Google AdWords si rivoluziona in Google Ads


Vi avevamo già anticipato di come Google sita facendo grandi cambiamenti nella sua piattaforma. La rivoluzione digitale prosegue:

Ti abbiamo inviato questo messaggio perché hai un account AdWords attivo.

All’inizio di questa settimana abbiamo annunciato che Google AdWords sta diventando Google Ads. Il nuovo brand Google Ads comprende l’intera gamma di campagne sulla rete di ricerca, Display, video, app e altro ancora. Grazie a queste risorse, puoi connetterti con un numero maggiore di consumatori che utilizzano Google, nonché i siti e le app dei nostri partner, per trovare informazioni e svolgere varie attività.

A partire dal 24 luglio 2018, inizierai a vedere il nuovo brand Google Ads (inclusi nome e logo) nell’interfaccia del prodotto, nel Centro assistenza, nei documenti di fatturazione e in altri contesti. Inoltre, il nostro URL cambierà da adwords.google.com a ads.google.com.

Non devi fare nulla e i cambiamenti al branding di Google Ads non avranno alcuna ripercussione sulla navigazione, i rapporti o il rendimento delle campagne. Se hai domande o vuoi contattarci, visita il Centro assistenza.

Cordiali saluti,

il team di Google AdWords (a breve Google Ads)

Annunci

Rimozione dalla Ricerca Google ai sensi delle leggi sulla privacy europea


Qual’è il confine dell’informazione digitale? Dove inizia la privacy dell’individuo e/o di una collettività? Dove termina la libertà di espressione? Belle domande, difficili da rispondere data la complessità dell’argomento. Non siamo e non saremo certamente noi a trovare le giuste risposte, ma possiamo mostrarvi cosa accade dopo che qualcuno effettua una segnalazione.

Se ciò accade, vi arriva un’email (o al vostro webmaster) da parte del Google Search Console Team che vi segnala la rimozione nei risultati di ricerca della query (anonima per motivi sempre di privacy) associata all’articolo, nel nostro caso riguardante l’articolo scritto sul caso Melegatti:Notifica di rimozione dalla Ricerca Google

Per completezza questo è il Sito Web per chiedere l’eliminazione dei contenuti dal motore di ricerca: Google Webmaster Tool

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Creare un link per consentire ai clienti di scrivere recensioni in Google


Crea un link su cui i clienti possono fare clic per lasciare una recensione sulla tua attività su Google. Condividere il link con i clienti per incentivarli a scrivere recensioni e valutare la tua attività è facile. Per creare un link, dovrai ottenere l’ID del luogo della tua attività, procedendo nel seguente modo:

  1. Accedi a PlaceID Lookup Tool 
  2. Inserisci il nome della tua attività nel campo “Enter a location” (Inserisci una sede) nella parte superiore della mappa
  3. Fai clic sul nome dell’attività nell’elenco visualizzato
  4. L’ID del luogo comparirà sulla mappa, sotto il nome della tua attività

Aggiungi l’ID del luogo al seguente URL per creare il link:

In base al precedente esempio, l’URL con l’ID del luogo aggiunto sarà il seguente:

Quando i clienti faranno clic sul link, nel loro browser si aprirà una finestra. Potranno così valutare la tua attività e lasciare una recensione.

Tieni presente che le norme per le recensioni di Google My Business non consentono di sollecitare recensioni ai clienti attraverso l’offerta di incentivi o l’allestimento di apposite postazioni presso la sede dell’attività. Le recensioni che violano queste norme potranno essere rimosse.

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Google offre al pubblico i nuovi domini .app


Google ha aperto da qualche settimana le registrazioni dei domini .app, cioè di siti web il cui top-level domain (TLD) ovvero l’estensione finale dopo il punto per intenderci, invece di terminare con i classici suffissi tipo “.com”“.it”,”.org”, ecc…, termina appunto con “.app”.

Pensato per applicazioni e sviluppatori, il dominio di primo livello .app è stato acquistato da Google tre anni fa per 25 milioni di dollari, e ora ne detiene i diritti esclusivi all’uso. L’unico requisito imposto da Google è l’uso del protocollo https, che garantisce più sicurezza e protezione da malware e con un certificato digitale valido e non scaduto. Volete fare un investimento? Acquistate i domini più blasonati prima della concorrenza, per rivenderli sul mercato a prezzi lievitati.

