Nuovi Badge in arrivo per le Local Guides


I nuovi badge stanno presto arrivando per tutte le Local Guides di Google, ma vi è un ritardo in Google Maps per quanto riguarda la piattaforma Android. Restate sintonizzati per avere ulteriori informazioni nelle prossime settimane. Ti piace fotografare? Rivedere i luoghi che hai visitato e rivisiterai? Esplorare nuove aree, o aggiungere dettagli su luoghi che frequenti, per aiutare gli altri a muoversi?Le guide locali condividono le loro conoscenze in molti modi,dalla recensione alla foto fino ad arrivare al video. Ecco perché si stanno introducendo i nuovi badge per riconoscere i diversi tipi di collaboratori principali su Google Maps ed assegnare loro un distintivo per onorarlo delle sue capacità. In particolare i distintivi saranno cinque:

Recensore (Reviewer)
Guadagnerai questo distintivo scrivendo recensioni dettagliate che aiutano la gente a decidere dove andare.Reviewer Local Guides.jpgFotografo (Photographer)
Questo distintivo è per la condivisione di foto dei luoghi, in modo che altri possano vedere il mondo in Google Maps.

Photographer Local Guides.jpg

 

Esploratore (Trailblazer)
Ecco il badge di esploratore. Guadagna per essere il ​​primo ad aggiungere, rivedere o scattare una foto di un luogo non ancora presente.

Fact Finder Local Guides

Controllore di dati (Fact Finder)
Guadagna questo distintivo controllando i dati, effettuando modifiche e rispondendo a semplici domande sui luoghi, per aiutare le persone a trovare le informazioni giuste su Google Maps.

Condividendo di più potrai ottenere badge di livello più alto. Ad esempio, un fotografo novizio può diventare un fotografo esperto e quindi raggiungere il titolo leggendario come un master fotografo. Anche i tuoi contributi passati verranno presi in considerazione, in modo che alcuni di voi abbiano già raggiunto tale status!

Questa funzionalità è in fase di elaborazione ed uscirà nelle prossime settimane. Per verificare se è presente ora sul tuo dispositivo, vai a “I tuoi contributi” in Google Maps per Android o iOS. Lì, vedrai il tuo progresso verso ogni distintivo. Tocca ciascuno per vedere come guadagnare la versione più avanzata del tuo nuovo distintivo.

Distintivi Local Guide.png

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

 

 

Annunci

I segreti dietro la SEO di Google [parte 1]


Iniziamo dal titolo.Se qualcuno vi svela i segreti nascosti dietro la SEO di Google o è un impostore, il che riguarda la maggioranza dei casi o lavora proprio nel settore e nella multinazionale,e in questo caso sta commettendo un reato per divulgazione non permessa.Vi dico subito di non far parte di queste due categorie,mi piace essere chiaro,molto chiaro.La categoria a cui appartengo è quella di coloro che cercano di capire.Quanto affermerò in seguito deve essere considerato come ipotesi non come certezza ed in quanto tale va presa con le dovute precauzioni del caso.Badate bene a chi vi vende certezze,è solo marketing.Quando si parla di SEO Google di preciso nessuno sa come funziona in quanto gli algoritmi sono fortemente complessi e molto variabili nel tempo , ma si può risalire al modo di pensare dell’algoritmo partendo dai risultati ottenuti nelle ricerche SERP.  Un po’ come fanno gli ingegneri di reverse engineering (ingegneria inversa) quando debbono copiare un dispositivo prodotto da altri concorrenti avendo a disposizione solo l’oggetto senza conoscere il suo schema di funzionamento. Attenzione però non vi basta andare direttamente nel motore di ricerca e digitare quello che volete analizzare(una parola chiave,una query) poiché Google vi ha già “schedati” e “memorizzati” modificando quindi i risultati di ricerca in base alle vostre preferenze/esigenze e cronologie temporali memorizzate dal browser nella sua memoria interna(non a caso si chiama Search Engine Optimization, tutto ruota nell’ottimizzazione). Google vi ha studiato e ha ottimizzato i risultati più consoni alle vostre esigenze. Per poter quindi fare un’analisi “incontaminata” dalle precedenti ricerche dobbiamo prima di tutto svuotare la cache nelle impostazioni del browser e successivamente sempre dalle impostazioni di Google Chrome avviamo nuova finestra di navigazione in incognito. Da qui in poi i nostri risultati nelle ricerche non terranno conto del passato e quindi non modificheranno il futuro. Siamo in completo anonimato come se fossimo un utente qualsiasi del web in cerca di qualcosa e naturalmente speriamo che quel qualcosa ci conduca al nostro sito. Ma come diavolo fa Google a posizionarci? Se non possiamo dare una risposta precisa e dettagliata a questa domanda possiamo immaginare quali siano i parametri principali da tenere in considerazione che rappresentano la traduzione in termini numerici del comportamento degli utenti nel vostro sito: tempo di permanenza , frequenza di rimbalzo, numero di pagine visualizzate, etc. etc . Ovvero uno dei primi compiti di Google è quello di fungere da vero e proprio trasduttore. Un trasduttore in fisica non è altro che un componente in grado di trasformare/convertire un segnale di un certo tipo in un segnale di un altro tipo al fine di poter essere studiato. I sensori sono tutti dei trasduttori,basti pensare al sensore di temperatura che trasforma il livello di temperatura in un livello di tensione elettrica (un’ampiezza di tensione). Una cosa simile fa Google convertendo dei segnali comportamentali (il comportamento degli utenti sul sito visitato) in parametri numerici capaci di essere trattati,rielaborati,studiati. Dopo aver effettuato la trasduzione sarà compito dell’algoritmo di fare i calcoli ed analizzare un numero elevato di parametri che alla fine ci debbono dare come risultato una posizione nel motore di ricerca. La velocità dei cambiamenti nel mondo di internet è veramente impressionante e quindi per stargli dietro l’algoritmo deve essere altrettanto “bravo” da analizzare i dati nel miglior modo ottimizzato possibile al fine di assicurare all’utente la migliore approssimazione possibile al livello di informazione richiesta. Un motore di ricerca di successo è quello che da all’utente ciò che l’utente cerca(nel migliore dei casi) o ciò che di più si avvicina a quello cercato dall’utente.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore

