Trends 2017 Italia: i personaggi più cercati dell’anno e il segreto per diventare famosi


I più cercati Google Trends 2017 Italia

Nella top 10 delle ricerche italiane individuiamo le tematiche principali,che possiamo raggruppare in 5 macro categorie:

  • Morte 
  • Rischio di morte
  • Calcio
  • Sanremo
  • Influencer

Entrano nella categoria Morte: il famoso pilota di moto Nicky Hayden investito mentre andava in bicicletta, Paolo Villaggio attore famoso morto a 84 anni, Chester Bennington famoso cantante dei Linkin Park morto suicida, Chris Cornell cantante di 52 anni morto suicida. L’essere molto famosi e morti li ha resi celebri in rete.

Entrano nella categoria Rischio di Morte: Nadia Toffa la conduttrice delle Iene uno dei programmi più visto della televisione italiana,Fabrizio Frizzi conduttore famoso della Rai. Il rischio di morte determina una maggiore curiosità protratta nel tempo rispetto alla morte.Per sapere le condizioni di salute vengono continuamente cercate le query nel motore di ricerca.Questo incrementa quindi il volume stesso delle ricerche. Il rischio di morte può quindi elargire un maggiore interesse di una morte improvvisa.

Entra nella categoria Calcio solo Donnarumma. È giovane,è famoso,è ricco,gioca a calcio,gioca con il Milan,vive in Italia paese di pallonari. C’era da aspettarselo un elemento di calcio nella classifica.

Entra nella categoria influencer solo Chiara Ferragni. È famosa,è bella,è ricca,è gnocca,si “sbombarda” un cantante famoso,si sta per sposare ed è incinta. L’unica influencer ad avere tutte le carte in regola per entrare in classifica.

Entrano nella categoria Sanremo i due cantanti in podio nel programma televisivo musicale più famoso e importante d’Italia. Inoltre un anno di successi e di rilanci discografici per i due cantanti italiani. Sanremo si conferma una delle più importanti vetrine a livello di immagine per quanto riguarda la musica. Ciò non toglie la grandezza dell’artista senza la quale la vetrina non avrebbe senso.

Da notare bene come le categorie Politica,Economia,Società non rientrino nella fonte di interesse specifico della massa di “ricercatori web”.

Insomma la strada per il successo è segnata in maniera molto lineare,per arrivare in alto devi:

Essere un giovane influecer molto famoso che gioca a calcio ha doti canore eccellenti tali da poter partecipare a Sanremo, devi essere quel tanto fortunato da rischiare di morire ma sopravvivere alla grande,ritornare in pista e al momento dell’apice della carriera schiattare per un tragico evento fatale. Ti ho svelato il segreto per diventare famoso,ora tocca a te!

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Annunci

Guadagni online: Google ha fatto il bonifico


Pagamento Google.jpg

In giro si sentono molte voci in merito ai guadagni online.Di rapinatori seriali ce ne sono a bizzeffe che vi dicono gratis come guadagnare un sacco di soldi.Posso assicurarvi come mostrato sopra che Google paga.Ora se vi dicessi come guadagnare soldi online sarei un ciarlatano poiché nessuno che guadagna soldi online dice gratuitamente ad altri sconosciuti come li guadagna,se ve lo dice è perché vi sta fregando.Partendo da questo presupposto non vi dirò mai come fare e questo fa di me una persona cinica,egoista e quindi credibile.Vi siete mai chiesti perché uno sconosciuto che non vi conosce dovrebbe darvi qualcosa gratis??E dai quando mai!!Potrei fare un bell’ebook da farvi pagare e svelarvi tutti i segreti.In quel caso sarei un cinico credibile che sta cercando di ampliare il volume d’affari.In effetti non sarebbe sbagliata come idea,ci penserò su…sarei curioso di vedere il risultato.Ci sentiamo,non fatevi fregare da mister gratis,online tutto ha un prezzo!