Dominio app

Clicca qui per vedere e riservare il tuo dominio .App

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

 

Come ottenere 75€ di credito in Google AdWords


  1. Collegati alla pagina ed inserisci l’email
  2. Riceverai via email il codice promozionale per ottenere credito pubblicitario
  3. Leggi bene le note di pagina

Promozione AdWords Credito

Note Legali:

** Assistenza gratuita per la configurazione e ottimizzazione della campagna dalle 9 alle 18, da lunedì a venerdì. Offerta limitata ai nuovi inserzionisti residenti in Italia che spendono almeno €10 al giorno. L’assistenza è disponibile solo in italiano ed è soggetta all’approvazione dell’attività commerciale e del sito web. Chiamate gratuite da rete fissa; costi da rete mobile variabili in base al piano tariffario.NOTE LEGALI
*
 
Termini e condizioni per questa offerta:
Nei seguenti Termini e condizioni, “AdWords” potrà indicare, a seconda del caso, “AdWords” o “AdWords Express”.
1. L’offerta è disponibile solamente a clienti con indirizzo di fatturazione in Italia. Ciascun cliente potrà avere un solo codice promozionale.
2. Per attivare questa offerta: Inserisci il codice promozionale nel tuo account prima del 31 Dicembre 2018.
3. Per ottenere il credito promozionale: Dopo aver inserito il codice, le tue campagne pubblicitarie dovranno raggiungere un costo di almeno €25, tasse escluse, entro 30 giorni dall’inserimento del codice promozionale. Effettuare il versamento della somma di €25 non sarà sufficiente per ottenere il relativo credito promozionale che verrà concesso solo una volta raggiunta una spesa effettiva di €25. Il conteggio dei costi pubblicitari per raggiungere €25 inizia dopo che si è inserito il codice.
4. Una volta soddisfatti i requisiti dei punti 2 e 3 che precedono, il credito promozionale, verrà generalmente visualizzato entro 5 giorni nel Riepilogo Pagamenti del tuo account.
5. Sarà possibile utilizzare il credito promozionale esclusivamente per investimenti pubblicitari futuri. Non è possibile usufruire del credito promozionale per coprire costi maturati prima che il codice fosse inserito.
6. Non si riceverà una notifica una volta esaurito il credito promozionale. Costi pubblicitari aggiuntivi verranno addebitati mediante il tuo metodo di pagamento. Se non desideri continuare a fare pubblicità, puoi sospendere o eliminare le tue campagne pubblicitarie in qualsiasi momento.
7. Per aver diritto al credito promozionale, dovrà essere possibile fare addebiti AdWords sul tuo account e tale account dovrà essere operativo.
8. Per Termini e Condizioni complete consultare: http://www.google.it/adwords/coupons/terms.html.

Ti abbiamo inviato questo annuncio di servizio email obbligatorio per aggiornarti in merito a modifiche importanti apportate all’account Google AdWords.

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

Google News e Google Play Edicola si rinnovano in un’unica app


Continua la rivoluzione digitale delle piattaforme Google, con l’obiettivo di migliorare e unificare servizi già esistenti rendendoli più appetibili all’accesso mobile (vi ricordate della velocità mobile e il mobile moment di cui avevamo già parlato? Beh si stanno adeguando, la tua azienda è pronta a questo cambiamento?). Qualche settimana fa avevamo parlato del raggruppamento in Firebase di alcuni servizi digitali come i Google Url Shortner.

Google News Nuova Interfaccia

Siamo quindi lieti di annunciare l’introduzione di una nuova versione di Google News rinnovata nell’interfaccia. Come introdotto durante la conferenza Google I/O, la nuova versione raccoglierà diversi prodotti di notizie di Google già esistenti in un’unica app e web experience migliorata.

Riteniamo che la nuova versione di Google News sarà migliore sia per i consumatori, sia per gli editori. Le sue caratteristiche principali sono che:

  • È veloce
  • Coinvolgente
  • Presenta sia le notizie principali del giorno sia le notizie personalizzate per ogni utente
  • Gli utenti possono seguire le fonti e gli argomenti che preferiscono e acquistare facilmente l’accesso in abbonamento a notizie e riviste

Non devi far nulla per inserire i tuoi contenuti nella versione aggiornata di Google News. Se usi già Google Play Edicola, la versione originale di Google News o video su YouTube, i tuoi contenuti verranno inseriti automaticamente nel nuovo prodotto insieme a tutti i:

  • requisiti di partecipazione
  • le regole aziendali
  • i dati analitici esistenti

Seremailragno.com Notizie

I termini non sono cambiati. Nel corso dei prossimi giorni inizierà l’aggiornamento alla nuova versione di Google News del sito news.google.com sul Web desktop e mobile, nonché dell’app Google Play Edicola su Android e iOS. L’app Notizie e meteo indirizzerà gli utenti alla nuova app Google News.

