Psicopatologia del giocatore di slot


Un giocatore di slot machine non si domanda mai quali e quante siano le probabilità di vincita del “gioco” su cui sta giocando, perché lui è convinto di poter vincere e crede ciecamente all’illusione di poter svoltare la propria vita con una macchinetta elettronica progettata,sviluppata,testata per non far vincere mediamente nessun giocatore. Il giocatore non conosce minimamente una distribuzione Gaussiana altrimenti non si troverebbe in quel luogo, a quell’ora, con quei soldi. Il soggetto è soggiogato dall’illusione e a ogni “sconfitta” è sempre più convinto ad andare avanti perché è illuso che prima o poi coprirà le perdite con un introito. Aspetta la vittoria che poi in realtà vittoria non è ma è di nuovo un’illusione di vittoria in quanto inferiore alle perdite,ma la sua ragione è stata disattivata e l’irrazionalità è incapace di capirlo. Quando l’evento fortuito si verifica il rumore di ogni singolo gettone che cade dalla slot machine rafforza e fomenta la sua illusione di vittoria. Quel dannato tin tin tin onomatopeico è la sua condanna eterna. È un suono banale e apparentemente innocuo ma di una potenza inaudita sulla parte recondita dell’inconscio. Anche il suono dei tasti,i colori scelti, le figure sono ipnotici. Lo scopo della macchina è rendere l’uomo un automa,privarlo della ragione,disattivarlo,renderlo a tutti gli effetti come una macchina. Quando la vittoria tarda ad arrivare inizia a manifestarsi una tensione sempre più accentuata, il giocatore quasi sicuramente un fumatore accanito si devasta i polmoni minacciati e asfaltati dalla sua frustrazione in un rituale ciclico di estrazione,accensione,tiro convulso e spegnimento. Un po come se quel fumo fosse la nebbia perenne che devasta la sua visuale mentale. Poi, quando la tensione incalza sempre più, si alza e probabilmente da una manata alla macchinetta esclamando con la sigaretta in bocca qualcosa di incomprensibile a quell’oggetto elettronico che sta abbattendo ad una ad una le sue illusioni. A quel punto crede che sia colpa del destino, che quella sia una giornata negativa, che il fato gli stia mettendo i bastoni tra le ruote e probabilmente inizia a seguire con gli occhi quel filo che dalla macchina porta alla presa elettrica perché magari staccando la corrente si resetta quel magico contatore di vincite di cui ha sentito parlare tra i suoi “amici” patologici. Il credersi più intelligente del progettista è ahimè dettato dall’irrazionalità spregiudicata che lo governa da quando si è seduto sullo sgabello della sconfitta.

Non bisogna essere esperti di statistica ,basterebbe usare la logica, per capire che ci sono 4 soggetti che vogliono guadagnare:

  • il proprietario delle slot
  • il proprietario del locale
  • lo stato
  • il giocatore

Se questi 4 soggetti guadagnassero tutti contemporaneamente il gioco non avrebbe modo di esistere poiché fallimentare.Come farebbe un gioco progettato per far perdere, far vincere tutti?Sarebbe contro il principio alle basi della sua costruzione. Quindi continuando con la logica vediamo chi vince e chi perde:

  • se il proprietario delle slot non ricaverebbe nulla perché dovrebbe investire nell’acquisto,manutenzione delle slot?Da questo ne deriva che il proprietario delle slot non perde mai (ad esclusione di imprevisti come le bande di ladri).
  • se il proprietario del locale non ricaverebbe nulla perché dovrebbe mettere le slot nel proprio locale?Da questo ne deriva che il proprietario del locale non perde mai.
  • se lo stato non ricaverebbe nulla vieterebbe l’uso e la diffusione di slot.Anche le sigarette che dovrebbero essere bandite dalla vendita sono tranquillamente vendute al pubblico da quello stesso stato che poi si preoccupa di curarti.Poi ogni tanto per pararsi il culo fa delle pubblicità con scritto “gioca responsabilmente” come se un ludopatico avesse coscienza della responsabilità delle proprie azioni.Insomma lo stato ci guadagna e quindi non perde mai.
  • è rimasto un unico soggetto che può perdere ed indovinate un po chi è!?:Il giocatore.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

Bufale di successo: tra ipnosi e psicosi collettiva


Come si costruisce una BDS (Bufala Di Successo)?Perchè una BDS ha successo?Come diventa virale una BDS?Quali sono i meccanismi che eleggono una BDS?