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

 

Video Presentazione: seremailragno.com


Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Tinaba: il portafoglio digitale gratuito


Tinaba .jpg

Premessa: leggi l’articolo fino alla fine se vuoi ricevere 5€ in omaggio!!!

Tinaba (acronimo di This Is Not A Bank) è un App versatile completamente gratuita per:

  • inviare
  • aggregare
  • condividere

il denaro a costo zero.Una sorta di portafoglio digitale completo all’interno del proprio smartphone.
Consente di:

  • gestire le spese
  • amministrare i risparmi
  • realizzare progetti in modo social e divertente.

Tinaba è l’unica App che consente transazioni veramente gratuite, ovunque e per tutti:
anche un solo centesimo può essere trasferito senza alcun tipo di commissione, né per chi lo invia, né per chi lo riceve(al contrario di quanto avviene nei pagamenti con i Pos per esempio).Sul progetto nato nel 2016 sono stati investiti più di 30 milioni di euro.Anche se la partenza è andata a rilento,l’azienda conta di raggiungere 250 mila utenti nel 2018.

Tinaba Google Trends.jpg

Tinaba Lombardia

I trend delle ricerche confermano una crescita di interesse e non a caso le maggiori ricerche del termine provengono dalla regione Lombardia proprio perché l’azienda Arpe Group è milanese.
Tutti, possono avere il controllo diretto del proprio denaro e accedere a servizi dedicati, in pochi tap.Molto più di un digital wallet, Tinaba è un ecosistema digitale che trasferisce le modalità social di condivisione nella sfera del denaro:

  • scambiare denaro con i propri contatti
  • condividere le spese con un conto condiviso
  • raccogliere fondi per realizzare i propri progetti o per una giusta causa (crowdfunding)
  • risparmiare in automatico con i Salvadanai sono solo alcune delle funzioni da provare.

La rivoluzione è anche lavorativa: con Tinaba è possibile creare un profilo business che consente di gestire le entrate e le uscite della propria attività commerciale e offrire ai propri clienti un’esperienza d’acquisto completamente diversa e personalizzata. Il futuro è già qui: con Tinaba si può ordinare direttamente dalla App, pagare senza passare alla cassa o dividere il conto con gli amici in un istante.
Tinaba è il frutto di anni di ricerca e sviluppo, nonché di un desiderio costante di crescere e migliorare, che ci ha consentito di offrire servizi completamente nuovi rispetto a quelli già esistenti sul mercato fintech.

Tinaba si sta diffondendo sempre più rapidamente partendo dai distributori automatici di carburante API/IP dove sarà possibile a breve in tutte le stazioni effettuare transazioni semplicemente attivando il bluetooth e utilizzando l’App del proprio smarthphone.

Tinaba permette diversi livelli a seconda delle nostre esigenze :

  • Versione di prova: dura 60 giorni e puoi spendere fino a 100€ per singola transazione e fino a 200€ al giorno.
  • Livello B: limiti di trasferimento fino a 250€ al giorno
  • Livello A personale: limiti di trasferimento fino a 1000€ al giorno
  • Livello A business: per coloro che vogliono usarla a livello professionale nella propria attività

Potrete trovare informazioni sui livelli in bancaprofilo.it e specifiche aggiuntive al sito ufficiale tinaba.com.

PROCEDURA di accredito gratuito: 

  1. Vai al sito tinaba.com 
  2. Scarica l’app dallo Store
  3. Usa il codice invito SXC7T6 ,completa la registrazione con tutti i dati (raggiungerai il livello B) e riceverai 5€ di accredito in maniera gratuita!!!

