tanto le simmetrie vengono rotte al fine di introdurre delle imperfezioni che rendono il tappeto unico nel suo genere. Un aspetto fondamentale della bellezza penso possa risiedere nell’originalità,poiché l’originalità dell’unico genera lo stesso stupore di un qualcosa mai visto prima.

Intervento del ricercatore Paolo Francavilla intervistato dal giornalista Adolfo Leoni

Il ricercatore Paolo Francavilla ha contribuito allo sviluppo di un progetto con gli studenti del liceo scientifico Temistocle Calzecchi Onesti di Fermo. Il progetto ha vinto la competizione BeamLineForSchools del CERN (dedicata a tutti gli studenti delle scuole superiori.I ragazzi hanno vinto competendo tra 180 squadre di partecipanti provenienti da 43 paesi del mondo), e a Settembre Francavilla ha fatto loro da tutor accompagnando gli allievi al CERN coordinati dalla professoressa Maria Rita Felici per condurre l’esperimento previsto utilizzando il rilevatore costruito a scuola. Il loro esperimento: utilizzo di un rivelatore Cherenkov (costruito anche grazie al “rivelatore fai da te” ArduSipm, ideato da un ricercatore dell’INFN, vd. qui), in grado di osservare le particelle elementari che viaggiano più veloci della luce nell’ aria. Questo rivelatore, interamente assemblato con materiali low-cost facilmente reperibili, è stato testato sulla linea di fascio del CERN.

I giovani vincitori della competizione sono:

  • Alessandro Rongoni
  • Simone Giano
  • Davide Cartuccia
  • Marco Ricci
  • Simone Pierantozzi
  • Luca Ciucci
  • Roberta Barbieri
  • Letizia Manardi

Adolfo Leoni: <<Quale emozioni avete provato in questa grande città della scienza?>>

I ragazzi: <<È stata un’esperienza particolare,una di quelle che capitano poche volte nella vita,forse una. Abbiamo avuto modo di provare sulla nostra pelle quale sia il mondo degli scienziati e migliorare le nostre conoscenze e capacità grazie anche al support del tutor e dei vari fisici. Siamo stati a contatto con persone e cose che normalmente non abbiamo modo di vedere. È stata un’esperienza unica in cui ho notato come il gruppo e la collaborazione sono aspetti fondamentali all’interno del Cern, come sottolineato anche nel film >>.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.