Monte Urano: incidente stradale


Incidente Stradale Monte UranoErano circa le 21:10 quando ho sentito il classico rumore da scontro automobilistico (oramai ho quasi fatto l’orecchio). Mi sono affacciato e ho iniziato a correre verso l’incidente. Fortunatamente tutti stavano bene, anche se una ragazza aveva una leggera contusione al volto dovuta allo scoppio dell’airbag, ma la dinamica è sempre la stessa: molti non fanno lo Stop di Contrada San Giovanni (Monte Urano). L’ultimo scontro del genere risale a poche settimane fa, più o meno stesso orario, stesso posto, stessa dinamica e fortunatamente nessun ferito. Ora se un incidente all’anno può essere disattenzione, distrazione, toh mettiamo anche la sfiga, tutti questi casi dovrebbero far scattare il campanello d’allarme perché la statistica non mente. Oltretutto quando arriva la pioggia la situazione peggiora ulteriormente per via della perdita di attrito. Bisogna intervenire per garantire una maggiore sicurezza in questo punto critico per la città prima che ci esca il morto. Il morto che purtroppo c’è stato nella curva circa 20 metri prima dello Stop dove perse la vita a soli 42 anni Elisabetta Vallasciani e dove anch’io provai l’ebrezza di fare il tornante sottosopra una decina d’anni fa (posso quindi affermare anche per esperienza/distrazione personale che la discesa di San Giovanni va rivista da un punto di vista della sicurezza stradale). La soluzione potrebbe essere l’utilizzo di una segnaletica più efficiente in grado di potenziare l’attenzione del conducente:

  1. Partire dalle strisce bianche di separazione della carreggiata che mancano proprio per un bel tratto (non sono state rifatte quando è stato apportato il manto stradale).
  2. Il segnale di Stop verticale per motivi di collocazione si trova circa 3/4 metri prima del segnale di Stop situato a terra. Questo può creare sicuramente confusione mentale nel conducente sopratutto se non è pratico della zona. Una segnalazione luminosa potrebbe essere la giusta soluzione.

Incidente Stradale Monte Urano San Giovanni

Clicca qui per seguire l’edizione in Google News

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

Il nuovo motore di ricerca Google Dataset Search: come scovare account fake


Cos’è?

Google lancia la versione beta di Google Dataset Search, un motore di ricerca ideato per scienziati e giornalisti, che permette una ricerca mirata in grado di aiutare a trovare i dati necessari per portare avanti il proprio lavoro o semplicemente per soddisfare la propria curiosità intellettuale.

Questo nuovo motore di ricerca funziona in modo simile al già famoso Google Scholar, popolare nei settori di ricerca per studi e rapporti accademici. Dataset Search consente agli utenti di trovare dataset (collezione di dati) memorizzati su migliaia di repository (ambienti in cui vengono gestiti i metadati) sul Web, rendendoli universalmente accessibili e utili.

Google Dataset Search

Vediamone un esempio pratico

Scriviamo nella barra di ricerca un personaggio politico, ad esempio Luigi Di Maio:

Luigi di Maio

Ci escono dei dataset forniti dall’autore Domenico Delle Side che contengono i campioni di utenti dei principali leader politici degli ultimi anni ovvero Matteo Renzi, Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Il contributo di Domenico era volto a scovare i follower fake durante la campagna elettorale per cercare di capire come influenzano l’opinione pubblica.

Italy recently went through elections for the member of parliament (two houses). On February 9-11, 2018, I downloaded from twitter a sample of the followers of the main italian politicians: Matteo Renzi, Matteo Salvini and Luigi Di Maio. My aim was to quantify the extent of fake followers among such politicians.

In particolare per ogni utente sono stati scaricati:

  • nome dell’account
  • descrizione
  • data creazione account
  • numero di tweet
  • numero di follower
  • numero di amici
  • url della foto profilo

Per ogni politico, i seguaci sono stati organizzati in ordine cronologico inverso. In sostanza possiamo vedere l’evoluzione dei tweet (il trend) andando a selezionare in ordine crescente o decrescente le varie impostazioni.

Clicca qui per seguire l’edizione in Google News

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.