Profilo Tinaba

In un futuro non molto lontano i contanti saranno solo un ricordo e qualsiasi transazione nel mercato avverrà in maniera del tutto digitale.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Sponsorizzazioni su Facebook: caso pratico


Sponsorizzazione Facebook.jpgÈ da un po’ che sto studiando il comportamento, l’analisi, i risultati su Facebook riguardanti le sponsorizzazioni mediante un sistema empirico. Se hai un’azienda,un attività, un locale e vuoi farti conoscere prima o poi ti dovrai scontrare con le sponsorizzazioni. Spesso il modo migliore per testare se una campagna pubblicitaria funziona o meno è fare delle prove con un budget minimo e vedere effettivamente cosa accade. Infatti non sempre è possibile prevedere i risultati di una sponsorizzazione. Le variabili in gioco sono moltissime e molto spesso è l’esperienza l’arma maggiore a nostra disposizione. Più si sperimenta, più si comprende e più si acquisiscono nozioni utili per le successive campagne promozionali. Per una volta ho voluto fare di testa mia senza informarmi bene sul tema. Quella riportata nell’immagine è un esempio di sponsorizzazione di un dipinto fotografato in una cripta del Duomo di Fermo. I temi quindi sono la pittura,l’arte,la cultura,i dipinti,i quadri,la religione. La prima cosa che dobbiamo fare prima di sponsorizzare un’immagine è dire quali sensazioni esprime una foto magari dai nostri amici/familiari ma anche a noi stessi cercando di essere imparziali. Individuare la nicchia è essenziale per ridurre al minimo il target di coloro che andranno a vedere la sponsorizzazione. Bisogna ottenere la migliore risposta usando il minor budget!È inutile far vedere un quadro ad una persona a cui l’arte non interessa,sarebbe inutile ed intaccherebbe il nostro denaro. Quindi bisogna individuare al meglio il target per ottenere efficienza. Anche la localizzazione risulta essere molto importante.Infatti è più utile coinvolgere gente vicino a noi ed incuriosirla piuttosto che proporre un prodotto/servizio a persone lontane dal nostro mercato. La vicinanza in generale è un fattore chiave,anche se poi tutto dipende da cosa stiamo sponsorizzando.In genere dobbiamo essere vicini ma non troppo. Per esempio nel nostro caso dobbiamo essere abbastanza vicini da raggiungere il luogo ma non troppo vicini da averlo già conosciuto. È curioso colui che non conosce.Anche l’età e il sesso contano molto per ovvi motivi (inutile scegliere di promuovere assorbenti a uomini e dentiere alle teenager per ovvie ragioni). L’interesse è quello che ci aiuta ad individuare il target ottimale.Ho messo molti hashtag anche se questo è da evitare(l’ho fatto solo perché a lungo termine potrebbe risultare utile nelle ricerche),la descrizione deve essere semplice e deve impressionare.Deve colpire il sentimento di chi la guarda sia dal computer che dallo smathphone. Poi abbiamo il budget economico,un altro elemento essenziale della campagna.Tutto ruota intorno ai soldi.Tutto dipende da quanto siamo disposti a spendere in pubblicità ricordando che:

Chi smette di fare pubblicità per risparmiare soldi è come se fermasse l’orologio per risparmiare il tempo.
(Henry Ford)

Forse la scelta del budget è il parametro più delicato.Quanto debbo spendere?Quanto voglio spendere?Quanto sono disposto a spendere?Quanto credo in ciò che sponsorizzo?Col tempo si possono rispondere a queste domande, ma per partire ci bastano 5€.

Nell’esempio sopra sono stato piuttosto generico e largo in termini di selezione. Essendo la città in cui si trova la tela nelle Marche,ho scelto come luogo proprio la regione Marche. Come età ho messo 18-65+ e come interessi non ho selezionato nulla.Ho impostato un budget di 4€ per 7 giorni con la possibilità di andarlo a modificare in corso d’opera. Una cosa importante è che una volta terminata la campagna non possiamo più mettere in evidenza lo stesso post. Quindi se vogliamo continuare a sponsorizzare lo stesso post dobbiamo farlo prima del termine della campagna,in quanto in corso d’opera possiamo aggiungere il budget e prorogare la campagna. Questo è utile perché possiamo analizzare i risultati,vedere come sta andando e modificare i parametri al fine di migliorare il target. È a piccoli passi che si è conquistata la luna!(sempre che non sia stata tutta una montatura).

