Vi spiego perché è impossibile prevedere il meteo dalle cipolle – Fake news storiche


Intro: alcune persone credono che la cipolla possa essere una sfera di cristallo in grado di predire il futuro temporale. Ogni vigilia di Capodanno, questi “auto-eletti” tagliano una cipolla in 12 pezzi con delle forme concave simili a delle “ciotole” e aggiungono un cucchiaino di sale a ciascuna. Ogni “ciotola” rappresenta un mese dell’anno successivo. Al mattino, alcune delle cipolle sono piene d’acqua. Le cipolle che sono bagnate indicano quali mesi saranno piovosi il prossimo anno.

Meteo Cipolla
La cipolla prevede il futuro nell’immaginario collettivo.

Da quanto detto sopra è evidente che ci portiamo ancora dietro aspetti della subcultura contadina tramandati di generazione in generazione. La tradizione, l’usanza e l’uso protratto nel tempo conferiscono a questi metodi una forte credibilità popolare; sono talmente credibili che certe volte tutti li danno per scontati. Nei tempi che furono dato l’elevato tasso di analfabetismo e la mancanza di informazione nessuno poteva smentire e diffondere la realtà dei fatti. Mi ricordo nonna Gentilina quando mi toglieva l’invidia con acqua e olio recitando parole non rivelabili a bassissima voce e mi metteva il sale grosso in tasca per tenere lontane le persone invidiose. E me ne ricordo anche altre di credenze prive di fondamento logico che circolavano in quei tempi e che ora fanno sorridere. C’era una certa Dina Cuccù che toglieva i vermi dalla pancia! Ca**o ancora mi ricordo il nome e cognome perché era scritto nell’agenda come Cuccù Dina Vermi e mi rimase veramente impresso in quanto lo leggevo come Cuccùdina e mi faceva sbellicare dal ridere quel suono onomatopeico strambo. Eravamo piccoli e andavamo da questa che non so quante mila lire spillava, ci metteva una pentola sopra la pancia, ci impediva la visione con un asciugamano e buttava qualcosa che saltellava e faceva rumore ad emulare la morte dei vermi interni alla pancia. Ne è passata di acqua sotto i ponti e anche se i vecchi ricordi sono sbiaditi a me sembravano palline di qualche tipologia di metallo.

Cipolla gif
Pedro nel programma di Amadeus usa la cipolla per prevedere la sua uscita dal programma.

Ma ora torniamo ai nostri tempi con la razionalità, le formazioni e le informazioni acquisite negli anni. Gli organi di stampa locale (purtroppo) su queste cose vanno a nozze perché conoscono la massa popolare che sui social ha raggiunto oramai anche i settantenni; tali notizie fake non vengono ancora riconosciute come tali e fanno fare un bel po’ di click sul sito dove si guadagna rank e soldi grazie anche alle pubblicità. Le previsioni meteo dalle cipolle sono ancora credibili dalla massa impregnata e ancora ben radicata nel territorio (ancora per poco visto che parecchi se ne vanno e lasciano le radici). Ecco quindi l’importante messaggio da divulgare:

Le previsioni meteo (addirittura dell’intero anno) valutate tagliando le cipolle a fette non hanno alcuna base logica ne tanto meno scientifica. Ergo: ogni notizia riportata dai quotidiani cartacei e online su tale argomento rappresenta una fake news, cioè una notizia falsa, non veritiera. È solo grazie alla credibilità delle fake news storiche-popolari e alle testate giornalistiche che molte persone continuano ancora a credere alle previsioni meteo dalle cipolle. In natura, secondo la fisica newtoniana, l’effetto non può precedere la causa (principio di causalità). L’effetto della cipolla non si può verificare prima della causa scatenante (le temperature rigide, il caldo, la siccità, l’umidità, ecc…). Potremo vedere casomai, se proprio vogliamo sforzarci di credere in qualcosa, l’effetto sulla cipolla una volta che la causa si è scatenata, ovvero a posteriori. Pertanto in natura predire la causa conoscendo l’effetto sulla cipolla è empiricamente assurdo (concettualmente possibile secondo Dummett e la metafisica) non solo in termini logici ma anche in termini fisici (ma non fidatevi di me, cercate voi stessi). La cipolla non ha un chip interno, la cipolla non ha elettronica e non ha memoria del meteo degli ultimi 50 anni, quindi neanche con un algoritmo predittivo implementato riuscirebbe a prevedere un cazzo di nulla non conoscendo lo storico. Credete forse che una cipolla sia più potente di un super computer e delle centinaia di migliaia di algoritmi dei centri di previsione meteo di tutto il mondo? Basta strumentalizzare la cipolla. Se la cipolla avesse effetto sul futuro voi piangereste ancor prima di vederla e tagliarla senza sapere perché. Invece voi piangete mentre la tagliate perché il vostro pianto è l’effetto che la cipolla ha su di voi. Principio di causa-effetto. Non esiste mica il principio di effetto-causa. Nella storia della filosofia, nella scienza e nel senso comune il concetto di causa assieme a quello connesso di causalità o relazione causale indica la relazione tra due fenomeni (o classi di fenomeni), nel caso in cui il primo fenomeno, detto causa, è motivo di esistenza del secondo, detto effetto. La teoria della relatività speciale di Einstein, il credo universale della comunità scientifica, asserisce che nessun oggetto può viaggiare con una velocità maggiore di c, e su questa affermazione si basa l’impossibilità che un effetto riesca a manifestarsi prima della causa che lo ha generato. La domanda se un effetto possa precedere la causa fu posta in un convegno del 1954

La diffusione della fake news storica è supportata anche dalla stampa internazionale e non è raro trovare qua e la articoli che parlano di cipolle e sale:

Previsioni meteo cipolle
[1] Riferimento a fine pagina
I social network hanno contribuito a distruggere il giornalismo; infatti a causa della concorrenza si è disposti a sparare fake news credibili pur di avere like e condivisioni, contro l’ordine deontologico del giornalismo che dovrebbe fare esattamente l’opposto ovvero informare e debellare queste credenze popolari infondate.

Emanuela Forlini l’insegnante elementare che a Urbania “legge” le cipolle come le hanno insegnato il padre ed il nonno dice cose casuali (badate bene la differenza tra casuale e causale) che oltretutto cozzano con il suo ruolo da insegnante. Essendo affermazioni casuali a differenza della causalità naturale, potrebbero verificarsi. E se si rimane sul vago si verificano praticamente sempre (ho visto il video in cui dice in questo mese potrebbe nevicare, grazie al cavolo! Se sai leggere le previsioni il condizionale non lo usi. E poi non si specifica lo spazio, cioè dove si verificherà? Mediamente? Su una regione? In montagna? Sulla costa?). Un altro effetto mentale che contribuisce alla credenza è il ricordo: se per casualità si verifica l’evento predetto è più probabile che ti ricordi della previsione fatta e l’associazione rafforzerà la credibilità, mentre se non si verifica è più probabile che non ricorderai la previsione detta e quindi la previsione errata non intaccherà la credibilità semplicemente perché rimane nel dimenticatoio. Il cervello tende a ricordare maggiormente ciò a cui si crede perché si associano emozioni che non si assocerebbero altrimenti. Ecco perché se vuoi far ricordare una cosa ad una persona prima devi far credere a quella persona che quella cosa sia assolutamente vera e questo viene fatto dalla suggestione emanata dagli organi di stampa. La suggestione è alla base dell’ipnoterapia come ampiamente descritto da Milton H. Erickson uno dei maggiori ipnotisti e studiosi di ipnosi dell’ultimo secolo.

Finale: tale credenza popolare fa parte proprio della cultura contadina dove le notizie e ma anche le fake news si tramandavano di generazione in generazione. Possiamo dire che il Facebook di oggi equivale alla temporalità generazionale di ieri. La differenza tra le generazioni è legata alla velocità e al tempo. La velocità è incrementata notevolmente riducendo il tempo di trasmissione delle informazioni insieme alla capacità di immagazzinamento. Tempo, velocità e spazio sono variabili tra loro strettamente legate e notevolmente mutate negli anni. La fake news è sempre esistita e sempre esisterà solo che ieri era più credibile perché non si avevano i mezzi per smentirla mentre oggi non è più tollerabile visti i mezzi di comunicazione presenti.

