Aforisma del combattente


Uno studente disse al suo maestro

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

Aforisma del giorno: asociale


Copertina Facebook Aforisma Idee

Asocialità come meccanismo di auto-protezione.

Scaricala e impostala come copertina Facebook .

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

 

Se tu mi dimentichi-Pablo Neruda [Audio]


Se tu mi dimentichi

Voglio che tu sappia
una cosa.

Tu sai com’è questa cosa:
se guardo
la luna di cristallo, il ramo rosso
del lento autunno alla mia finestra,
se tocco
vicino al fuoco
l’impalpabile cenere
o il rugoso corpo della legna,
tutto mi conduce a te,
come se tutto ciò che esiste,
aromi, luce, metalli,
fossero piccole navi che vanno
verso le tue isole che m’attendono.

Orbene,
se a poco a poco cessi di amarmi
cesserò d’amarti a poco a poco.
Se d’improvviso
mi dimentichi,
non cercarmi,
ché già ti avrò dimenticata.

Se consideri lungo e pazzo
il vento di bandiera
che passa per la mia vita
e ti decidi
a lasciarmi sulla riva
del cuore in cui affondo le radici,
pensa
che in quel giorno,
in quell’ora,
leverò in alto le braccia
e le mie radici usciranno
a cercare altra terra.

Ma
se ogni giorno,
ogni ora
senti che a me sei destinata
con dolcezza implacabile.
Se ogni giorno sale
alle tue labbra un fiore a cercarmi,
ahi, amor mio, ahi mia,
in me tutto quel fuoco si ripete,
in me nulla si spegne né si oblia,
il mio amore si nutre del tuo amore, amata,
e finché tu vivrai starà tra le tue braccia
senza uscir dalle mie.

(Pablo Neruda)

Pier Paolo-Eduardo De Filippo(1975)


Sulla torre dell’ascensore di Monte Urano è affissa la dedica a Pier Paolo Pasolini di Eduardo de Filippo (Napoli 24 maggio 1900 – Roma 31 ottobre 1984) drammaturgo, regista, attore, sceneggiatore e poeta italiano.

Pier Paolo di Eduardo De Filippo.jpg

Pier Paolo
Non li toccate
quei diciotto sassi
che fanno aiuola
con a capo issata
la ‹‹spalliera›› di Cristo.
I fiori,
sì,
quando saranno secchi,
quelli toglieteli,
ma la ‹‹spalliera››,
povera e sovrana,
e quei diciotto irregolari sassi,
messi a difesa
di una voce altissima,
non li togliete più!
Penserà il vento
a levigarli,
per addolcirne
gli angoli pungenti;
penserà il sole
a renderli cocenti,
arroventati
come il suo pensiero;
cadrà la pioggia
e li farà lucenti,
come la luce
delle sue parole;
penserà la ‹‹spalliera››
a darci ancora
la fede e la speranza
in Cristo povero.
[Eduardo De Filippo, 1975]

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

 

Telemedicina,medico di famiglia,inefficienza: 3 ore di riflessione


Avevo su per giù 15 anni e leggevo i giornalini per ragazzi venduti fuori dalla chiesa della mia parrocchia.Erano una specie di focus junior davvero molto interessanti,i cui argomenti variavano dalla storia alla tecnologia. In ogni uscita venivano allegati dei fogli plastificati per raccoglitore ad anelli, catalogati per argomento, cosicché potevi crearti la tua enciclopedia personalizzata a piccoli passi,aggiungendo ad ogni uscita le pagine speciali nel raccoglitore.In soffitta dovrei avere ancora uno scatolone pieno di questi opuscoli e la cosa interessante sarebbe quella di riprenderli e rileggerli per vedere cosa effettivamente si è avverato,cosa non era proprio veritiero e cosa deve ancora verificarsi.Tra tutte le discipline trattate un argomento interessante riguardava la telemedicina, ovvero il complesso delle applicazioni telematiche applicate al mondo medico, per diagnosi e terapie a distanza. Praticamente per le operazioni basilari non sarebbe stata più necessaria la presenza fisica del dottore e del paziente nello stesso luogo ma una presenza digitale nello stesso mondo telematico. Erano letture davvero interessanti che incuriosivano ad approfondire l’argomento,ed io con cura maniacale conservato tutte le mie riviste come fossero oro colato e col senno del poi mi sarei aspettato che in breve tempo avrebbero invaso il nostro mondo avvezzo a sviluppi esponenziali. Ma non avevo fatto i conti con la realtà,in effetti cazzo pensavo di essere nella Silicon Valley!Invece no,vivo in Italia,nelle Marche,in un piccolo paesino non distante dalla costa,un luogo dove quando parli di tecnologia ad un pubblico in costante invecchiamento(questo ahimè contribuisce ad aumentare le malattie e quindi a peggiorare la situazione),non sembra sortire quasi alcun effetto.Ecco allora che per far controllare una semplice analisi del sangue devi attendere 3 ore dal medico di famiglia per un’operazione di a malapena 5 minuti. E poi si chiedono perché le persone si fanno le autodiagnosi su Google,saranno mica per i tempi di  risposta di 0,03 secondi?Sarà mica perché nel mondo sempre più frenetico la gente ha margini di tempo sempre più risicati e non ha tempo di perdere tempo??