Tornando a noi dalla campagna ho escluso le fasce giovanili perché poche avvezze all’arte e alla cultura.Ecco perché sono partito dai maggiorenni.Poi ho visto analizzato il grafico delle età e del sesso e ho notato che i migliori riscontri si hanno dai 45 ai 65+ anni,questo perché come potevamo aspettarci le persone sono più mature,più religiose e maggiormente interessate all’arte. Inoltre all’aumentare dell’età aumenta anche la percentuale di interesse della donna. Ecco perché ho scelto di modificare il range di età spostandolo verso l’alto e il sesso selezionando solo le donne. Fatto questo ho aggiunto altro budget alla campagna. Piccoli step sempre più restringenti perché è dall’analisi dei dati raccolti che si prendono i provvedimenti. Per esempio nel passo successivo potrei modificare di nuovo il target aggiungendo gli interessi e aggiungere ancora altro budget per vedere se migliora la situazione.

Fatevi furbi(nel senso positivo del termine,non nel senso che dovete fregare le persone,questo non va mai e poi mai fatto sia chiaro).Anticipate,giocare d’anticipo è fondamentale. Come?Vi spiego.Allora nel mio caso prima di pubblicare la foto ho fatto una ricerca su Google. Inutile parlare di cose già note e già viste,voi dovete essere originali. Più sarete unici e originali e più avrete successo.Per questo motivo ho visto che l’argomento e la tela erano poco conosciuti. Un punto a mio favore!Ho creato subito un articolo dedicato e indicizzato con i tag giusti. Ecco quindi che colui che viene affascinato dalla foto su Facebook andrà a fare la ricerca su Google con il tag che io ho indicizzato qualche giorno prima. Morale della favola, l’utente andrà a cliccare con molta probabilità sul mio articolo.A questo punto dovrebbe scattare l’applauso,queste cose non si insegnano e probabilmente non ci avevate mai pensato o sbaglio?È uno dei motivi per cui vi consiglio di seguire il mio sito. Potrei continuare a scrivere pagine e pagine ma dopo l’articolo diventerebbe pesante quindi vi riassumo altre due cose molto importanti per una sponsorizzazione: la “gnocca” e le “cose gratis”, e se proprio vuoi esagerare con la “gnocca gratis” il successo sarà assicurato.Lascerò a voi sviluppare i concetti o magari li riprenderemo in futuro(fatemi sapere).

Non dimentichiamoci poi l’asse temporale.Il tempo relativo di Einstein basato sugli avvenimenti. Gli avvenimenti sono essenziali. Il contesto sociale nel momento della sponsorizzazione è essenziale. Le persone sono facilmente influenzabili dai mass media,per questo dobbiamo sfruttarli per veicolare l’advertising nel momento giusto. È scoppiato un caso di uova avvelenate da pesticidi??È il momento giusto di sponsorizzare le nostra uova biologiche!!Dobbiamo fornire la giusta soluzione nel momento esatto alle problematiche sociali. Chiamatelo cinismo,chiamatelo opportunismo o chiamatelo semplicemente marketing.

Ps: se siete curiosi di vedere il post ecco il link.Mi raccomando commentate l’articolo e fatemi sapere come la pensate.Grazie 🙂

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

I soggetti coinvolti nell’Advertising


Individuiamo i soggetti principali che giocano il ruolo fondamentale nel sistema pubblicitario online. Abbiamo:

  • Il blogger (chiamato anche publisher),ed è il soggetto che scrive nel suo spazio web,ed ospita la pubblicità in cambio di un compenso economico.
  • La piattaforma che crea,gestisce e ospita(hosting) i vari blog (nel nostro caso WordPress.com)
  • Il gestore di un network pubblicitario o circuito di advertising (che nel nostro caso è rappresentato da WordAds), che si occupa della gestione di tutto il comparto pubblicitario.
  • Gli inserzionisti o advertisers, ovvero coloro che vogliono farsi pubblicità sul blog per mezzo del network pubblicitario.
  • Il lettore,ovvero colui che visita il blog

