Self publishing: come pubblicare autonomamente il tuo libro


Premessa

Se hai provato almeno una volta ad informarti su come pubblicare o anche solo cercare un libro ti sei imbattuto sicuramente nel codice ISBN. Che cos’è il codice ISBN? A cosa serve? Devo comprarlo personalmente o mi basta quello che ricevo gratis dalle piattaforme di Self Publishing? Come intraprendere il percorso completo di autopubblicazione? Queste e altre sono le domande tipiche che gli autori indipendenti si fanno quando si trovano ad affrontare questo sconosciuto codice ISBN. Vediamo dunque di fare un po’ di chiarezza nel settore editoriale e di spiegare cos’è il codice ISBN, perché è importante e come ottenerlo. Internet e il mondo digitale hanno rivoluzionato completamente l’editoria. Potremmo dire che la testata giornalistica online sta al blog come la pubblicazione editoriale sta al self publishing. Il libero mercato è entrato anche nel libero pensiero permettendo a tutti oggigiorno di pubblicare un libro cartaceo e/o digitale con tutti i suoi pregi (riduzione dei prezzi, aumento della competizione, aumento dell’offerta) e difetti (riduzione della qualità dei libri, recensioni tarocche spinte dall’oligopolio di multinazionali come Amazon, autori esaltati del marketing, ecc…). Vedremo l’essenziale, non tutto altrimenti bisognerebbe scriverci un libro (mmhh, non male come idea).

Cos’è l’ISBN?

Definizione: L’ISBN è un numero che identifica a livello internazionale in modo univoco e duraturo un titolo o un’edizione di un titolo di un determinato editore.

  1. Il codice ISBN è un codice di 13 cifre suddivise in 5 parti: prefisso mondo del libro (codice 978 o 979 per self publisher), identificativo del gruppo linguistico, prefisso editore, identificativo stato e numero di controllo
  2. Ogni formato del tuo libro deve avere uno specifico codice ISBN (formato cartaceo, formato pdf, formato ebook epub, formato ebook kindle, ecc…)
  3. Anche edizioni diverse di uno stesso libro hanno bisogno di codici ISBN diversi ad eccezione delle ristampe della stessa edizione. Il classico esempio è la divina commedia o i promessi sposi, ve ne sono molte di edizioni riguardanti lo stesso titolo
  4. Da ogni codice ISBN si ottiene un codice a barre che identifica univocamente il vostro libro
  5. In Italia dal Gennaio 2015 anche i self publisher possono ottenere per i propri libri i codici ISBN dall’ente autorizzato ad emettere e vendere codici ovvero l’agenzia italiana ISBN (vedi sito http://www.isbn.it)
  6. Il costo di un singolo codice ISBN dipende dalla quantità dei codici acquistati e dal ruolo editoriale dell’acquirente
  7. I ruoli editoriali dell’acquirente secondo l’agenzia italiana sono quello di: editore, authorpublisher, piattaforma di self publishing, distributore
  8. Il codice ISBN non è obbligatorio ma diventa fondamentale nel momento in cui vuoi distribuire il tuo libro: per inserire il tuo libro nel catalogo dei libri in commercio, per farti trovare, per tutelare il tuo diritto d’autore. Comprare un codice ISBN ti permette di ottenere tutto questo in maniera indipendente da qualsiasi editore
  9. Diffida dai codici ISBN forniti gratuitamente in quanto non ti identificano al 100% come detentore dei diritti del libro a causa dell’aggiunta del codice editoriale da parte di coloro che ti offrono l’ISBN gratuito. Nessuno offre gratis qualcosa nel mondo d’oggi, tanto meno chi lavora nel settore
  10. Per attribuire un codice ISBN a un libro si deve indicare: l’autore del libro, titolo ed eventuale sottotitolo, il formato di pubblicazione, la data di pubblicazione, l’abstract, la copertina

Clicca qui e segui l’edizione in Google News Google News Icon

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

Corsa di Pasquetta e Relive Test: ecco come scaricare i video percorsi 3D gratuitamente


Vi avevamo parlato di Relive in un precedente articolo. Abbiamo testato l’app eliminando le limitazioni imposte. Nella versione free infatti (per i non appartenenti al “club”) non potete scaricare il video finale e non potete aggiungere la musica di sottofondo. Vedremo quindi come fare nei seguenti passi ad aggirare le restrizioni.

  1. Registratevi, collegate l’account ed effettuate la prima attività sportiva
  2. Aprite il video al link che vi è stato spedito per email da Relive contenente il video elaborato
  3. Incollatelo al seguente link ed effettuate il download (avete terminato, seguite i passi successivi facoltativi per migliorare ulteriormente il video)
  4. Scaricate ed installate il software gratuito Avidemux, aprite il video ed eliminate la parte finale
  5. Aggiungete la musica di sottofondo con un qualsiasi programma di editing video
  6. Avrete ottenuto il vostro percorso 3D in maniera gratuita da condividere con i vostri amici!
  7. Segui la Pagina Facebook Garmin Sportwatch Italia per rimanere sempre aggiornato su novità, soluzioni a problemi comuni, test e molto altro…

Garmin Italia Community

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.