La copertina del Time è un fake lanciato su Twitter


Avvisiamo la “gentile clientela del web” che la seguente copertina dal titolo “The New Europe” che circola nei social è un fake. Siete pertanto invitati a fare attenzione onde evitare il rilancio dell’odio. Condividete l’articolo. Fonte1: link Fonte2: link (foto non censurate).

Time The New Europe

Annunci

Threatin ed il successo più fake della storia musicale di tutti i tempi


Può un metallaro falsificare una band, un’etichetta ed un intero tour inventando sold out, concerti fake e popolarità sui social? Ebbene si. La storia del 29enne Jered Threatin Eames ha dell’incredibile per quanto bizzarra e assurda possa essere. Diventare una rockstar è veramente difficile al giorno d’oggi, allora Jared ha pensato ad una strada alternativa molto più veloce: l’auto celebrazione. Era tutto finto, dall’etichetta discografica ai sold out che in realtà erano locali completamente vuoti ed affittati per girare i video da pubblicizzare online.

Il messaggio lasciato successivamente allo “sgamo” dalla rockstar fake è stato:

“Che cos’è una fake news? “Ho trasformato una sala vuota in un caso mediatico internazionale. Se stai leggendo queste parole, sei parte dell’illusione”.

Testo di Living in Dying:

I lie awake at night
Just buried in my mind
I feel it burn inside

The will is gone
The will to carry on
Will to carry on

I will take no more
Don’t look back
I will take no more
Don’t look back
Living is Dying

I must admit I’ve tried
But, I just can’t decide
If I should sympathize

The will is gone
The will to carry on
Will to carry on

I will take no more
Don’t look back
I will take no more
Don’t look back
I will take no more
Don’t look back
I will take no more
Don’t look back
Living is Dying

I lie awake at night
Just buried in my mind
I feel it burn inside

The will is gone
The will to carry on
Will to carry on

I will take no more
Don’t look back
I will take no more
Don’t look back
I will take no more
Don’t look back
I will take no more
Don’t look back
Living is Dying

Vi spiego perché è impossibile prevedere il meteo dalle cipolle


Premessa: se vuoi ascoltare invece di  leggere recati in fondo all’articolo.

Intro: alcune persone credono che la cipolla possa essere una sfera di cristallo nel futuro del tempo. Ogni vigilia di Capodanno, questi “eletti” tagliano una cipolla in 12 pezzi con delle forme simili a delle ciotole e aggiungono un cucchiaino di sale a ciascuna. Ogni ciotola rappresenta un mese dell’anno successivo. Al mattino, alcune delle cipolle sono piene d’acqua. Le cipolle che sono bagnate indicano quali mesi saranno piovosi il prossimo anno.

Meteo Cipolla

Da quanto detto sopra è evidente che ci portiamo ancora dietro aspetti della subcultura contadina tramandati di generazione in generazione. La tradizione, l’usanza e l’uso protratto nel tempo conferiscono a questi metodi una forte credibilità; sono talmente credibili che certe volte tutti li danno per scontati (in quegli anni dato l’elevato tasso di analfabetismo e la mancanza di informazione nessuno poteva smentirli e diffondere la smentita). Mi ricordo nonna Gentilina quando mi toglieva l’invidia con acqua e olio recitando parole non rivelabili a bassissima voce e mi metteva il sale grosso in tasca per tenere lontane le persone invidiose. E me ne ricordo anche altre di credenze prive di fondamento logico che circolavano a quei tempi e che ora fanno sorridere. C’era una certa Dina Cuccù che toglieva i vermi dalla pancia! Ca**o ancora mi ricordo il nome e cognome perché era scritto nell’agenda come Cuccù Dina Vermi e mi rimase veramente impresso in quanto lo leggevo come Cuccùdina e mi faceva sbellicare dal ridere quel suono onomatopeico strambo. Eravamo piccoli e andavamo da questa che non so quante mila lire spillava a quel tempo, ci metteva una pentola sopra la pancia, ci impediva la visione con un asciugamano e buttava qualcosa che saltellava e faceva rumore ad emulare la morte dei vermi interni alla pancia. Ne è passata di acqua sotto i ponti e anche se i vecchi ricordi sono sbiaditi a me sembravano palline di qualche tipologia di metallo.

Cipolla gif

Ma ora torniamo ai nostri tempi con la razionalità, le formazioni e le informazioni acquisite negli anni. Gli organi di stampa locale (purtroppo) su queste cose vanno a nozze perché conoscono la massa popolare che sui social ha raggiunto oramai anche i settantenni; tali notizie fake non vengono ancora riconosciute come tali e fanno fare un bel po’ di click sul sito dove si guadagnano rank e soldi grazie anche alle pubblicità. Le previsioni meteo dalle cipolle sono ancora credibili dalla massa impregnata e ancora ben radicata nel territorio (ancora per poco visto che parecchi se ne vanno e lasciano le radici). Ecco quindi l’importante messaggio da divulgare:

Le previsioni meteo (addirittura dell’intero anno) valutate tagliando le cipolle a fette non hanno alcuna base logica ne tanto meno scientifica. Ergo: ogni notizia riportata dai quotidiani cartacei e online su tale argomento rappresenta una fake news, cioè una notizia falsa. È solo grazie alla credibilità delle credenze popolari e alla credibilità delle testate giornalistiche che molte persone continuano ancora a credere alle previsioni meteo dalle cipolle. In natura l’effetto non può precedere la causa (principio di causalità naturale). Quindi l’effetto della cipolla non si può verificare prima della causa scatenante (le temperature rigide, il caldo, la siccità, l’umidità, ecc…). Potremo vedere casomai l’effetto sulla cipolla una volta che la causa si è scatenata. Pertanto in natura predire la causa conoscendo l’effetto sulla cipolla è una grossa cazzata non solo in termini logici ma anche in termini fisici (ma non fidatevi di me, cercate voi stessi). Anche perché la cipolla non ha memoria del meteo degli ultimi 50 anni e quindi neanche con un algoritmo predittivo implementato riuscirebbe a prevedere un cazzo di nulla non conoscendo lo storico.