Gli inserzionisti si rivolgono al gestore del network per promuovere i loro prodotti e/o servizi. Questo viene fatto in maniera digitale,infatti il circuito di advertising mette a disposizione solitamente una piattaforma ben strutturata dove si possono attivare o disattivare le varie campagne pubblicitarie, definire tutta una serie di parametri in base alle proprie esigenze e visualizzare le statistiche relative all’andamento della campagna per avere un feedback sul successo o meno della nostra pubblicità, in base alle vendite procurate.

Il titolare del blog o publisher può essere una persona fisica o giuridica, come nel caso di una società,e non è altro che un intermediario attivo se entra in gioco scegliendo i prodotti da pubblicizzare nel proprio blog o passivo se pubblicizza tutto automaticamente senza entrare nel merito tra gestore del network e inserzionista (come nel nostro caso).

La piattaforma semplifica la creazione del blog e la sua gestione. Grazie ad essa tutti possono realizzare un blog senza avere alcuna conoscenza di programmazione di codice. Questo è possibile perché i programmatori hanno creato per noi un’interfaccia di alto livello intuitiva e semplice che permette ad ognuno di realizzare il proprio spazio web. È chiaro che questi programmatori vanno pagati e li si paga quando si fa il contratto premium o business di wordpress.com. Il limite di questo sistema è la possibilità limitata di modifiche. Più vuoi modificare e più devi pagare in sostanza.

Il gestore del network che solitamente non è altro che una società ha il compito di inserire le campagne promozionali degli inserzionisti negli opportuni spazi delle pagine web del blogger,prendendo degli accordi sia nei confronti degli inserzionisti da cui ricevono i soldi,sia nei confronti dei blogger a cui destinano una parte di quei soldi.

Il lettore è l’utente finale che entrando nel blog e scorrendo le pagine visualizza le pubblicità (o ads,dall’inglese advertise) diventando così un finanziatore indiretto del blogger.

Abbiamo quindi:

  • un finanziatore diretto che è l’inserzionista, è colui che tira fuori la maggior parte dei soldi.
  • un finanziatore indiretto che è il lettore.
  • un creditore diretto che è il gestore del network.
  • un creditore indiretto che è il titolare del blog.
  • un doppio creditore che è la piattaforma del blog.È il soggetto più avvantaggiato in quanto guadagna dal blogger e dal gestore del network.

Questi sono i 5 soggetti fondamentali nel sistema pubblicitario del web. È chiaro che chi guadagna maggiormente è in ordine:

  1. Il  gestore della piattaforma dove si concentra la maggior parte del lavoro intellettuale/teorico/pratico/responsabilità.
  2. Il gestore del network pubblicitario.
  3. L’inserzionista grazie al ritorno economico derivante dalla pubblicità,sempre che questa abbia funzionato opportunamente.Se pubblicizza è chiaro che vuole un ritorno dell’investimento, ovvero un ritorno economico superiore alle spese per la pubblicità.
  4. Il blogger, grazie al ritorno economico indiretto.
  5. Il lettore,il suo guadagno è un guadagno di informazione che a volte si può tradurre in economico indiretto,se utilizza l’informazione per farci dei soldi.