Sito Web con Google My Business


In questi ultimi giorni si è parlato molto di un’importantissima novità di Google My Business: il sito web.
Google My Business è studiato per dare visibilità alle attività commerciali, anche a quelle piccole.Un fornaio, un artigiano, un giornalaio di un piccolo paese potrebbero non pensare mai di investire in un sito web.Ecco allora che Google viene in soccorso, proponendo in pochi clic la realizzazione un piccolo sito!

In molti hanno ricevuto un’email da parte del team di Google My Business con l’invio a creare il sito.Se qualcuno non dovesse averla ricevuta, ecco come fare!
Dall’ interno del pannello al clic su “gestisci sede” dalla visualizzazione a schede, (oppure dai 3 pallini) troveremo il solito menù sulla sinistra, ma con una voce in più: sito web.

Sito web Google my Business.png

Google elaborerà un template di base, con le informazioni presenti nella scheda:

  • Nome dell’attività
  • Categoria
  • Orari di apertura
  • Contatti
  • Immagini e così via

Potremo poi personalizzarlo scegliendo tra i diversi temi e colori.
Un’altro fattore importante è il testo, dobbiamo raccontare chi siamo, la storia della nostra attività.Sarà una sola pagina sviluppata in verticale, dove ci sarà una sorta di copertina con alcuni contatti, seguita poi dalla descrizione dell’attività e infine la mappa con gli orari di apertura e di nuovi tutti contatti. Il sito resterà in bozze, (sarà visibile solo a noi dall’interno del pannello) finchè non ne confermeremo la pubblicazione.
In quel momento dovremo scegliere il dominio del nostro sito web!
Possiamo personalizzare solo una parte e scegliere il nome che preferiamo.
Non deve essere per forza identico al nome dell’attività commerciale, anche se il consiglio è quello di utilizzare il nome per non creare incomprensioni.
L’ultima parte, quella non molto “vanity” la dobbiamo tenere.Volendo, nella prima parte del dominio possiamo inserire anche la località in cui si trova il negozio.
Il sito sarà online nel giro di pochi minuti!

Ricordiamo che:

  1. la creazione del sito web è gratuita.
  2. il sito è rigido, non è in grado di esaudire richieste stravaganti.
  3. è responsive, quindi ottimizzato per tutti i dispositivi.
  4. colori, temi, testi e immagini possono essere modificati in qualsiasi momento.
  5. è sconsigliato cambiare l’url del sito.