Suggestioni delle fake news.jpg

Facebook era un social bellissimo dove potevi provarci con la gnocca stando comodamente seduto davanti a un computer e all’inizio “cuccavi” pure per via della novità che piace. Poi è iniziata una lenta trasformazione quando si è vista la potenza dell’influenza sulle persone. Le aziende si sono riversate sui social, la politica si è riversata sui social propinando e potenziando le idee demagogiche e utopiche, le pubblicità sono diventate sempre maggiori di pari passo agli introiti e alle crescenti pagine più o meno trash. Quelli che hanno capito per primi la potenza di Facebook hanno creato un vero e proprio impero del business dove guadagnare scrivendo “boiate” è divento un vero e proprio lavoro anche se per pochi eletti consapevoli o meno di quanto stessero facendo. Poi il mercato è iniziato a saturare sempre di più,acchiappare like è diventato sempre più difficile e Facebook ha raggiunto il picco del successo; successivamente è iniziata una lenta fase decrescente in termini di novità del social per via anche dell’avvento di Instagram, altra piattaforma molto influenzale che ha messo a nudo in tutti i sensi soprattutto quello fisico piuttosto che quello letterale, le persone. Quando Facebook introduce delle novità non lo fa a caso ma perché capisce che sta perdendo colpi,e quando parliamo di colpi parliamo di interesse e quindi soldi! Un bel giorno qualcuno capì di poter fare denaro con le fake news e iniziò a dare sfogo alla fantasia dando origine ad un fenomeno virale in cui la diffusione di notizie false soprattutto nelle fasi primordiali del fenomeno ha fatto cadere nella trappola moltissime persone facendo credere cose assurde e impensabili,facendo leva sull’inganno. Il primo aspetto dell’inganno riguarda il nome del sito fake sempre molto simile ad uno già esistente e attendibile. Ma cosa sono le fake news? Le fake news non sono altro che notizie trappola clamorosamente false ma che hanno in se una profonda credenza popolare, in grado di far cadere e quindi cliccare l’utente social su di esse e trasportarlo nella sua pagina web dove grazie alle moltissime pubblicità e all’elevato numero di utenti caduti in trappola si riesce o meglio si riusciva a creare un vero e proprio malloppo economico semplicemente scatenando la fantasia del fake!

Tutte le fake news hanno successo?No.Vi sono ingredienti per rendere una bufala un successo. La parola chiave è suggestione. La suggestione è un fenomeno psicologico per cui un convincimento, un’idea, un’aspirazione si impongono alla coscienza per azione diretta o indiretta di un’altra personalità o comunque in virtù di una forza esterna cui non si riesce a opporre una resistenza valida. E’ un fenomeno che manda in tilt la coscienza,la ragione e fa prevalere la parte irrazionale dell’inconscio spesso padroneggiata da sentimenti come la paura. Le suggestioni vengono utilizzate dall’ipnotizzatore durante una seduta ipnotica per portare il soggetto nei meandri più profondi dell’animo. Abbiamo quindi tre soggetti chiave:

  • Il curatore o ipnotizzatore
  • L’ipnotizzato che può essere un singolo individuo o una folla di persone
  • Le suggestioni

Il primo soggetto da la notizia. Chi legge la notizia da per scontato che sia vera. Questo fatto implica una fiducia istantanea e un’accettazione immediata del vero. L’instaurazione della fiducia e la/e suggestione/i porta/no l’ipnotizzato in uno stato alterato molto simile a quello ipnotico anche se a livelli molto molto leggeri e impercettibili.

Vediamo la bufala dell’ago sulla pompa dei distributori di benzina. E’ una delle ultime bufale che si sono diffuse in maniera virale e il perché è molto semplice da comprendere. L’immagine crea una fortissima suggestione,manda completamente in pappa il cervello e l’effetto è ancora più potente per via dei numerosi cerchi rossi che evidenziano l’ago. A causa di questa fortissima suggestione il soggetto completamente devastato dalla paura inizia a leggere il testo. Viene suggestionato nuovamente quando viene scritto il luogo del presunto ritrovamento: “in provincia di Verona”. E poi via un’altra suggestione “è stato appurato” crea il panico nell’individuo,ma la domanda che dovrebbe farsi è “chi lo ha appurato?”,”quali sono le fonti?”,ovviamente non vengono date risposte a queste domande nel post proprio perché la suggestione non necessita di verifica, basta e avanza a fare il suo dovere. E poi ancora un’altra suggestione ancora più potente: “si tratta di un ago di siringa infettato dall’HIV” . Ma non finisce qui,ultime due suggestioni  per rendere il post virale e farlo condividere ai soggetti ignari di cosa stanno leggendo: “state attenti quando fate rifornimento” e “passate parola” . Abbiamo un totale di 2 suggestioni tramite immagine e 5 suggestioni tramite testo. L’immagine colpisce sempre per prima: noi viviamo di immagini,ragioniamo in immagini,memorizziamo immagini. Il nostro cervello è in continua elaborazione di frame ma solo alcuni lo cortocircuitano. Mai farsi prendere dalla paura e dal panico,sono questi gli interruttori del black out. Il lume della ragione va sempre alimentato dalla costante informazione su come la manipolazione influenza l’uomo. Ma la cosa più pericolosa è che una notizia falsa può diventare vera nel momento in cui questa viene accettata e presa di esempio da qualche squilibrato!Insomma una psicosi collettiva di un fenomeno inventato può dare origine al fenomeno stesso.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.