Perché è importante capire i soggetti in gioco??Perché in base al numero di soggetti possiamo avere un guadagno maggiore o minore.È chiaro che più la filiera è lunga e più  i margini di guadagno sono risicati, poiché tutti debbono mangiare!Chi mangia di più??Quello che mangia di più è sempre e dico sempre il NETWORK. E qui di esempi ne possiamo fare a bizzeffe. Facebook è un NETWORK,Instagram è un NETWORK,Amazon è un NETWORK,Google è un NETWORK e così via..I network guadagnano perché sono grossi,sono pochi,sono intellettualmente superiori.Scendendo verso il basso dalla classifica infatti possiamo notare l’aumento del numero di soggetti che entrano nel mercato,sottolineando una struttura di tipo piramidale.Quindi capire come guadagnare ora è molto più semplice.Dobbiamo ridurre il numero di soggetti in gioco!Possiamo eliminare il gestore del network e parte della piattaforma del blog(abbiamo bisogno solo dell’hosting). Questo significa che dobbiamo programmarci il blog o in maniera più semplice sfruttare wordpress.org installandolo sull’host. E dobbiamo prendere accordi diretti con coloro che vendono pubblicità,facendoci dare una cifra in cambio della loro pubblicità sul nostro sito.E poi dovete incrementare il numero di lettori creando contenuti di qualità che siano letti da molti utenti.Insomma niente di nuovo ma esposto in maniera più chiara e logica.Ti è piaciuto?Fammi sapere!

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Nuovi Badge in arrivo per le Local Guides


I nuovi badge stanno presto arrivando per tutte le Local Guides di Google, ma vi è un ritardo in Google Maps per quanto riguarda la piattaforma Android. Restate sintonizzati per avere ulteriori informazioni nelle prossime settimane. Ti piace fotografare? Rivedere i luoghi che hai visitato e rivisiterai? Esplorare nuove aree, o aggiungere dettagli su luoghi che frequenti, per aiutare gli altri a muoversi?Le guide locali condividono le loro conoscenze in molti modi,dalla recensione alla foto fino ad arrivare al video. Ecco perché si stanno introducendo i nuovi badge per riconoscere i diversi tipi di collaboratori principali su Google Maps ed assegnare loro un distintivo per onorarlo delle sue capacità. In particolare i distintivi saranno cinque:

Recensore (Reviewer)
Guadagnerai questo distintivo scrivendo recensioni dettagliate che aiutano la gente a decidere dove andare.Reviewer Local Guides.jpgFotografo (Photographer)
Questo distintivo è per la condivisione di foto dei luoghi, in modo che altri possano vedere il mondo in Google Maps.

Photographer Local Guides.jpg

 

Esploratore (Trailblazer)
Ecco il badge di esploratore. Guadagna per essere il ​​primo ad aggiungere, rivedere o scattare una foto di un luogo non ancora presente.

Fact Finder Local Guides

Controllore di dati (Fact Finder)
Guadagna questo distintivo controllando i dati, effettuando modifiche e rispondendo a semplici domande sui luoghi, per aiutare le persone a trovare le informazioni giuste su Google Maps.

Condividendo di più potrai ottenere badge di livello più alto. Ad esempio, un fotografo novizio può diventare un fotografo esperto e quindi raggiungere il titolo leggendario come un master fotografo. Anche i tuoi contributi passati verranno presi in considerazione, in modo che alcuni di voi abbiano già raggiunto tale status!

Questa funzionalità è in fase di elaborazione ed uscirà nelle prossime settimane. Per verificare se è presente ora sul tuo dispositivo, vai a “I tuoi contributi” in Google Maps per Android o iOS. Lì, vedrai il tuo progresso verso ogni distintivo. Tocca ciascuno per vedere come guadagnare la versione più avanzata del tuo nuovo distintivo.

Distintivi Local Guide.png

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

 

 

I segreti dietro la SEO di Google [parte 1]