    Il servizio è pensato per le attività che non hanno un sito web, non è consigliato che per chi ha già il sito aziendale.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

 

Rifiuto dei backlink dannosi in Google Search Console


I backlink dannosi sono dei riferimenti al nostro sito su siti che hanno un pessimo giudizio di valutazione.Capita infatti che questi web site inglobino ad esempio una quantità elevata di url tra cui può finire anche quello del vostro sito(per quale motivo lo fanno?Ancora non mi è chiaro).Ciò andrà a peggiorare il vostro rank nel web,quindi dobbiamo eliminare il prima possibile tali riferimenti dannosi per la nostra reputazione online.Come fare viene spiegato molto bene nella guida di Google Search Console (Link alla fontedove vengono mostrati quali sono i passi per l’eliminazione.

Rifiuta link Search Console.jpg

Il primo passo è quello di selezionare il nostro sito web.

Rinnega link.jpg

Poi si seleziona un file .txt dove sono scritti gli URL dei siti dannosi.Dove ottenere questi link?Con l’estensione di Alexa su Google Chrome,nella voce Sites Linking In vengono mostrati il numero di siti che ci hanno linkato e se ci clicchiamo ce li fa vedere(in numero limitato pari a 5 nella versione free).Una volta terminata la procedura entro qualche giorno Google dovrebbe averli eliminati.Come articolo di approfondimento sulla questione vi lascio il seguente link: blog.monitorbacklinks.com .

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

 

 

Il nuovo Google Earth


Questo è il nuovo Google Earth,con una grafica accattivante di elevata qualità.

Google Earth.jpg

  1. Effettua ricerche più complesse,seleziona una destinazione e vai.
  2. Impara con le schede informative,scopri ed esplora punti di riferimento locali.
  3. Ruota intorno alla Terra in 3D, inclina e ruota la mappa con Maiusc+trascinamento.
  4. Prendi il timone con Voyager e scegli la tua avventura.
  5. Ti senti fortunato?Lasciati trasportare nel globo.

google earth .jpg

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Come entrare a far parte di Google News


Vi siete mai chiesti come sia possibile entrare a far parte della sezione Notizie di Google? Cercheremo di dare una risposta a questa domanda.Prima di effettuare la richiesta il passo fondamentale è leggere le linee guida di Google News. Il motivo è semplice: se non rispettate i requisiti la vostra richiesta verrà rifiutata in un paio di giorni.Una volta lette tutte le linee guida facciamo la richiesta:

  1. Andate al Centro Editori di Google News
  2. Assicuratevi che il vostro URL sia stato verificato (i procedimenti per la verifica dovete farli in Google Search Console)
  3. Accanto all’URL di cui volete fare richiesta di inclusione cliccate su Richiedi inclusione in Google News
  4. Si aprirà una finestra con diversi campi da dover compilare:

            1. Informazioni sul tuo sito di notizie: devi fornire una breve descrizione del tuo sito di notizie

         2. URL di origine: Inserisci l’URL di identificazione principale della fonte. Per tenere traccia della procedura di inclusione, devi fornire un URL verificato in Search Console.

            3. Città,Nome fonte,Stato/Provincia,Lingua del sito,Regione,Categoria del tuo sito.

        4. Informazioni sulle sezioni di News: gli URL delle sezioni dovrebbero appartenere allo stesso dominio del sito principale.Questo campo è importante e non lo dovete assolutamente sbagliare.E’ proprio questo l’URL dove voi pubblicherete gli articoli che andranno a finire in Google News e quindi gli stessi debbono essere appropriati e rispettare tutte le regole definite nelle linee guida.Pena: la non accettazione della richiesta o la rimozione da News se la richiesta era stata accettata ma voi non avete rispettato le regole.

5. Etichetta: seleziona la categoria che corrisponde meglio alla sezione della tua pubblicazione(ovvero quella del passo 4).Cioè per ogni sezione andiamo ad associare l’etichetta più appropriata.Naturalmente potremo aggiungere più di una sezione e di conseguenza un etichetta per ogni sezione.