Prendiamo un altro esempio del quotidiano dailymail che spara il titolo con suggestione ‘predicts the future’ (e lo mette tra apici perché anche loro sanno che è una stronzata) e poi rafforza la suggestione con hasn’t got a forecast wrong in 60 years (senza alcuna prova scientifica sul fatto che non abbia mai sbagliato in 60 anni. Chi lo dice? Se lo dice lui è chiaro che è in conflitto ed in auto-suggestione, se lo dicono gli amici è suggestione pura. Non esistono prove tangibili e comprovate rispettando il metodo scientifico sperimentale del buon Galileo):

Predicts the future
[2] Riferimento
Reference:

[1]  WEGNER, Ronnie. Onions and Salt Predict the Weather. Ranch and Rural Living, 2009, 90.5: 23.

[2]

Clicca qui per seguire l’edizione in Google News

Copyright©2018 Seremailragno.com by Michele Paoletti – michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

Studio Aperto incita all’odio e al pregiudizio razziale


Queste sono le parole dei “giornalisti” : una violenta rissa anche in un altro centro di accoglienza, ovvero una scoppiata per la tv. Mica il permesso di soggiorno o un posto di lavoro, no adesso la rivolta è per il calcio. Le partite di pallone da seguire davanti alla tv. I profughi ospitati a Roncolevà nel basso Veronese non sono più disposti ad aspettare. Niente televisivo calcio d’inizio? E allora sia la protesta ad iniziare. Nelle immagini del quotidiano l’arena di Verona la manifestazione per fortuna pacifica inscenata davanti ai cancelli della casa d’accoglienza. Un tetto, un letto, un pasto caldo non bastano più.

Quello che chiediamo, dicono i migranti, è di poterci finalmente rilassare davanti alla pay tv

Cartelli, uno striscione e i carabinieri a vigilare. Il sit in è durato alcune ore fino a quando giunto il momento della consegna pasti gli AFRICANI, ci sono altri digiuni a cui pensare, hanno deciso di sospendere la loro protesta che non riguarda il solo calcio. I profughi chiedono venga adeguato e migliorato il menu proposto nella casa. Stanchi dei piatti di carne pretendono vengano servite più pietanze a base di pesce fresco. Vedremo adesso se la cooperativa di Vercelli vorrà soddisfare la lista di richiesta. La prima risposta è stata no.

L’articolo di larena.it ha un tono molto pacato e ben diverso da quanto riportato da Studio Aperto che aggiunge elementi carichi d’odio e non conformi alla realtà dei fatti, come la frase insensata e provocatoria “ci sono altri digiuni a cui pensare”. Inoltre non tutti hanno sospeso la protesta per andare a mangiare come dice l’arena.it. Questi toni viziati di Studio Aperto che utilizza la solita voce ansiosa per i medesimi servizi provocano nelle masse odio, rabbia e rancore. Per tale motivo questo è un “telegiornale” di bassi fondi, fazioso, strumentalizzante, con mancanza di fonti e con notizie inesatte e non corrispondenti a realtà. Per Studio Aperto si evince chiaramente come il problema non siano le Coop (società il cui unico scopo è la massimizzazione del profitto a discapito dei malcapitati) ma i migranti. Questo “gioco” di incitamento all’odio a discapito della civile convivenza è chiaramente un vantaggio per le cooperative o chiamatele anche aziende di esseri umani poiché il problema, esposto sotto questo punto di vista mediatico, non ricade su di loro ma sui loro beni immateriali vessati dal popolo ingannato dall’informazione manipolata. È così che cade a terra il seme dell’odio, da un semplice servizio giornalistico deviato, e così nuovi germogli intaccano l’equilibrio sociale, spingendolo a rivolte spesso violente. La violenza alimenta violenza, il clima si incendia e l’odio incrementa.