Iniziamo dal titolo.Se qualcuno vi svela i segreti nascosti dietro la SEO di Google o è un impostore, il che riguarda la maggioranza dei casi o lavora proprio nel settore e nella multinazionale,e in questo caso sta commettendo un reato per divulgazione non permessa.Vi dico subito di non far parte di queste due categorie,mi piace essere chiaro,molto chiaro.La categoria a cui appartengo è quella di coloro che cercano di capire.Quanto affermerò in seguito deve essere considerato come ipotesi non come certezza ed in quanto tale va presa con le dovute precauzioni del caso.Badate bene a chi vi vende certezze,è solo marketing.Quando si parla di SEO Google di preciso nessuno sa come funziona in quanto gli algoritmi sono fortemente complessi e molto variabili nel tempo , ma si può risalire al modo di pensare dell’algoritmo partendo dai risultati ottenuti nelle ricerche SERP.  Un po’ come fanno gli ingegneri di reverse engineering (ingegneria inversa) quando debbono copiare un dispositivo prodotto da altri concorrenti avendo a disposizione solo l’oggetto senza conoscere il suo schema di funzionamento. Attenzione però non vi basta andare direttamente nel motore di ricerca e digitare quello che volete analizzare(una parola chiave,una query) poiché Google vi ha già “schedati” e “memorizzati” modificando quindi i risultati di ricerca in base alle vostre preferenze/esigenze e cronologie temporali memorizzate dal browser nella sua memoria interna(non a caso si chiama Search Engine Optimization, tutto ruota nell’ottimizzazione). Google vi ha studiato e ha ottimizzato i risultati più consoni alle vostre esigenze. Per poter quindi fare un’analisi “incontaminata” dalle precedenti ricerche dobbiamo prima di tutto svuotare la cache nelle impostazioni del browser e successivamente sempre dalle impostazioni di Google Chrome avviamo nuova finestra di navigazione in incognito. Da qui in poi i nostri risultati nelle ricerche non terranno conto del passato e quindi non modificheranno il futuro. Siamo in completo anonimato come se fossimo un utente qualsiasi del web in cerca di qualcosa e naturalmente speriamo che quel qualcosa ci conduca al nostro sito. Ma come diavolo fa Google a posizionarci? Se non possiamo dare una risposta precisa e dettagliata a questa domanda possiamo immaginare quali siano i parametri principali da tenere in considerazione che rappresentano la traduzione in termini numerici del comportamento degli utenti nel vostro sito: tempo di permanenza , frequenza di rimbalzo, numero di pagine visualizzate, etc. etc . Ovvero uno dei primi compiti di Google è quello di fungere da vero e proprio trasduttore. Un trasduttore in fisica non è altro che un componente in grado di trasformare/convertire un segnale di un certo tipo in un segnale di un altro tipo al fine di poter essere studiato. I sensori sono tutti dei trasduttori,basti pensare al sensore di temperatura che trasforma il livello di temperatura in un livello di tensione elettrica (un’ampiezza di tensione). Una cosa simile fa Google convertendo dei segnali comportamentali (il comportamento degli utenti sul sito visitato) in parametri numerici capaci di essere trattati,rielaborati,studiati. Dopo aver effettuato la trasduzione sarà compito dell’algoritmo di fare i calcoli ed analizzare un numero elevato di parametri che alla fine ci debbono dare come risultato una posizione nel motore di ricerca. La velocità dei cambiamenti nel mondo di internet è veramente impressionante e quindi per stargli dietro l’algoritmo deve essere altrettanto “bravo” da analizzare i dati nel miglior modo ottimizzato possibile al fine di assicurare all’utente la migliore approssimazione possibile al livello di informazione richiesta. Un motore di ricerca di successo è quello che da all’utente ciò che l’utente cerca(nel migliore dei casi) o ciò che di più si avvicina a quello cercato dall’utente.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore

Ryanair: le recensioni ad 1 stella su 5 raggiungono un picco senza precedenti


Ryanair.jpg

Il popolo del low cost ha sentenziato con 34 mila recensioni ad una stella che stanno crescendo a dismisura e a livelli impressionanti. Un voto medio di 1,4 stelle non si era mai visto in una pagina da 2.433.746 like. Sta scoppiando una vera e propria bomba dentro la compagnia?Che diavolo sta succedendo? Migliaia di voli cancellati, con un totale di circa 400 mila passeggeri coinvolti. Certo che avvisare i passeggeri per email è davvero bizzarro visto che nel 2017 le e-mail non le leggono quasi nemmeno i professori universitari,figuratevi la gente comune.