La gestione delle sezioni è importante e va trattata con cura.Se per esempio voi trattate notizie locali e nazionali utilizzate due sezioni: una chiamata ad esempio news cronaca locale dove andrete a pubblicare le notizie della cronaca locale e un’altra news cronaca nazionale dove andrete a pubblicare articoli di cronaca nazionale.Se poi parlate anche di novità tecnologiche non mettetele in news nazionale ma create una nuova sezione e chiamatela ad esempio novità itech. Cioè il sito deve essere molto ben strutturato altrimenti se manca di coerenza nelle informazioni venite rifiutati o sbattuti fuori.Per sezione si intende l’URL specifico dove pubblicherete l’articolo,della forma ad esempio http://www.nome_sito/news_locali

A questo punto inviate la richiesta.Per vedere se la richiesta viene accettata o no dovete controllare il Centro Editori di Google News.Nel caso in cui non vi accettino comparirà la seguente frase:

Valutazione completata: sito rifiutato

La cosa brutta è che non viene spiegata la motivazione del rifiuto.Siete stati rifiutati e potrete fare di nuovo richiesta dopo un periodo mi sembra di 60 giorni.Vi auguro buona fortuna!

 

 

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

G Suite: Gmail,Documenti,Drive, Calendar e Hangout per le aziende


G Suite per le aziende.png

G Suite è la risposta di Google all’utilizzo professionale di strumenti e servizi messi a disposizione alle aziende di tutto il mondo.Il cloud come sappiamo è il presente e il futuro della gestione dei dati.G Suite offre la possibilità di inglobare insieme tutta una serie di servizi indispensabili a livello aziendale.La parola chiave quando si parla di azienda è collaborazione e interoperabilità.Poter condividere tutto a portata di tutti i collaboratori in maniera organizzata,precisa,rapida e dettagliata,ponendo anche l’attenzione sui dispositivi mobili sempre più utilizzati in ambito lavorativo.E’ questo lo scopo principale di G Suite. Vi presento una panoramica dei servizi offerti e nella parte finale vi posto il referral link con cui potrete registrarvi (inserendo il codice) usufruendo di uno sconto del 20% (riceverete uno sconto del 20% sulla quota del primo anno) e di una prova gratuita della durata di 14 giorni .

Email aziendale (@tua_azienda.com)

Email professionale senza pubblicità con 30 GB di spazio di archiviazione e assistenza 24 ore al giorno, 7 giorni su 7. Compatibile con Microsoft Outlook e altri client di posta.Abilitazione dell’utile impostazione “conferma di lettura“.

Tutto lo spazio di archiviazione che ti serve

Inizia con 30 GB di spazio di archiviazione online per utente(G Suite Basic). Passa al piano di archiviazione illimitato per altri € 4 per utente al mese(G Suite Business).

Assistenza con operatore 24 ore al giorno, 7 giorni su 7

Chiama l’assistenza Google o invia un’email per ricevere assistenza da un operatore tutte le volte che ne hai bisogno. Puoi anche trovare in un attimo le risposte che ti servono nel nostro Centro assistenza.

Controlli di amministrazione avanzati

Aggiungi e rimuovi utenti, configura gruppi e imposta opzioni di sicurezza come la verifica in due passaggi e il Single Sign-On, tutto da una sola Console di amministrazione centralizzata.

Gestione dei dispositivi mobili

Proteggi i dati della tua azienda con la gestione dei dispositivi, che ti consente di individuare facilmente i dispositivi, richiedere password e, se necessario, cancellare i dati.

Facile migrazione dei dati

Utilizza gli strumenti per la migrazione gratuiti per importare le email dai sistemi precedenti, come IBM Notes o Microsoft Exchange. E se ti serve assistenza, non devi far altro che chiamarci.

Le versioni

G Suite è disponibile in 3 versioni:

Alcune versioni potrebbero non offrire tutte le funzionalità del servizio di base. Ad esempio, mentre Gmail è incluso in tutte le versioni, la crittografia S/MIME dei messaggi email è disponibile solo in G Suite Enterprise.

G Suite Enterprise G Suite Business G Suite Basic
Messaggistica: Gmail, Calendar, Contatti
Archiviazione e collaborazione: Drive, Documenti, Hangouts
Forum web e posta in arrivo condivisa: Groups for Business
Ricerca di posta e documenti a livello di dominio, conservazione delle email: Vault ✘*
Altri servizi Google: Blogger, YouTube e altri
Ricerca e assistenza unificate per i contenuti in vari servizi G Suite: Cloud Search **

** Google Cloud Search non è disponibile in G Suite for Education.

G Suite Enterprise G Suite Business G Suite Basic
Numero massimo di utenti Illimitato Illimitato Illimitato
Spazio di archiviazione per email, documenti e foto per utente Illimitato * Illimitato * 30 GB
Garanzia di disponibilità del servizio del 99,9%
Assistenza telefonica 24 ore su 24, 7 giorni su 7
Assistenza email prioritaria
Videoconferenze
  • Gli account con un massimo di 4 utenti ricevono 1 TB per utente. .