Puoi visitare il sito informativo relativo alla nuova versione di Google News e il Centro assistenza Google News, nonché prestare attenzione all’arrivo della nuova versione del sito web e dell’app Google News (su Android e iOS).

L’apk (ovvero per piattaforme Android) del nuovo Google News potete scaricarla seguendo questo link. La nuovissima versione di Google News sostituirà sia Google Play Newsstand (ovvero Google Play Edicola), per mobile e desktop, sia l’app Google News & Weather su dispositivi mobile.

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

 

Da Google URL Shortener a Firebase Dynamic Links: URL sempre più intelligenti


Google URL Shortener è un servizio lanciato nel lontano 2009 per aiutare le persone a condividere più facilmente link ed a misurare il traffico online. In gergo tecnico questi sistemi di abbreviazione sono conosciuti con le parole chiave shortner link o collegamenti brevi. La condivisione di link “non pretrattati” comportava:

  • un fastidio visivo e poco attrattivo nei confronti dei consumer dovuto alla lunghezza esagerata di certi URL
  • una mancanza di anonimato nel link condiviso, passibile quindi in alcuni casi, di spam nelle community
  • una difficoltà nel monitoraggio degli utenti “ingaggiati”, ovvero di coloro che avevano cliccato il link (cosa molto utile o meglio indispensabile per avere un feedback sull’interesse)

per questo Google ha introdotto questo semplice e comodo servizio in grado di accorciare l’intero URL, rendendolo meno invadente e più funzionale.

Google Shortner URL

Da allora, sono emersi molti servizi popolari di abbreviazione degli URL e anche i modi in cui le persone trovano i contenuti su Internet sono cambiati radicalmente, dalle pagine Web principalmente desktop alle app, ai dispositivi mobili (Mobile Moment), agli assistenti domestici (vedi Google Home) ed altro ancora. L’evoluzione tecnologica non si arresta e di conseguenza c’è bisogno anche di rinnovare le piattaforme web per lo sviluppo. Per tale motivo il supporto per goo.gl verrà sostituito con Firebase Dynamic Links (FDL). I FDL sono URL intelligenti che consentono di inviare utenti esistenti e potenziali a qualsiasi posizione all’interno di un’app iOS, Android o Web. “Siamo entusiasti di crescere e migliorare il prodotto”, dicono gli sviluppatori Google. Mentre la maggior parte delle funzionalità di goo.gl alla fine verranno disabilitate, tutti i collegamenti esistenti continueranno ad essere reindirizzati verso la destinazione prevista. A partire dal 13 Aprile 2018:

  • utenti anonimi 
  • utenti che non hanno mai creato collegamenti brevi prima del 13 Aprile 2018

non saranno in grado di creare nuovi collegamenti brevi tramite la console goo.gl. Se stai cercando di creare nuovi link brevi, ti consigliamo di consultare i servizi più popolari come Bitly e Ow.ly in alternativa al più blasonato ed ex goo.gl. Se disponi già di link brevi goo.gl esistenti, puoi continuare a utilizzare tutte le funzionalità della console goo.gl per un periodo pari ad un anno, ovvero fino al 30 Marzo 2019, quando si interromperà definitivamente la console goo.gl. Puoi gestire tutti i tuoi link brevi e le loro analisi attraverso la console goo.gl durante tutto questo periodo. Dopo il 30 Marzo 2019, tutti i collegamenti continueranno ad essere reindirizzati verso la destinazione prevista. I tuoi link brevi esistenti non verranno migrati alla console Firebase, tuttavia, potrai esportare le informazioni dei tuoi link dalla console goo.gl. Per gli sviluppatori a partire dal 30 Maggio 2018, solo i progetti che hanno accesso alle API di Shortener di URL possono creare collegamenti brevi. Per creare nuovi collegamenti brevi, consigliamo le API FDL. I collegamenti brevi FDL sono ancora più intelligenti in quanto rileveranno automaticamente la piattaforma dell’utente e invieranno l’utente al Web o alla tua app, a seconda dei casi. Per gli sviluppatori che desiderano migrare su FDL, possono consultare la guida alla migrazione di Google. Come per i consumer, tutti i collegamenti continueranno a reindirizzare verso la destinazione prevista anche dopo il 30 Marzo 2019, tuttavia, i collegamenti brevi esistenti non verranno migrati alla console API di Firebase.

Copyright©2018 https://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.