Un caos senza precedenti nella storia dei voli civili. E l’immagine di Ryanair ne sta uscendo devastata proprio come un k.o. tecnico in un incontro di boxe.

Il titolo ha subito un crollo in borsa:

Ryanair in borsa.jpg

Nell’ultimo aggiornamento ufficiale Ryanair fa sapere:
Ryanair ha fornito un aggiornamento riguardante i progressi sul lavoro susseguenti la cancellazione di 2.100 dei suoi 103.000 voli per le prossime 6 settimane come segue:

  • Tutti i 315.000 clienti hanno ricevuto messaggi di posta elettronica lunedì 18, informandoli sulle loro modifiche di volo e offrendo voli alternativi, rimborsi e comunicazioni EU261. (La cifra è inferiore alla stima iniziale di 390.000, in quanto le prenotazioni in avanti nel mese di settembre erano del 90%, mentre ad Ottobre era del 70%)
  • A chiusura di mercoledì 20, Ryanair prevede di aver risposto ad oltre 175.000 clienti – oltre il 55% dei clienti interessati.
  • Dopo la chiusura di mercoledì 20, oltre 63.000 rimborsi di volo saranno trattati (oltre il 20% dei clienti interessati)
  • La compagnia aerea ha assunto personale addetto al servizio clienti per accelerare il ritardo delle richieste di cambiamento e rimborsi.
  • Ryanair prevede di elaborare oltre 300.000 rotte alternative o rimborso clienti (oltre il 95% dei clienti interessati) entro la fine di questa settimana – entro 6 giorni dalla notifica ai clienti della cancellazione dei voli.

Kenny Jacobs di Ryanair ha dichiarato:
“Ci scusiamo sinceramente a ciascuno dei 315.000 clienti i cui voli originali sono stati annullati per un periodo di 6 settimane in Settembre e Ottobre, mentre lavoriamo per risolvere questo problema nel più breve termine possibile.
Abbiamo aggiunto squadre addizionali per il servizio clienti per velocizzare il tasso di rimborso o proposte di voli alternativi. Ci aspettiamo che la maggior parte di questi ultimi sia completata entro la fine di questa settimana.
La grande maggioranza delle richieste viene affrontata in linea, ma i nostri call center e le linee di chat sono estremamente affollate, chiediamo ai clienti interessati di avere un po di pazienza, facciamo tutto il possibile per rispondere alle loro richieste e cercare di risolvere qualsiasi problema sia stato loro creato, per il quale ancora una volta ci scusiamo “

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Aggiornamento Facebook: l’immagine di profilo circolare


Novità sulle pagine Facebook: a partire da Agosto 2017, la forma della tua immagine del profilo cambierà da quadrata a circolare nella sezione Notizie e sul diario della tua Pagina. La versione più grande dell’immagine del profilo nell’area della copertina della tua Pagina resterà quadrata.

Immagine profilo circolare.jpg

Per ottenere quindi il risultato desiderato apriamo il nostro logo in Adobe Photoshop ed andiamo a sfruttare la sezione ellittica:

Sezione ellittica Photoshop.jpg

Tenendo premuto il tasto shift (in modo da avere un cerchio perfetto) andiamo a definire la sezione circolare in modo da creare la massima sezione circolare possibile interna al quadrato. A questo punto possiamo fare selezione inversa e andiamo a colorare la parte di scarto. Avremo ottenuto così il pattern di riferimento da usare al fine di ottenere un risultato ottimale nella nostra pagina. Vi allego qui il pattern in formato .psd in modo che possiate utilizzarlo per modificare il vostro logo da mettere sulla pagina.

Copyright©2017 http://www.seremailragno.com by Michele Paoletti michelepaol@gmail.com.All rights reserved.
I contenuti presenti  non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.