(SPAZIO DI RIFLESSIONE)

Poi magicamente senti un rumore,alzi verso l’alto quello sguardo perso nel vuoto e fisso a terra in stato di sospensione,e come una mossa di mouse: ti riattivi.Il focus dei tuoi occhi si concentra su quella maledetta fottuta maniglia che hai fissato per più di un’ora. Ora il soggetto chiave è la maniglia-badate attenzione, non la legge della maniglia, prima la madre e poi la figlia,intendo la maniglia fisicaun movimento lento ed inesorabile verso il basso come slow motion a 240 frame. Tutto accade in pochi millesimi di secondo,il cuore aumenta le palpitazioni,il sistema nervoso iniettata epinefrina, il corpo passa dallo stato morbido rassegnato dell’ignavo, ad uno di completa rigidità come nell’euforia di un sogno porno precedente l’amplesso. Ma come in un sogno andato a male,ti suona la sveglia e ti desti prima di aver copulato.Spingi verso il basso  i Joule accumulati in energia potenziale dalla seduta di 3 ore e scateni sui quadricipiti un’energia cinetica paragonabile alla luce delle apparizioni mariane.Come un centometrista al via, fai lo scatto bruciante oscillando gli occhi in entrambi i lati per scansionare le vecchiette pensionate furbe che con una scusa vogliono sempre rubarti il turno. Di qui un salto nel vuoto di qualche secondo e sei inconsapevolmente dentro, come nell’ovulo, in quella gara da medaglia d’oro vinta trent’anni fa.Fu veramente dura vincere tra milioni di avversari,ma conoscevo la scorciatoia.

Il dottore prende le analisi,le trascrive sul suo portatile(perché non fornire anche un file importabile nel software del medico oltre all’analisi cartacea?Troppo facile?),risponde al telefono ad altri pazienti mentre fuori, ad un tratto, quel fatidico minuto di silenzio viene interrotto bruscamente. Ora si odono voci da stadio come ad un goal dell’avversario: è arrivato l’informatore scientifico.

(SPAZIO DI RIFLESSIONE)

Operazioni di routine che fanno perdere tempo sia al paziente,sia al dottore e questa perdita equivale ad inefficienza a denaro perso. Ogni fila di persone significa inefficienza,significa sistema non funzionante,significa errore 404,significa sistema sociale non al livello di evoluzione sociale.Erano questi i pensieri furiosamente viaggianti nella mia testa mentre seduto sulla fredda sedia di legno accanto a 20 persone che parlavano tra di loro dei soliti argomenti calzanti,tra medicine,dolori articolari,vacanze de Politini,chi pija la pensiò più ata,quilli che c’è rmasti sicchi,li cazzi dell’atri e li sordi,era iniziata a sorgere l’ansia da prestazione,da un lato sbuffavo,dall’altro oscillavo irrequieto le gambe a destra e sinistra sperando che la signora di terza età entrata da 30 minuti sarebbe uscita prima dell’arrivo del becchino. Sempre la stessa storia,quando raramente(per fortuna) devi andare dal medico di famiglia,vedi le stesse persone che parlano sempre degli stessi argomenti,che imprecano sempre contro l’attesa estenuante,lacerante. A causa dell’inefficienza ciclica, il sistema fomenta di volta in volta la frustrazione costringendoti ad andare dallo psicologo per curare l’ansia accumulata dal medico di famiglia.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.