I social network hanno iniziato a distruggere il giornalismo infatti a causa della concorrenza si è disposti a sparare fake news credibili pur di avere like e condivisioni, contro l’ordine deontologico del giornalismo che dovrebbe fare esattamente l’opposto ovvero informare e debellare queste credenze popolari infondate.

Quindi Emanuela Forlini l’insegnante elementare che a Urbania “legge” le cipolle come le hanno insegnato il padre ed il nonno dice cose casuali (badate bene la differenza tra casuale e causale) che oltretutto cozzano con il suo ruolo da insegnante. Essendo affermazioni casuali a differenza della causalità naturale, potrebbero verificarsi. E se si rimane sul vago si verificano praticamente sempre (ho visto il video in cui dice in questo mese potrebbe nevicare, grazie al cavolo! Se sai leggere le previsioni il condizionale non lo usi. E poi non si specifica lo spazio, cioè dove si verificherà? Mediamente? Su una regione? In montagna? Sulla costa?).

Finale: tale credenza popolare fa parte proprio della cultura contadina dove le notizie e le fake news si tramandavano di generazione in generazione. Possiamo dire che il Facebook di oggi equivale alla temporalità generazionale di ieri. La differenza tra le generazioni è legata alla velocità e al tempo. La velocità è incrementata notevolmente riducendo il tempo di trasmissione delle informazioni insieme alla capacità di immagazzinamento. Tempo, velocità e spazio sono variabili tra loro strettamente legate e notevolmente mutate negli anni. La fake news è sempre esistita e sempre esisterà solo che ieri era più credibile perché non si avevano i mezzi per smentirla mentre oggi non è più tollerabile visti i mezzi di comunicazione presenti.

Clicca qui per seguire l’edizione in Google News

Copyright©2018 Seremailragno.com by Michele Paoletti – michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Il nuovo motore di ricerca Google Dataset Search: come scovare account fake


Cos’è?

Google lancia la versione beta di Google Dataset Search, un motore di ricerca ideato per scienziati e giornalisti, che permette una ricerca mirata in grado di aiutare a trovare i dati necessari per portare avanti il proprio lavoro o semplicemente per soddisfare la propria curiosità intellettuale.

Questo nuovo motore di ricerca funziona in modo simile al già famoso Google Scholar, popolare nei settori di ricerca per studi e rapporti accademici. Dataset Search consente agli utenti di trovare dataset (collezione di dati) memorizzati su migliaia di repository (ambienti in cui vengono gestiti i metadati) sul Web, rendendoli universalmente accessibili e utili.

Google Dataset Search

Vediamone un esempio pratico

Scriviamo nella barra di ricerca un personaggio politico, ad esempio Luigi Di Maio:

Luigi di Maio

Ci escono dei dataset forniti dall’autore Domenico Delle Side che contengono i campioni di utenti dei principali leader politici degli ultimi anni ovvero Matteo Renzi, Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Il contributo di Domenico era volto a scovare i follower fake durante la campagna elettorale per cercare di capire come influenzano l’opinione pubblica.

Italy recently went through elections for the member of parliament (two houses). On February 9-11, 2018, I downloaded from twitter a sample of the followers of the main italian politicians: Matteo Renzi, Matteo Salvini and Luigi Di Maio. My aim was to quantify the extent of fake followers among such politicians.

In particolare per ogni utente sono stati scaricati:

  • nome dell’account
  • descrizione
  • data creazione account
  • numero di tweet
  • numero di follower
  • numero di amici
  • url della foto profilo

Per ogni politico, i seguaci sono stati organizzati in ordine cronologico inverso. In sostanza possiamo vedere l’evoluzione dei tweet (il trend) andando a selezionare in ordine crescente o decrescente le varie impostazioni.

Clicca qui per seguire l’edizione in Google News

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Arriva la fake news delle elezioni politiche 2018: troppo scontata


Di fake news ne abbiamo viste molte e di qualità variabile. La credibilità di una fake news è spesso legata dalla credibilità del personaggio/profilo che la twitta. In questo caso il profilo fake ha reso la notizia immediatamente non attendibile. Parte tutto dall’account Twitter di nome Russian Twe che ha iniziato a trollare con un messaggio palesemente ridicolo seguito da diversi screenshot con l’hashtag #SorosLega5Stelle:

“La Bonino e Repubblica c’era da aspettarselo, ma Lega e 5 stelle nessuno si aspettava che fossero finanziate da Soros. Ecco il perché di molti passi indietro di questi due partiti”

Russian Twe

Si scatenano così tutti i Troll fedeli a Casapound #SorosLega5Stelle finisce in tendenza:

SorosLega5Stelle

Alle 13:00 circa arriva il picco di tweet con un tasso di 740 tweet/20 minuti, poi va a scemare ma il sentiment rimane alto:

Grafici

SorosLega5Stelle tweet

Oravotocasapound

Votazioni Politiche

Anche la Croata Nina Moric ci mette il carico come suo solito (poi si accorge di aver fatto la cazzata e cancella):

Nina Moric

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.comAll rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.