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Bitcoin: correlazione tra volume di ricerca e valore di mercato


Premessa: parlare di Bitcoin o in generale delle criptovalute esula dallo scopo di questo articolo. Si vuole focalizzare l’attenzione sulla correlazione (evidente) tra andamento delle ricerche nei Search Engine (volume di ricerca) andamento del titolo in borsa (valore di mercato). Analizzando il confronto tra i due grafici vediamo come la curva nel tempo,pur essendo riferita nel primo caso al tasso delle ricerche e nel secondo caso al valore del titolo,subisce un andamento simile:

Bitcoin Andamento

Andiamo perciò a creare una sovrapposizione molto “spartana” con un programma di grafica giusto per avere un’idea migliore:

Popolarità e valore dei Bitcoin

Il volume delle ricerche è correlato all’informazione divulgata.Oggi molto più di ieri con Internet l’informazione (sempre più veloce e real-time) ha un ruolo preponderante nel far oscillare i prezzi del mercato. Una fake news diffusa globalmente può avere risultati molto più deleteri di quanto possa essere una real news proprio perché la notizia falsa è creata ad hoc per destabilizzare il “sentiment”,la parte irrazionale dell’individuo. L’informazione è essa stessa un bene immateriale da cui poter trarre un profitto economico materiale. L’astrattismo della parola influenza la realtà dei fatti. Cos’è il potere se non la capacità di manipolare,gestire e controllare le masse?Con i soldi puoi comprare i mezzi di informazione con i quali ampliare il potere (vedi un noto politico italiano ancora in politica). Essere “padrone” dell’informazione e quindi trarne un considerevole profitto economico,prestigio,credibilità,fama,notorietà si traduce in potere. Chi governa l’informazione,può decidere di investire su un bene/servizio prima di divulgare la notizia al grande pubblico conoscendo gli effetti del mercato. Se l’informazione è riservata e quindi non può essere pubblicata ma si specula comunque allora si parla di insider trading (=lo sfruttamento di informazioni non di dominio pubblico, la cui divulgazione avrà effetti nelle quotazioni di titoli, per effettuare operazioni in Borsa traendo vantaggio dalla loro conoscenza anticipata).

Spesso la parola insider trading compare nei casi di conflitto d’interesse. Riuscire ad ottenere informazioni riservate è una grande fonte di guadagno economico perché permette di investire anticipando le oscillazioni del mercato. Allora diventano chiari alcuni casi all’apparenza insensati. Se da una parte ci sono giornali e giornalisti che pagano fior di quattrini per “estorcere notizie in esclusiva”,dall’altra parte negli ultimi anni si sono visti diversi casi sospetti di fuga di notizie,casualità o una messa in scena per far oscillare i mercati e speculare?

Copyright©2018 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Il MORBILLO,il CARTELLO,la SPIEGAZIONE


Questo cartello apparso qualche giorno fa su Facebook è diventato virale. Cercheremo di rispondere quindi al perchè della viralità. Sono state sottolineate le frasi con colori differenti per essere analizzate singolarmente.Il cartello recita:

I pediatri dello studio medico “G. Galilei”,il papà e la mamma del piccolo bambino ricoverato all’ospedale “Salesi”, in condizioni critiche perchè contagiato dal morbillo ringraziano sentitamente i genitori che non vogliono vaccinare i propri figli consentendo il dilagare di una malattia che nel 2017 sarebbe dovuta essere estinta!!!