Per altre info a riguardo consultare la pagina dedicata

Costo

Tutti gli strumenti di G Suite Basic a 4€ al mese per utente.

Click this link: REFERRAL LINK for G SUITE (basic) and insert promotional code:

M46FP69RRE7TVVQ

or

M43LRHXK4QTYPMX

or

W4AGG9LL9YXR6J7 (used)

(Aggiornamento: se i codici non sono più validi perché utilizzati da altri mandatemi una semplice email e ve lo spedirò via posta elettronica: michelepaol@gmail.com). Ps: i coupon sono validi solo per GSuite Basic per GSuite Business sono disponibili solo in Australia, Singapore, Germania, Irlanda, Norvegia, e Inghilterra. 

G suite.png

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Google Keep: i tuoi promemoria/appunti condivisi nel Cloud


Hai la memoria corta?Annota rapidamente i tuoi pensieri e condividili con amici e parenti. Crea un promemoria con la voce e verrà trascritto automaticamente. Scatta la foto di un manifesto, una ricevuta o un documento e potrai organizzarla o ritrovarla facilmente in un secondo momento con una ricerca. Annota i tuoi pensieri,aggiungi note, elenchi e foto a Google Keep. Hai fretta? Registra un promemoria vocale e Keep lo trascriverà per consentirti di ritrovarlo in un secondo momento. Condividi idee con amici e familiari.Pianifica con facilità la festa a sorpresa che stai preparando condividendo le note di Keep con gli altri invitati e collaborando con loro in tempo reale. Trova velocemente ciò che ti serve.Assegna colori diversi ed etichette alle note per organizzarle rapidamente senza perdere tempo. Per trovare una nota salvata ti basta fare una ricerca. Keep funziona su:
  • smartphone
  • tablet
  • computer
  • dispositivo indossabile Android.

Tutto ciò che aggiungi viene sincronizzato su tutti i tuoi dispositivi ed è sempre a tua disposizione. Ciò che ti serve, quando ti serve.Devi ricordarti di comprare la verdura? Imposta un promemoria basato sul luogo per fare in modo che la lista della spesa venga visualizzata appena arrivi al supermercato. Prova Google Keep sul Web (link)e sul tuo telefono Android scaricando l’app (scarica l’app).Puoi anche aggiungere l’estensione su Google Chrome (link).

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Come fare una ricerca su Google Maps conoscendo le coordinate


Vi sarà capitato o forse vi capiterà,di cercare un luogo avendo solo a disposizione solo le coordinate di riferimento.Come risalire al luogo?Prima di tutto andiamo su Google MapsIn alto a sinistra vediamo la barra dove effettuare la ricerca (è situata accanto alle “barrette orizzontali” del menù dove vi è scritto Cerca su Google Maps).E’ questa la regione che a noi interessa poichè è qui che andremo ad inserire le coordinate per individuare il luogo.Ma qual’è la sintassi?E’ molto semplice,basta inserire senza spazi le coordinate mettendo prima la latitudine(distanza angolare di un punto dall’equatore) nel formato gradi, minuti e secondi (DMS) e poi seguita da una virgola,la longitudine(distanza angolare di un punto da un arbitrario meridiano di riferimento lungo lo stesso parallelo del luogo).Le latitudini e le longitudini sono grandezze angolari e come tali sono misurate in gradi.

Esempio: possiamo scrivere 43°13’21”N,13°48’57”E e cliccare invio,  oppure per fornire indicazioni più precise pur utilizzando la notazione DMS, i secondi possono essere espressi in formato decimale utilizzando il punto come separatore 43°13’21.0”N,13°48’57.9”E .Possiamo anche evitare di inserire ° ‘ ” se a loro posto mettiamo uno spazio.

L’indicazione degli emisferi N (nord) / S (sud) e E (est) / O (ovest) può essere sostituita dal segno. In particolare, avremo valori negativi per latitudini nell’emisfero sud e longitudini ad ovest del meridiano fondamentale.

Infine cito un sito web utile per questo tipo di operazioni: coordinate gps.it.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.