Un giro ad Alteta di Montegiorgio nei ruderi della Chiesa di San Rocco


Sfidando le temperature estreme sotto il sole di un Sabato di Agosto siamo giunti nei ruderi della Chiesa abbandonata di Alteta nel comune di Montegiorgio.

Garmin

Qualche scatto all’interno:

Comune autonomo sino al 1869, conserva la struttura di castello medievale con la suggestiva piazza XXV Aprile su cui si affaccia il Palazzo Merli. Castello poligonale di piccola entità edificato sulla sommità di un colle con cinta muraria che segue la forma dell’altipiano e un unico accesso sul lato sud. Gli edifici pubblici (Comune), religiosi (chiesa di San Zenone), civili (palazzo Tiracorda) sono edificati addossati alle mura castellane. Nella parte centrale si trovano edifici a schiera delimitati da una via a “ferro di cavallo” che inizia e termina sulla corte del castello su cui si affacciano la chiesa ed il palazzo del Comune. La Chiesa di San Zenone, elegante facciata ottocentesca bipartita in senso orizzontale da una fascia marcapiano e tripartita in senso verticale da doppia serie di paraste. La sommità è chiusa da un timpano verticale. Appena fuori, di cui restano, suggestivi scorci, il perimetro, è dedicata a San Rocco, databile ai secc. XV-XVI.

Chiesa di San Rocco Alteta

Alteta era uno dei castelli, fra cui Cerreto, Francavilla, Magliano di Tenna, Monte San Pietrangeli, Monteverde, Rapagnano, su cui Montegiorgio aveva giurisdizione, riconfermata dal Rettore della Marca, Rinaldo, duca di Spoleto, nei primi decenni del secolo XIII (1229). Si trattava di un’appartenenza di breve durata perché Montegiorgio tornò ad essere sottoposto a Fermo con il rinnovo dei patti del 1293, che prevedeva la restituzione a Fermo del castello di Alteta. Quest’ultimo venne ocupato nel 1413 dai Malatesta, mandati nelle Marche dal papa Gregorio XII per combattere il Migliorati, signore di Fermo, nominato dall’antipapa Giovanni XXIII Rettore della Marca. Per impedire il ritorno di Carlo Malatesta nella Marca, il Migliorati si alleò con Ancona e Camerino e riconquistò tutti i castelli perduti, tra cui quello di Alteta. Nel periodo del Regno d’Italia napoleonico, Alteta fu uno dei Comuni che dipendevano da Montegiorgio, capoluogo di cantone, all’interno del Dipartimento del Tronto. All’atto della Restaurazione pontificia, Alteta era appodiato di Montegiorgio, sede di un governatore, nel distretto di Fermo, all’interno della Delegazione apostolica di Fermo. Con il riparto territoriale del 1835, Alteta aveva come appodiato Cerreto e dipendeva dal governo di Montegiorgio. In base alla statistica numerativa della popolazione dello Stato pontificio del 1857, Alteta aveva come suo appodiato Cerreto, all’interno della provincia di Fermo. Con l’Unità d’Italia entrò a far parte della provincia di Ascoli Piceno, circondario II di Fermo, mandamento III di Montegiorgio. Con decreto reale in data 4 aprile 1869, il Comune di Alteta venne soppresso ed aggregato a Montegiorgio. Parecchi anni dopo, gli abitanti di Alteta ottennero la ricostituzione della loro autonomia comunale, con decreto reale del 30 luglio 1896. Fu, allora, Montegiorgio a ricorrere al Consiglio di Stato ed un nuovo decreto reale, dell’8 aprile 1900, decideva l’aggregazione definitiva di Alteta a Montegiorgio.

Si accede all’antico incasato attraverso la caratteristica porta castellana che ci immette sulla piazza principale e davanti a noi si alza la facciata della chiesa di San Zenone con il suo campanile. Nella struttura sovrastante l’ingresso fortificato si trovava l’ex palazzo comunale. Sempre nell’ampio spiazzo si affacciano dei palazzi nobiliari mentre una stretta via percorre un tracciato ad anello che collega la parte restante del castello occupata dalle abitazioni. Gradevole è la strada che costeggia l’esterno del paese dove è possibile ammirare la campagna fermana e la cinta muraria con la sua singolare pseudo torre angolare che sorge dietro Borgo San Rocco esteso sotto il paese e che trae il nome dalla chiesa ivi eretta ormai ridotta a rudere. Sul retro del borgo la veduta del giardino del palazzo Tiracorda completa il giro di questo interessante paese, a torto, poco conosciuto.

 

Google Play Store

Copyright©2019 Seremailragno.com by Michele Paoletti – michelepaol@gmail.com. All rights reserved.
La proprietà intellettuale dell’articolo non può essere copiata, riprodotta, pubblicata o redistribuita perché appartenente all’autore stesso.
È vietata la modifica e la riproduzione dell’articolo in qualsiasi modo o forma se non autorizzata espressamente dall’autore.

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.