  1. I pediatri dello studio medico “G. Galilei” , risponde alla domanda: chi?I pediatri rappresentano quindi il soggetto principale della frase.I pediatri ricoprono un ruolo principe nella scrittura diretta o indiretta del cartello, altrimenti i soggetti principali sarebbero stati la mamma e il papà.Ma il fatto che si specifichi dello studio medico “G. Galilei” implica due aspetti fondamentali: la pubblicità rivolta allo studio medico in considerazione (poteva essere evitata scrivendo semplicemente di ….  studio medico?In buona o cattiva fede resta comunque pubblicità) e il fatto che non tutti i pediatri la pensino allo stesso modo, perchè questo è il pensiero del sottoinsieme dei pediatri ovvero solo dei pediatri dello studio medico “G. Galilei” .
  2. Il papà e la mamma del piccolo bambino, sono i soggetti secondari “coperti dall’ombra” dei pediatri dello studio medico “G. Galilei”. Notate bene che non c’è scritto  “i genitori del piccolo bambino” ma “il papà e la mamma del piccolo bambino, ovvero si specifica la genitorialità della famiglia comune.Questo aspetto sottolinea  che tale separazione vuole mettere inconsciamente su due piani differenti i ruoli svolti dai genitori.In particolare papà si trova prima di mamma e questo mette in risalto il ruolo fondamentale del padre.Probabilmente il cartello è stato scritto da un’unica persona (la mamma?) che ha riconosciuto il marito come l’uomo capace di prendersi cura di tutta la famiglia.Il piccolo bambino indica il sesso ma non rivela l’età.Quanto piccolo?
  3. Ricoverato all’ospedale “Salesi”, specifica nuovamente dove si trova il piccolo,una forma inconscia per ringraziare il personale del Salesi di essersi presi cura del loro figlio.
  4. In condizioni critiche, esprime la tragicità.Invoca attenzioni.
  5. Perchè contagiato dal MORBILLO, è una delle frasi chiave che non può spiegare una cosa: il soggetto che ha contagiato il piccolo dal MORBILLO.Il colpevole è il morbillo o il portatore del morbillo?Sicuramente non è il morbillo e lo si vede dalla “cura maniacale” con cui la parola MORBILLO è stata evidenziata in grassetto.Mi ricorda un po le epidemie di peste e il trattamento degli appestati nel lazzaretto dei promessi sposi.
  6. Ringraziano sentitamente i genitori che non vogliono vaccinare i propri figli, è secondo me, ciò che ha scatenato la viralità del cartello.Questa è la frase veicolo.Rappresenta il sarcasmo misto a odio e incapacità di trovare un colpevole o una motivazione per ciò che è successo.L’uomo ha bisogno sempre di una motivazione del proprio destino.Non trovare la giusta motivazione significa scaturire tante di quelle domande su Dio e sull’esistenza da poter finire inghiottiti nel vortice dell’incomprensione.La motivazione (quello che negli omicidi viene chiamato movente) di ciò che è successo,il colpevole (quello che negli omicidi viene chiamato assassino) e la comprensione degli altri (quella che negli omicidi viene chiamata giustizia);sono quindi tre gli aspetti cruciali dell’individuo umano.Quando puntiamo il dito contro qualcuno e lo accusiamo ci sentiamo meglio,ci liberiamo dalla rabbia incatenata nel nostro corpo.Questa frase è un veicolo molto pericoloso.E’ una miccia accesa pronta ad esplodere.Chi ha scritto il cartello ha trovato la motivazione,il colpevole e la comprensione successiva.Secondo lui o lei i colpevoli sono tutti i genitori che non vogliono vaccinare i propri figli.La motivazione è dettata dall’ignoranza intesa come mancanza di conoscenza. Perchè?Perchè come dicono i risultati empirici,le statistiche,gli studi,anche i figli vaccinati possono contrarre il morbillo e anche i figli vaccinati possono trasmettere il morbillo (link alla ricerca).Non la trovo una frase sarcastica ma una frase dettata dalla mancata conoscenza e se proprio devo dirla tutta irrispettosa nei confronti dei genitori i cui figli sono stati “rovinati” proprio dai vaccini (in generale) e mai riconosciuti ufficialmente dallo Stato.
  7. Consentendo il dilagare di una malattia che nel 2017 sarebbe dovuta essere estinta!!!E’ il colpo finale,è la seconda frase veicolo virale.L’ultima scarica di rabbia.Gli ultimi 3 punti esclamativi sanno di vaffanculo,vaffanculo,vaffanculo tutta colpa vostra!

Bene si conclude l’analisi,abbiamo imparato 3 cose importanti di cui ha bisogno l’uomo:la motivazione,il colpevole e la comprensione.

morbillo al microscopio

Questa immagine al microscopio elettronico mostra la struttura di una singola particella virale, o “virione”,del virus del morbillo(FONTE:fonte immagine)

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.